Con la scusa del Covid decideranno come dobbiamo vivere e morire

di Aldo Grandi

Fra qualche tempo, ognuno di noi dovrà passivamente accettare di essere sottoposto a tutte le determinazioni del comitato politico-sanitario il quale, in base alla presunta onniscenza della scienza, deciderà per cosa dovremo curarci e vaccinarci, vivere o morire.

Se la gente sapesse quali miserie si nascondono, spesso, dietro la quotidianità dell’informazione, cartacea, televisiva o di altro genere, rifiuterebbe ogni contatto ravvicinato di qualunque tipo. E il Covid non fa eccezione. I nostri lettori sanno che non amiamo il politically correct. Sanno anche che non abbiamo l’abitudine di chinare la testa, che diciamo e, soprattutto, scriviamo quello che pensiamo in un mondo dove anche solo il pensare viene visto con sospetto. Non siamo né migliori né peggiori degli altri, ma sicuramente diversi e in un pianeta dove le diversità, anche quelle più allucinanti e dannose, vengono promosse a regola di natura, dovremmo essere soggetti a protezione mentre, invece, siamo oggetto di delazione. Costante e sempre dalla stessa parte. Ma ce ne siamo fatti una ragione.

Oggi, è una evidenza, l’emergenza Covid-19 non è soltanto una malattia, ma qualcosa di più e di peggio. È un business per molti, un’opportunità per alcuni, uno strumento per altri, una ragione di vita per altri ancora. Nonostante i dati dimostrino chiaramente come morire di Covid-19 sia e sia sempre stato particolarmente difficile, se non in presenza di gravi patologie, mentre morire di cancro, insufficienza respiratoria, malattie cardiovascolari, malattie infettive, al contrario, particolarmente facile, oggi è il Coronavirus il nuovo mostro dalle mille teste capace di sconvolgere la mente di milioni di esseri umani preda di paura a dir poco, e di terrore se va bene.

Dicono, per sciacquarsi la coscienza, che le le misure di contenimento e di distanziamento sociale – già queste parole dovrebbero far tremare chi ha un po’ di memoria storica – servono a proteggere gli anziani. Ora, improvvisamente, gli anziani sono diventati una icona mentre i giovani, sarebbero i principali responsabili anzi, gli irresponsabili per eccellenza e solo e soltanto perché anagraficamente tali.

Libri e varie...

Eppure, nessuno si è mai domandato, fino a marzo 2020, quanti anziani – e in quali condizioni – ci fossero nelle Rsa, abbandonati come cani in attesa solamente di passare a miglior vita. Diciamo la verità, dei vecchi – e usiamola la parola giusta – non gliene è mai fregato qualcosa a qualcuno, salvo quando i riflettori della cronaca si accendevano per quale vicenda horror legata ai maltrattamenti nelle strutture in cui erano ospiti.

Adesso, addirittura, Eugenio Giani, il nuovo gauleiter della Toscana (ma è così anche in Lombardia) dopo Dumbo Rossi, ha vietato le visite dei familiari alle persone ospiti dei ricoveri. Attenzione, una volta, quando le parole avevano un peso oltre ad un significato e non come adesso che hanno smarrito sia l’uno sia l’altro, si diceva proprio così: “ricovero” e ricordiamo perfettamente come una delle promesse che ci venivano strappate quando eravamo più piccoli, era di non portare mai mamma e papà nei ricoveri che venivano visti come il fumo negli occhi.

Ha idea, il nostro genio Giani, cosa significa per una persona anziana vedersi tagliati tutti i ponti con i propri affetti? E anche cosa significa, spesso anche se non sempre, per i parenti stretti, non poter più vedere i propri genitori, fratelli, sorelle e via dicendo? Si rendono conto i nipotini di Stalin, che esistono ancora quelli che si chiamano legami affettivi o ancor meglio identità naturali?

Ai tempi del fascismo mussoliniano, del nazismo hitleriano, del comunismo sovietico, chi non aveva la tessera del partito era privato di tutta una serie di possibilità fino a quando non si veniva eliminati fisicamente. Questo, soprattutto, per nazismo e comunismo. Fra qualche tempo, vedrete, se non mesi anni, ma ci arriveremo, ognuno di noi dovrà passivamente accettare di essere sottoposto a tutte le determinazioni del comitato politico-sanitario il quale, in base alla presunta onniscenza della scienza, deciderà per cosa dovremo curarci e vaccinarci, vivere o morire. In sostanza, in un primo momento una parvenza di democrazia lascerà la possibilità di scelta salvo, ovviamente, l’interdizione da molti uffici. In un  secondo momento, poi, persistendo il rifiuto del soggetto, entrerà in vigore la coercizione di ogni potere costituito.

Hanno ragione alcuni infettivologi e virologi da 2 mila euro a comparsa in Tv: niente sarà più come prima perché tutto sarà diverso da prima. Questa presunta pandemia – che pandemia non è perché non esiste un virus che uccide solo part-time – ha fornito la possibilità di sperimentare metodi di governo sconosciuti basati, soprattutto, sulla capacità di instillare e inculcare la paura nelle persone, costringendole a una sorta di passività perenne.

Oggi puoi anche essere malato di tumore al pancreas con sei o sette mesi di vita, ma frega niente a nessuno, oggi conta solo il malato di Covid, tutti gli altri passano in secondo piano. Del resto,  parliamoci chiaro: i malati terminali o quasi non contagiano, tanto o poco non fa differenza, crepano e basta. Chi ha il Covid mette a rischio la quotidianità, quindi, basta aumentare il periodo di quarantena, per provocare terrorismo psicologico a fiotti. Credete, a chi ha visto numerosi film di straordinaria verosimiglianza e fantascienza negli anni Ottanta-Novanta… mai avrebbe potuto immaginare che la realtà si sarebbe avvicinata così velocemente alla fiction.

Dicono che siamo negazionisti. Ovviamente lo dicono a Sinistra, dove sono maestri nel far nascere sensi di colpa. In Unione Sovietica, durante le purghe staliniane e i processi degli anni Trenta – ma anche dopo – si costringevano i sospetti a confessare cose mai fatte, frasi mai dette fino al punto in cui, pur di liberarsi dalle torture, i poveri sventurati confessavano tutto e anche di più pur di mettere fine a quell’agonia. Negazionisti erano chiamati, negli anni Ottanta, quegli storici che negavano l’Olocausto. Come potete vedere l’imbecillità di giornalisti e politici nel non conoscere la storia è evidente, ma sono bravi nel saperla strumentalizzare a proprio beneficio.

Ed è qui il problema. Il popolo ha un livello di cultura e di memoria storica ossia di conoscenza  effettiva di ciò che siamo stati e da dove veniamo, pari allo zero o quasi. C’è gente che non legge mai un libro e se ne vanta pure, c’è chi pensa che la cultura sia solo un peso, la storia un inutile orpello e l’identità una cosa di cui si può fare tranquillamente a meno, esattamente come i confini. Ecco, le classi dominanti burocratico-finanziarie sono riuscite a far passare il messaggio che tutto è possibile perché non esistono più limiti. Devastante, ma utile a creare un gregge di milioni di esseri capaci solo di consumare e di non ribellarsi.

Guardate cosa sono riusciti a fare: hanno distrutto la scuola. Nemmeno il Sessantotto e il Settantasette erano arrivati a tanto. Loro, invece, ce l’hanno fatta. Hanno ridotto l’istruzione ad una massa amorfa di soggetti privi di consapevolezza, ma convinti di essere furbi. Insegnanti e studenti, invece di scendere in piazza, Covid o non Covid, e rivendicare il proprio ruolo e la propria identità, se ne vanno in piscina o a fare la spesa mentre i ragazzi giocano o spippolano sui social incuranti e ignoranti. Che tristezza! E’ proprio vero, se vogliamo andare avanti bisogna tornare indietro.

Veniamo, adesso, ai dati…

Basta allarmismo: la richiesta di un gruppo di medici per porre fine al clima di paura e di misticazione della realtà | Enrica Perucchietti - Blog

Quelli, si dice, non mentono mai. E, allora, perché gli opinion makers, i giornalisti, i politici, i virologi e gli infettivologi del Sistema Unico Dominante non li utilizzano? Eppure basterebbe cliccare su https://www.epicentro.iss.it/coronavirus/sars-cov-2-decessi-italia#2

Stiamo parlando del sito Epicentro dell’Istituto Superiore di Sanità non di pizze e fichi. Andate, leggete e consultate i grafici. Ma, soprattutto, aprite gli occhi e la mente.

Report sulle caratteristiche dei pazienti deceduti positivi all’infezione da SARS-CoV-2 in Italia Aggiornamento del 4 ottobre 2020:

1. Campione

L’analisi si basa su un campione di 36.008 pazienti deceduti e positivi all’infezione da SARS-CoV-2 in Italia.

2. Dati demografici

L’età media dei pazienti deceduti e positivi a SARS-CoV-2 è 80 anni (mediana 82, range 0-109, Range InterQuartile – IQR 74-88). Le donne sono 15.365 (42,7%). L’età mediana dei pazienti deceduti positivi a SARS-CoV-2 è più alta di oltre 25 anni rispetto a quella dei pazienti che hanno contratto l’infezione (età mediane: pazienti deceduti 82 anni – pazienti con infezione 56 anni). La figura 2 mostra il numero dei decessi per fascia di età. Le donne decedute dopo aver contratto infezione da SARS-CoV-2 hanno un’età più alta rispetto agli uomini (età mediane: donne 85 – uomini 79).

3. Patologie preesistenti

Il grafico presenta le più comuni patologie croniche preesistenti (diagnosticate prima di contrarre l’infezione da SARS-CoV-2) nei pazienti deceduti. Questo dato è stato ottenuto da 4400 deceduti per i quali è stato possibile analizzare le cartelle cliniche. Il numero medio di patologie osservate in questa popolazione è di 3,4 (mediana 3, Deviazione Standard 2,0). Complessivamente, 160 pazienti (3,6% del campione) presentavano 0 patologie, 599 (13,6%) presentavano 1 patologia, 874 (19,9%) presentavano 2 patologie e 2767 (62,9%) presentavano 3 o più patologie.

9. Decessi in pazienti con meno di 50 anni

Al 4 ottobre 2020 sono 407, dei 36.008 (1,1%), i pazienti deceduti SARS-CoV-2 positivi di età inferiore ai 50 anni. In particolare, 89 di questi avevano meno di 40 anni (59 uomini e 30 donne con età compresa tra 0 e 39 anni). Di 11 pazienti di età inferiore ai 40 anni non sono disponibili informazioni cliniche; degli altri pazienti, 64 presentavano gravi patologie preesistenti (patologie cardiovascolari, renali, psichiatriche, diabete, obesità) e 14 non avevano diagnosticate patologie di rilievo. Meditate gente, meditate.

Articolo di Aldo Grandi (giornalista, direttore de La Gazzetta di Lucca –  www.lagazzettadilucca.it)

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.imolaoggi.it/2020/10/18/covid-decideranno-come-dobbiamo-vivere-e-morire/

Libri e varie...
RISVEGLIA LO SCIAMANO CHE è IN TE
Libera il potere del cuore e trasforma la tua vita
di Josè Luis Stevens

Risveglia lo Sciamano che è in Te

Libera il potere del cuore e trasforma la tua vita

di Josè Luis Stevens

Questo libro s'incentra sul risveglio della fonte più potente e creativa che risieda al tuo interno, un fulcro interiore che fa parte di te fin dai tempi più remoti dell'essere.

Questa fonte di creatività che hai in te è lo Sciamano interiore. Si tratta dell'energia più reale che esiste, è connessa alla verità, non teme nulla; perciò rappresenta quella parte coraggiosa di te che non si lascia demoralizzare, non si fa prendere dall'ansia e non cade preda della depressione.

Il tuo valore principale è la libertà personale? Sei dotato di una sconfinata curiosità verso la conoscenza dell'universo? Desideri ardentemente esplorare il grande mistero della vita? Allora questo è il libro giusto per te.

È per persone interessate a modificare il loro senso abituale della realtà al fine di liberarsi dai muri contenitivi della mente. Se sei soddisfatto dello status quo della tua vita e non vuoi mettere in dubbio ciò che ti è stato insegnato, riponi quest'opera. Si tratta di un libro sulla trasformazione. Leggerlo rovinerà i tuoi piani.

Se invece ti interessa il più grande viaggio mai intrapreso, questo è il libro che fa per te: ti spingerà a provocare cambiamenti, raggiungere un'immensa espansione, una libertà illimitata e la gioia della consapevolezza.

Lo Sciamano interiore ti aiuta a lasciare andare il tuo bisogno di controllare te stesso e gli altri e ti aiuta ad abbandonarti con fiducia alla certezza di essere al sicuro fra le braccia della vita.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *