È nata l’Alleanza Mondiale dei Medici: “La “Pandemia” è finita”

di Denise Baldi

È nata l’Alleanza Mondiale dei Medici, un gruppo indipendente di dottori, infermieri, professionisti sanitari e scienziati che hanno come unico scopo quello di dire la verità sulla pandemia.

allenza mondiale dei medici pandemia

Il 10 ottobre 2020 hanno fatto una conferenza stampa a Berlino per presentare il progetto e alcuni dei partecipanti. Anche il dottor Heiko Schöning fa parte dell’Alleanza Mondiale dei Medici. Partecipò alla manifestazione di Berlino insieme a Robert F. Kennedy Junior e parlò sul palco riscuotendo molti consensi.

Il medico tedesco ha spiegato: “Non vogliamo questa ‘nuova normalità’. E non vogliamo tornare alla vecchia normalità, perché ha creato questa situazione. Vogliamo una normalità migliore e la vogliamo insieme a te”.

Lettera aperta dell’Alleanza Mondiale dei Medici

Hanno scritto una lettera aperta al governo inglese e ai governi e ai cittadini del mondo in cui hanno spiegato le ragioni per le quali reputano questa pandemia ormai finita. “Abbiamo centinaia di migliaia di cosiddetti ‘casi’, ‘infezioni’ e ‘test positivi’, ma quasi nessun malato. Quattro quinti (80%) delle ‘infezioni’ sono asintomatiche (1)”.

Hanno continuato indicando che nei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre i reparti Covid sono stati generalmente vuoti: È chiaro che la “pandemia” è praticamente finita e lo è da giugno. La cosa più importante è che le morti per Covid sono ai minimi storici”. Inoltre hanno aggiunto: “Questi ‘casi’ in realtà non sono ‘casi’, ma piuttosto sono persone normali e sane”. L’Alleanza Mondiale dei Medici ha specificato che “è molto probabile che abbiamo raggiunto l’immunità di gregge e quindi non abbiamo bisogno di un vaccino”.

Libri e varie...

Si sono poi soffermati su diversi aspetti fondamentali di questa emergenza, come il confinamento che non è mai stato applicato fino a oggi per un virus respiratorio e a persone sane; l’attribuzione dei decessi al Covid, anche se la morte era dovuta a patologie pregresse; i tamponi, di cui non si può verificare l’accuratezza e che sono soggetti a falsi positivi.

L’Alleanza Mondiale dei Medici ha parlato anche delle cure e in particolare dell’ “idrossiclorochina”, sulla quale è nata una controversia nonostante la sua efficacia. Sul vaccino hanno fatto notare come le case produttrici abbiano scaricato le responsabilità di eventuali reazioni avverse sugli Stati.

Censura e rovina economica

Oltre all’aspetto medico è stato considerato quello economico. Gli Stati hanno subito dei veri tracolli come conseguenza dei lockdown: “La povertà e i suicidi provocheranno molti più morti del virus”. Inoltre, l’Alleanza Mondiale dei Medici ha parlato della censura applicata ai dottori e ad altre fonti di informazione che hanno visto rimuovere video e articoli, se non conformi alla narrativa dei governi.

Hanno concluso con le parole del professor Mark Woolhouse, epidemiologo e specialista in malattie infettive, membro dell’Università di Edimburgo. “Il blocco è stata una misura dettata dal panico, ma credo che la storia dirà che cercare di controllare la Covid-19 attraverso il blocco sia stato un errore monumentale su scala globale. La cura è stata peggiore della malattia.

Articolo di Denise Baldi – Perito chimico, appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale.

Fonte: https://www.oltre.tv/alleanza-mondiale-dei-medici-pandemia-finita/

Libri e varie...
SPYCHIPS (EBOOK)
Le multinazionali e i governi progettano di sorvegliare ogni nostra mossa. Ecco come.
di Katherine Albrecht, Liz McIntyre

SpyChips (eBook)

Le multinazionali e i governi progettano di sorvegliare ogni nostra mossa. Ecco come.

di Katherine Albrecht, Liz McIntyre

Cosa si nasconde dietro la tessera sanitaria elettronica che ha da poco fatto capolino nel portafoglio di tutti gli italiani? Oltre al nobile intento di salvaguardare la salute nazionale attraverso un capillare monitoraggio, non potrebbe celarsi l'ennesima incursione del sistema nella privacy dei cittadini? E, scavando più a fondo, quanto è fitta la rete che controlla le nostre vite?

Secondo l'inquietante scenario descritto dalle due autrici, il Grande Fratello è ovunque: carte di credito, tessere di fedeltà, telepass, confezioni dei prodotti e simili, altro non sono che minuscole spie tecnologiche che hanno il compito di tracciare e registrare i nostri spostamenti, i nostri acquisti, le nostre tendenze sociali, alimentari e culturali.

Quest'occhio indiscreto agisce per conto dell'insaziabile società di mercato, che per sopravvivere ha bisogno di sempre più dettagliate informazioni sulle nostre abitudini di consumatori. Il risultato è che siamo continuamente osservati attraverso particolari microchip chiamati RFID (Radio Frequency IDentification), una tecnologia semplice e di basso costo, della quale però non sono stati ancora sufficientemente indagati i pericoli per la salute umana.

Come salvarsi dal perverso intreccio tra marketing e tecnologia? 
Un'informazione completa, aggiornata e oggettiva come quella offerta dalle due autrici di questo saggio rappresenta uno strumento potente a tua disposizione. 

Non lasciartelo sfuggire. Il testo è arricchito da un'esauriente appendice che inquadra il problema nel contesto della società italiana ed europea e delle relative legislazioni in materia.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *