Eppur ci si muove…

Nove italiani su dieci consumano la vita all’interno della stessa provincia. Talvolta della stessa casa.

Partire, muoversiUno dei luoghi comuni più diffusi, però anche più veri, riguarda i traslochi di pianerottolo: il figlio esce dall’abitazione dei genitori commossi e si trascina dolorosamente fino alla porta accanto, spesso comunicante con l’altra.

La scarsezza di risorse economiche e di opportunità lavorative ci mette del suo, ma è indubbio che il brusco taglio delle radici è una pratica che lasciamo volentieri agli anglosassoni. Ci siamo addirittura inventati le università a domicilio: una piccola facoltà in ogni piccola città per non allontanarsi da mammà.

Anche da noi i più intraprendenti vanno nel mondo in cerca di sé. Ogni uomo può essere la storia di un vile o di un eroe. Le circostanze condizionano la sua scelta, ma non la determinano del tutto. C’è una fiamma interiore che alla fine prevale persino sulla mancanza di appoggi e di denaro. Chi vuole davvero partire non si preoccupa troppo della meta.

La vita è come la spedizione di Cristoforo Colombo, che scioglie le vele per raggiungere le Indie e invece scopre l’America. Ma non l’avrebbe scoperta, se non avesse deciso di partire per le Indie. Nessun viaggiatore sa mai esattamente dove approderà. Il viaggio lo costringe a mettersi in ascolto e alla ricerca. E chi incomincia a cercare ciò che ama finisce quasi sempre per amare ciò che trova!

Fonte: http://www.lastampa.it/2015/12/06/cultura/opinioni/buongiorno/muoversi-muoversi-o2ojfF7txPavCA1qlnIg9K/pagina.html

Libri e varie...

La Libertà Spirituale

Che cos'è e come si ottiene

di Michael Bernard Beckwith

LA LIBERTà SPIRITUALE  - LIBRO
Che cos'è e come si ottiene
di Michael Bernard Beckwith

"Il risveglio spirituale è un viaggio del cuore. Il cuore di ogni persona è infiammato dal desiderio di conoscere la propria vera natura."
 La meditazione e la ricerca interiore sono strumenti importanti soltanto se conducono a una nuova prospettiva per la vita quotidiana. Scoprire se stessi comporta quasi sempre un cambiamento e richiede una trasformazione, e nessuna autentica trasformazione interiore può avvenire senza che il Sé, una volta rinvigorito, si confronti senza timore con il mondo extra individuale.
 Un ritorno del tutto particolare, perché guarda avanti e conduce ad un'esistenza sempre più ricca. Un ritorno in cui saremo accompagnati dai versetti delle canzoni dello stesso Beckwith, dai suoi suggerimenti per la meditazione, e dai suoi travolgenti consigli per evolvere giocando.
 Il vero spirito libero è un guerriero
  che supera le frontiere interiori 
 e si lancia senza paura in nuove dimensioni.
 La nostra essenza fa parte di un principio universale di amore e bellezza, e tale principio è illimitato. Quindi il guerriero che abbandona i limiti del proprio Sé per fondersi con il principio universale compie un atto di estrema saggezza, oltre che di coraggio.
 Con La Libertà Spirituale Michael Beckwith ci indica la strada per diventare guerrieri spirituali, risvegliare il nostro Sé più vero, e compiere scelte unicamente in base a questo principio superiore. Scopriremo che la vera evoluzione è un ritorno a quello che siamo sempre stati.
 "Lo scopo di questo libro è quello di risvegliarti, di accendere in te il desiderio di creare le fondamenta per una pratica spirituale che ti conduca al cambiamento, e infine di mostrarti come coltivare e mantenere tale pratica. Le strategie spirituali descritte in questo libro trasformeranno la tendenza a far dipendere la felicità della tua vita da fattori esterni, facendola confidare sulla tua autorità interiore, propria di un essere nel suo completo potere."
 Michael Beckwith...

Cambia la Tua Mente per Cambiare la Tua Vita

Trasformando il nostro modo di pensare possiamo modificare anche ciò che ci accade

di Karen Casey

CAMBIA LA TUA MENTE PER CAMBIARE LA TUA VITA
Trasformando il nostro modo di pensare possiamo modificare anche ciò che ci accade
di Karen Casey

Partendo da una sofferta esperienza personale di alcolista, Karen Casey ha maturato la certezza che non è possibile cambiare una persona e spesso nemmeno intervenire su una situazione; tuttavia, possiamo cambiare il nostro modo di reagire ad un evento, prima che si verifichi, modificando i pensieri che ad esso associamo. Per cambiare ciò che è fuori di noi, dobbiamo agire su noi stessi e appropriarci di nuovi modelli di pensiero. 
 Organizzato in dodici capitoli, tante sono le tappe del percorso di crescita spirituale elaborato dall’autrice, il volume rappresenta un testo emblematico sul pensiero positivo e trasmette un messaggio ottimistico e rassicurante, in quanto esprime una grande fiducia nelle umane potenzialità e nella concreta possibilità che ciascuno di noi ha di migliorarsi e di migliorare il proprio futuro....

Come Lasciare Tutto e Cambiare Vita

Non è mai troppo tardi per voltare pagina

di Alessandro Castagna

COME LASCIARE TUTTO E CAMBIARE VITA - LIBRO
Non è mai troppo tardi per voltare pagina
di Alessandro Castagna

Stanco del tuo lavoro? Stressato dalla città in cui vivi?
  Esausto per una quotidianità che non ti offre più stimoli? 
 Allora hai scelto il libro che fa per te!
 Tra le pagine di questo manuale scoprirai che il cambiamento in grado di ribaltare la tua vita è possibile, se lo desideri davvero.
 "Come lasciare tutto e cambiare vita" è un libro ricco di consigli utili e informazioni pratiche per affrontare la metamorfosi con la necessaria consapevolezza e raccoglie preziose testimonianze di chi ha avuto il coraggio di farlo, in Italia o all'estero, scoprendo in sé talenti inaspettati. Sono storie esemplari di italiani che hanno portato in giro per il mondo la loro fantasia, creatività e voglia di fare.
 Se è vero che non basta espatriare per risolvere i problemi, è altrettanto vero che, una volta presa la decisione, bisogna conoscere molto bene il posto che si sceglie come nuova casa. Troverai quindi schede dettagliate per orientarti senza entusiasmi eccessivi, e soprattutto senza la paura dell'ignoto.
 Perché il cambiamento è un percorso, prima ancora che un risultato, in cui nulla è facile, ma niente è impossibile. E noi italiani, si sa, siamo un popolo di santi e navigatori, ma in fondo anche di emigranti......

Il Segreto della Libertà e del Successo

Presentazione di Mark Victor Hansen

di Napoleon Hill

IL SEGRETO DELLA LIBERTà E DEL SUCCESSO  - LIBRO
Presentazione di Mark Victor Hansen
di Napoleon Hill

Scritto nel 1938 - esattamente un anno dopo il grande bestseller di Napoleon Hill Think & Grow Rich – Pensa e arricchisci te stesso, con oltre 70 milioni di copie vendute nel mondo - questo libro non fu mai pubblicato perché ritenuto troppo controverso dalla famiglia e dagli amici di Napoleon Hill.
 Oggi, finalmente, per la prima volta il seguito inedito di Think & Grow Rich è disponibile per il grande pubblico di Napoleon Hill. Con la sua leggendaria capacità di arrivare alla radice delle potenzialità dell'uomo, in queste pagine Hill individua gli ostacoli più grandi che ci impediscono di raggiungere i nostri obiettivi personali: la paura, la procrastinazione, la rabbia, la gelosia... e ci rivela i sette principi che ci permetteranno di superarli e di avere successo....

Elogio della Fuga

di Henri Laborit

ELOGIO DELLA FUGA
di Henri Laborit

"Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l'andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela.
 La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio.
 E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l'illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione. Forse conoscete quella barca che si  chiama desiderio."
 Alcuni passi:
 "Per noi, la causa prima dell'angoscia è l'impossibilità di realizzare l'azione gratificante, e sottrarsi a una sofferenza con la fuga o la lotta è anch'esso un modo di gratificarsi, quindi di sfuggire all'angoscia.""L'uomo è un' essere di desiderio. Il lavoro può solo soddisfare i suoi bisogni.  Sono rari i privilegiati che riescono a soddisfare i bisogni dando retta al desiderio.  Costoro non lavorano mai."
 "...perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l'unico rimedio all'abitudine, all'indifferenza, alla sazietà. E' tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E' l'elogio dell'immaginazione mai attuata e mai soddisfacente"....

Il Coraggio di Cambiare Vita

La coerenza non dà la felicità

di Umberto Longoni

IL CORAGGIO DI CAMBIARE VITA - LIBRO
La coerenza non dà la felicità
di Umberto Longoni

Se non siete soddisfatti di voi e aspirate ad un rinnovamento questo libro può aiutarvi a trovare il coraggio di cambiare vita: imparando ad affrontarla diversamente, rendendola migliore, oppure voltando pagina e scrivendo un nuovo capitolo.
 Vi aiuterà a comprendere che: troppa coerenza fa male alla salute; se la vita non funziona va cambiata; accontentarsi è perdente; è sempre possibile migliorare l'esistenza; avete il diritto di rompere le catene; il Sogno allunga la vita…
 Se la società è in continuo cambiamento, lo è anche il nostro corpo, composto da migliaia di miliardi di cellule che mutano e si rinnovano continuamente: non siamo più quelli di anni fa né possiamo credere, pensare e vivere nell'identico modo.
 Eppure qualcuno dichiara con orgoglio: "Io non cambio mai idea, sono sempre coerente!". Chi lo afferma non sa che proprio l'eccessiva coerenza può diventare un punto debole e un freno perché raramente porta alla felicità, soprattutto quando una situazione - sentimentale, lavorativa o di altro tipo - è simile al dilemma del pesce rosso costretto in una boccia di vetro senza via d'uscita.
 In tal caso occorre il coraggio di cambiare vita: imparando ad affrontarla diversamente, rendendola migliore, oppure voltando pagina e scrivendo un nuovo capitolo.
 Insomma, da uno a dieci: quanto siete soddisfatti? Se non lo siete, questo libro - anche con l'aiuto di divertenti test - potrebbe stimolarvi a modificare l'esistenza, tanto o poco, per restituirvi ciò di cui non si deve mai fare a meno: il piacere di vivere....
ELOGIO DELLA FUGA
di Henri Laborit

"Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l'andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela.
 La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio.
 E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l'illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione. Forse conoscete quella barca che si  chiama desiderio."
 Alcuni passi:
 "Per noi, la causa prima dell'angoscia è l'impossibilità di realizzare l'azione gratificante, e sottrarsi a una sofferenza con la fuga o la lotta è anch'esso un modo di gratificarsi, quindi di sfuggire all'angoscia.""L'uomo è un' essere di desiderio. Il lavoro può solo soddisfare i suoi bisogni.  Sono rari i privilegiati che riescono a soddisfare i bisogni dando retta al desiderio.  Costoro non lavorano mai."
 "...perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l'unico rimedio all'abitudine, all'indifferenza, alla sazietà. E' tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E' l'elogio dell'immaginazione mai attuata e mai soddisfacente"....

Elogio della Fuga

di Henri Laborit

"Quando non può lottare contro il vento e il mare per seguire la sua rotta, il veliero ha due possibilità: l'andatura di cappa che lo fa andare alla deriva, e la fuga davanti alla tempesta con il mare in poppa e un minimo di tela.

La fuga è spesso, quando si è lontani dalla costa, il solo modo di salvare barca ed equipaggio.

E in più permette di scoprire rive sconosciute che spuntano all'orizzonte delle acque tornate calme. Rive sconosciute che saranno per sempre ignorate da coloro che hanno l'illusoria fortuna di poter seguire la rotta dei carghi e delle petroliere, la rotta senza imprevisti imposta dalle compagnie di navigazione. Forse conoscete quella barca che si  chiama desiderio."

Alcuni passi:

"Per noi, la causa prima dell'angoscia è l'impossibilità di realizzare l'azione gratificante, e sottrarsi a una sofferenza con la fuga o la lotta è anch'esso un modo di gratificarsi, quindi di sfuggire all'angoscia.""L'uomo è un' essere di desiderio. Il lavoro può solo soddisfare i suoi bisogni.  Sono rari i privilegiati che riescono a soddisfare i bisogni dando retta al desiderio.  Costoro non lavorano mai."

"...perseguire un obiettivo che cambia continuamente e che non è mai raggiunto è forse l'unico rimedio all'abitudine, all'indifferenza, alla sazietà. E' tipico della condizione umana ed è elogio della fuga, non per indietreggiare ma per avanzare. E' l'elogio dell'immaginazione mai attuata e mai soddisfacente".

...

Un commento

  1. …..E chi incomincia a cercare in ciò che Non capisce… finisce quasi sempre per amare ciò che trova!
    È VERO!!
    sin da piccoli ci abituano a Non essere curiosi, e a Non vedere che abbiamo un paio di gambe….. ecc…ecc…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*