L’Amministrazione Trump dice no al “Sistema di Tracciamento digitale dei Vaccini” di Bill Gates

di Caterina Lenti

Torniamo a parlare di Bill Gates, uno degli uomini più ricchi del mondo, co-fondatore di Microsoft, secondo finanziatore dell’Oms. È passato pochissimo dal 13 marzo, data in cui su Linkedin, Gates scriveva: “Ho deciso di lasciare Microsoft e Berkshire Hathaway per dedicare più tempo alle priorità ‘filantropiche’, lo sviluppo e la salute globale, l’istruzione e il mio crescente impegno sul cambiamento climatico”.

Bill Gates sta finanziando simultaneamente sette vaccini per il ...

C’è però chi si chiede se tutta questa filantropia che vuole far credere non sia una copertura ai suoi interessi commerciali e di controllo delle masse, dato che anche in USA iniziano a guardarlo con sospetto, per via delle limitazioni e soppressioni delle libertà personali che auspica.

Il parere dell’Amministrazione Trump e di Bill Barr sul “Piano vaccini” di Bill Gates

L’amministrazione Trump si è dichiarata contraria al sistema di tracciamento digitale dei vaccini proposto da Bill Gates, per “motivi di libertà personale”… sistema, questo, che informarebbe le autorità della storia vaccinale di ogni individuo.

La misura orwelliana è stata proposta dall’oligarca tecnocratico Bill Gates, che sta tentando, a detta di molti, di sfruttare la pandemia da Coronavirus per vaccinare l’intera popolazione mondiale in modo obbligatorio e trarne profitto commerciale, visto che è dentro nel processo di ricerca e produzione del vaccino.

Libri e varie...

Sull’ “Ask Me Anithing” di Reddit, vertente sul Coronavirus, Gates ha detto: “Alla fine avremo alcuni certificati digitali per mostrare chi è guarito, chi è stato testato di recente e, quando avremo un vaccino, chi lo avrà ricevuto”.

Bill Barr, procuratore generale degli Stati Uniti d’America dal 2019, è scettico sull’idea di Gates di etichettare le persone in questo modo, come bestie, dicendosi preoccupato per il monitoraggio della gente, in particolare nel lungo periodo di tempo.

Barr ha anche espresso preoccupazioni per le continue “invasioni alla libertà personale” esercitate da Bill Gates sulla popolazione, sostenendo che “passi adeguati e ragionevoli vanno bene”, lasciando comunque una porta aperta a qualche tipo di azione governativa sull’uso del vaccino (e speriamo di no…).

Il “Vaccino tatuato sulla pelle” studiato da Bill Gates

Tatuaggio invisibile per i non-vaccinati? - RENOVATIO 21

La “Bill & Melinda Gates Foundation” ha finanziato una ricerca del Massachusetts Institute of Technology, in cui ha sostenuto l’essenziale necessità di tatuare i dati del vaccino direttamente sulla pelle dei bambini.

Un articolo di Scientific American, scritto a dicembre 2019, relativo al Piano di Gates, dice: “Insieme al vaccino, a un bambino verrebbe iniettato un po di colorante invisibile a occhio nudo ma facilmente visibile con uno speciale filtro per telefoni cellulari, combinato con una app che illumina con una luce l’infrarosso sulla pelle. Si prevede che la tintura durerà fino a 5 anni, secondo i test effettuati su pelli di maiale, di ratto e su campioni di pelle umana prelevata da cadavere“.

Durante questa pandemia, Gates sta continuando a propagandare il suo impegno nella lotta alla diffusione del Covid-19. “La nostra fondazione lavora molto nella diagnostica e sui vaccini”, ha affermato in una recente intervista con CBS News, aggiungendo che i produttori di vaccini sono le uniche entità “che possono davvero riportare le cose sulla buona strada”. “C’è molto dialogo tra i nostri esperti della fondazione e il governo, su come riportare il mondo alla normalità usando i vaccini“. I critici si interrogano molto sul fatto che, in piena pandemia, Gates stia badando ai propri interessi, spingendo in favore dei vaccini obbligatori.

Su Instagram piovono le accuse di Crimini contro l’Umanità

Tiziana Rivale (@TizianaRivale) | Twitter

Intanto la pagina Instagram di Bill Gates è invasa da persone che chiedono il suo arresto per crimini contro l’umanità. Il suo piano di “salvare il mondo” con un vaccino potenzialmente obbligatorio per il Coronavirus, suggerendo che a nessuno sarà permesso di riprendere la vita normale senza una certificazione digitale per dimostrare che è stato vaccinato, si sta rivelando estremamente impopolare su internet.

Su Instagram sono davvero migliaia i messaggi che chiedono a Gates di smetterla di fare sperimentazione sulla salute di “umani considerati inferiori” e in effetti, la sua fondazione ha avuto già numerosi problemi in questo senso in India.

Le dure parole di Robert F. Kennedy Jr.

Robert F. Kennedy Jr. ha invece sottolineato che il fondatore di Microsoft ha piani di controllo dittatoriale sulla politica sanitaria globale, nella convinzione “messianica” di essere stato incaricato di salvare il mondo con la tecnologia.

Parole dure le sue, che continua a scrivere: “I vaccini, per Bill Gates, sono una filantropia strategica che alimenta le sue numerose attività legate ai vaccini (inclusa l’ambizione di Microsoft di controllare un’impresa globale di identificazione dei vaccini) e gli danno il controllo dittatoriale sulla politica sanitaria globale, la punta di diamante del neoimperialismo aziendale”.

Articolo di Caterina Lenti

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.ambientebio.it/societa/bill-gates-amministrazione-trump-crimini-contro-umanita-coronavirus-tracciamento-digitale-vaccini/

Libri e varie...
MEDICINA PREVENTIVA E VACCINAZIONI
Il tema vaccinazioni, atto consapevole
di Giancarlo Buccheri

Medicina Preventiva e Vaccinazioni

Il tema vaccinazioni, atto consapevole

di Giancarlo Buccheri

Un’autentica medicina preventiva, che tenga conto della realtà spirituale dell’uomo, non può che fondarsi su valori di tal genere: coraggio nel voler conoscere l’ignoto, fiducia negli incontri di destino e consapevolezza della propria dignità umana.

Prefazione

Il tema vaccinazioni è un tema conoscitivo e giuridico, oltre ad essere un atto medico.

Qui si tocca un elemento molto importante, che è quello della corporeità umana.

Come addentrarsi in questo tema rispettando la peculiarità tipicamente umana di essere ognuno un singolo individuo e contemporaneamente un’entità sociale inserita in un contesto preciso e comunicante con altri contesti? Quando si fanno studi in laboratorio le condizioni sono definite da parametri normati. In vivo la situazione cambia.

Si potrebbe riflettere sulla valenza concreta degli studi clinici, che non vuol significare disconoscerne il valore e i risultati ma, di nuovo, contestualizzare.

Questo porterebbe ora lontano; così come molti sarebbero i temi da approfondire, a partire da quello della diffusione delle malattie croniche, di cui il mondo cosiddetto occidentale oggi soffre in modo crescente, in relazione a come si trasformano le malattie acute infettive e contagiose.

Si può però proseguire di un passo accennando a una caratteristica della medicina, che riflette nella sperimentazione e nella qualità dell’indirizzo terapeutico l’impostazione di pensiero e le realizzazioni della società umana in un particolare periodo della civiltà, oggi quella post-materialistica, che necessita di risparmio in ambito economico e delle forze umane e che lavora sui grandi numeri e con provvedimenti tecnici, meccanico-informatici.

Non la si vuole negare opponendosi all’evidenza concreta ma si vorrebbe integrare un apporto fatto di iniziali semi di rinnovamento che portano con sé certo caos, ingenuità, confusione, dilettantismo e anche quanto si può inserire là dove fanno breccia movimenti retrogradi. Non per questo la dignità e la libertà umane devono essere sacrificate per paura.

Perché nasca il nuovo, cioè si prosegua in senso evolutivo il cammino come società umana, il momento di caotizzazione, mantenuto in sani ambiti, è fisiologico. Se il tema oggi è quello dei servizi sociali e di una medicina che garantisca la salute in modo orizzontale, d’altra parte l’allarme di una massificazione delle cure viene da temi oggi attuali quali, per esempio, l’antibiotico resistenza e l’abuso del consumo dei medicinali più in generale.

Le malattie cambiano così come l’uomo evolve. Anche i metodi di cura vanno incontro a innovazioni, legate a questi cambiamenti che si verificano nel tempo. Qualità della salute, manifestazioni di malattia ed indirizzo di terapia sono inoltre caratterizzati dalle condizioni sociali, intendendo con questo soprattutto lo stile di vita; i valori della società in cui si è inseriti; con i provvedimenti e le azioni che ne derivano, oltre che il tenore di vita economico.

Il rispetto della singola individualità, con la sua biografia e il rispetto del contesto sociale, portano a porre singole riflessioni concrete: se una malattia, il morbillo, è cambiata negli anni divenendo più grave per le sue complicanze e spostandosi o allargando la fascia di età, anche per l’intervento vaccinale; se la scarlattina è mutata alleggerendosi nelle manifestazioni cliniche, per l’intervento degli antibiotici e la facilità di diagnosi del batterio che la causa; se il profilo di altre malattie contagiose è cambiato, dovremmo avere la possibilità come medici e come pazienti di poter curare e prevenire secondo un modello (linee guida raccomandate) e contemporaneamente in modo adatto alla situazione contingente.

Chi può rispettare, e vuole liberamente e consapevolmente affrontare l’evenienza di una malattia, osservando tempi adatti di decorso; riposo a letto che prevede la posizione supina; dieta adeguata ad alleggerire il lavoro metabolico; terapie integrate consone, dovrebbe poterlo fare.

Così come chi invece ha necessità di prendere immediatamente un antipiretico o un antibiotico, a seconda della adatta prescrizione; non vuole o non può rispettare tempi di malattia e di convalescenza di una tera pia integrata, ha il diritto alle cure del caso e il dovere di applicare un’azione preventiva, anche vaccinale.

Giancarlo Buccheri

...

5 commenti

  1. Vanna Sibilla

    Bill gates=LUCIFERO

  2. Arrestatelo. Questo è un diavolo, è cattivo arrestatelo. Trump per favore salvaci tu poi questo governo non ci fa fare più niente. Non siamo più liberi per favore

  3. Finchè non si rende innocuo non ne verremo mai fuori! Questa è la tristissima verità!

  4. Lui è proprio la BESTIA che c’è sulla Bibbia Apocalipse 14:9-12 andate a leggere così potete capire meglio cosa sta pretendendo fare questo pazzo da legare .lui deve essere messo in prigione a vita .

  5. Nicolò Agnello

    Siamo persone e no animali. Questa persona vorrebbe il mondo a sua disposizione. Sappiamo benissimo che i vaccini farebbero morire tanta gente, il signor bill gates se lo faccia lui il vaccino senza obbligare nessuno, tanto meno i bambini, tatuarli come dice lui, e’ una cosa orrenda sembra di vivere in un mondo di fantascienza.. le persone come bill gates non devono essere lasciate libere, bisogna arrestarlo perchè troppo pericoloso, lasciamolo in galera a vita ..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *