Nuovo Lockdown? Gli italiani amano i loro aguzzini!

di Marco Gervasoni

Il lockdown stile “rana bollita”, una chiusura per volta per poi trovarci come ad aprile, piacerebbe agli italiani: addirittura al 73% secondo il sondaggio Emg Adn Kronos.

Coronavirus, la vignetta scettica di Zangrillo che scatena il web - Corriere.it

Possibile? Non solo possibile, ma probabile e soprattutto non sorprendente. L’uomo, diversamente da quanto credeva Benedetto Croce, non è spinto dalla ricerca della libertà ma da quella della sicurezza, ed è pronto a barattare la prima in cambio della seconda. Su questo dato antropologico, come tale ineliminabile, gioca il potere politico in ogni epoca e in ogni sua forma.

Del resto, non occorre essere esperti della storia del comunismo per sapere che esso è crollato, in Europa orientale, non perché le masse volessero libertà ma perché non potevano più sopportare che alla sua privazione non corrispondesse più la sicurezza economica garantita dai regimi. E, in questo caso, non parliamo solo di sicurezza economica ma propria di sicurezza del corpo e della salute. Chi ritiene, come me, e come tanti in questa sede, che il lockdown anche a rana bollita sia un errore e che peraltro serva a poco a combattere la “pandemia”, deve sapere che conduce una battaglia di minoranza e di testimonianza eretica e quasi sovversiva.

Il partito del lockdown è forte, ed è quasi un blocco sociale: parte di impiego pubblico, di imprenditoria sovvenzionata e assistita, di percettori di reddito di cittadinanza, di pensionati. A questi, rigorosamente, che l’Italia vada in malora forse definitiva dal punto di vista economico e che si avvii verso un tragico declino, importa veramente poco, perché ad assicurare i loro bisogni c’è la mano protettrice dello Stato.

L’Italia dei produttori dovrebbe invece insorgere, perché è quasi certo che un nuovo lockdown daràloro il colpo di grazia. Perché non lo fa? Perché fatica a trovare una propria rappresentanza politica, che l’opposizione (vile e collaborazionista) sembra “timida” a incarnare. E perché la pressione psicologica della massa che chiede lucchetti è enorme. Ma se i produttori non si faranno sentire, la via è segnata. Anche in Venezuela è cominciato così.

Articolo di Marco Gervasoni

Fonte: https://www.nicolaporro.it/nuovo-lockdown-gli-italiani-amano-i-loro-aguzzini/2/

Libri e varie...
RISVEGLIA LO SCIAMANO CHE è IN TE
Libera il potere del cuore e trasforma la tua vita
di Josè Luis Stevens

Risveglia lo Sciamano che è in Te

Libera il potere del cuore e trasforma la tua vita

di Josè Luis Stevens

Via Libera alla tua Interiorità più Autentica!

Il tuo valore principale è la libertà personale? Sei dotato di una sconfinata curiosità verso la conoscenza dell'universo? Desideri ardentemente esplorare il grande mistero della vita? Allora questo è il libro giusto per te. È per persone interessate a modificare il loro senso abituale della realtà al fine di liberarsi dai muri contenitivi della mente.

Se sei soddisfatto dello status quo della tua vita e non vuoi mettere in dubbio ciò che ti è stato insegnato, riponi quest'opera. Si tratta di un libro sulla trasformazione. Leggerlo rovinerà i tuoi piani.

Se invece ti interessa il più grande viaggio mai intrapreso, questo è il libro che fa per te: ti spingerà a provocare cambiamenti, raggiungere un'immensa espansione, una libertà illimitata e la gioia della consapevolezza.

Questo libro s'incentra sul risveglio della fonte più potente e creativa che risieda al tuo interno, un fulcro interiore che fa parte di te fin dai tempi più remoti dell'essere.

Questa fonte di creatività che hai in te è lo Sciamano interiore.
Si tratta dell'energia più reale che esiste, è connessa alla verità, non teme nulla; perciò rappresenta quella parte coraggiosa di te che non si lascia demoralizzare, non si fa prendere dall'ansia e non cade preda della depressione. Lo Sciamano interiore ti aiuta a lasciare andare il tuo bisogno di controllare te stesso e gli altri e ti aiuta ad abbandonarti con fiducia alla certezza di essere al sicuro fra le braccia della vita.  

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *