Che noia, siamo diventati tutti cupi e ordinati come la Quarantena!

di Simonetta Sciandivasci

Aver trasportato online tutte le cose di prima non si rivelerà per forza una buona idea. Non aver messo in pausa niente, esserci affannati a traslocare l’aperto nel chiuso, renderà molto più difficile tornare alla normalità.

Io leggo a casa: 12 libri per combattere l'epidemia (e la noia ...

Si è incupito tutto, e come potrebbe non esser così… Non succede soltanto perché le buone notizie sono poche e, le volte che ce le danno, ci ricordano che non vogliono dire granché, non sono stabili, né durature, domani potrebbero peggiorare, e bisogna continuare a comportarsi come se si fosse al buio anche se s’è accesa la luce (esiste qualcosa di più innaturale? Ma allora non datecele le buone notizie, cosa accendete a fare la luce se poi ci dite di tenere gli occhi chiusi?).

S’è incupito tutto perché ogni cosa ha preso a funzionare in conseguenza della pandemia. Tutto ha preso la sua forma, tutto le coincide, e non c’è nessun margine di libertà, nessuno spazio che sia rimasto incontaminato dai suoi allarmi, dai suoi rischi, dai suoi dettami, nessun momento d’evasione, nessun carnevale possibile, nessuna catarsi. 

Libri e varie...

L’emergenza è una nuova ordinarietà. Non è stato possibile confinarla alla congiuntura e lasciarla fuori casa: abbiamo dovuto farla entrare in salotto, nel letto, nei diari, nei sogni, nelle bugie, negli sguardi. Allison Davis ha raccontato sul New York Magazine che la sola cosa che è riuscita a pensare, quando il ragazzo che frequenta le ha mandato una foto che s’era scattato in fila al supermercato, è stata “oh no… ma non sta mantenendo la distanza di sicurezza, ma che razza di mostro è, chissà di quali altre più gravi nefandezze sarebbe capace”. Non un fiato, un sussulto, un tremito per il suo viso, bello come sempre, nessuna emozione per il fatto che lui avesse pensato a lei, nessuna amarezza per il non poter essere lì con lui.

Il modo in cui gli altri rispettano le regole di contenimento del contagio, s’impegnano a stare in casa, s’industriano per alleviare la quarantena e insomma s’adattano alla cattività, sono diventati i criteri con cui li giudichiamo, ci innamoriamo o disamoriamo di loro. 

Gli appuntamenti che diamo al dopo sono chiacchiere: nessuno di noi ci pensa davvero, giacché il futuro è diventato insondabile, buio, isterico, indipendente. Pensiamo al presente, e viviamo di surrogati del passato. Non abbiamo smesso di cercare l’amore online, e non perché speriamo di incontrarlo, prima o poi, di persona. Non intratteniamo conversazioni con sconosciuti o datati conoscenti per apparecchiare la lunga tavolata di cene e incontri nel post Covid: lo facciamo per cominciare a cenare. La fame dell’altro non ci è passata, ma ci siamo rassegnati a sfamarla a distanza, nella simulazione del contatto. 

Addio alla noia con le cose fare comodamente in casa | Sclerosi ...

Non stiamo aspettando che passi, anche se continuiamo a dire che accadrà e torneremo a rotolare nei parchi (ma quando mai abbiamo rotolato nei parchi?) ad abbracciarci e a baciarci. Noi stiamo adattandoci a quello che c’è, com’è inevitabile che sia, volenti o nolenti, consci o non consci, attivi o passivi. E quando e se torneranno le possibilità del mondo di prima, cosa faremo, ce le andremo a prendere o le ignoreremo? Tra una videochat con un ragazzo molto brillante con il quale conversiamo magnificamente da mesi senza la seccatura del sesso e della parrucchiera, e un arrischiato vis à vis con lui, che magari dal vivo mostra disturbi e tic e idiosincrasie, cosa sceglieremo? 

Aver trasportato online tutte le cose di prima si rivelerà una buona idea? Non aver messo in pausa niente, esserci affannati a traslocare l’aperto nel chiuso, si rivelerà efficace? I datori di lavoro che avranno capito quanto risparmio c’è a tenere in smartworking tutto l’ufficio, rivorranno i propri dipendenti tra i piedi? Si renderanno conto o no che per lavorare c’è anche bisogno che i colleghi si guardino in faccia, litighino, condividano il caffè, o si faranno bastare la soddisfazione del risparmio?

Ci corteggeremo pavoneggiandoci del nostro essere immuni al virus, asintomatici schedati e quindi iscritti all’albo degli innocui, portatori sani di una nuova immunità. Ci videochiameremo mentre siamo sul tapis roulant – “guarda amore che bravo e veloce e sano che sono” – e sarà il solo assaggio di corpo che concederemo all’altro. Dopotutto ci aveva sfiniti, il corpo.

“Non c’è limite a cosa la razza umana riesce a imporsi con l’abitudine, questo è il guaio”, ha scritto Ester Viola.

Articolo di Simonetta Sciandivasci

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.linkiesta.it/2020/04/quarantena-sesso-coronavirus-dating/

Libri e varie...
IL GOLPE INGLESE
Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell'Italia
di Mario J. Cereghino, Giovanni Fasanella

Il Golpe Inglese

Da Matteotti a Moro: le prove della guerra segreta per il controllo del petrolio e dell'Italia

di Mario J. Cereghino, Giovanni Fasanella

Dai documenti consultati negli archivi di Stato Britannici di Kew Garden, emerge una scottante verità!

Questo libro apre uno squarcio importante nella storia del nostro paese e risponde a quesiti altrimenti indecifrabili che nemmeno le inchieste giudiziarie sono riuscite a chiarire del tutto.

A cominciare dal delitto Matteotti (1924) per arrivare alla morte di Mattei (1962) e di Moro (1978).

Ogni volta che gli italiani hanno provato a decidere del proprio destino, gli inglesi sono intervenuti.

Ora i documenti desecretati, che i due autori hanno consultato negli archivi londinesi di Kew Gardens, lo dimostrano. Da quelle carte emerge con chiarezza che non è Washington a ordire piani eversivi per l'Italia, come si è sempre creduto, ma soprattutto Londra, che non vuol perdere il controllo delle rotte petrolifere e contrasta la politica filoaraba e terzomondista di Mattei, Gronchi, Moro e Fanfani.

Il petrolio però non è il solo problema.

Per gli inglesi anche i comunisti sono un'ossessione.

Tanto da contrastarli con ogni mezzo. Persino arruolando schiere di giornalisti, intellettuali e politici per orientare l'opinione pubblica e il voto degli italiani. Finché si arriva al 1976, l'anno che apre al Pei le porte del governo.

A Londra progettano un golpe. Ma l'ipotesi viene alla fine scartata a favore di un'altra "azione sovversiva". Si scatena così un'ondata terroristica che culmina nell'assassinio di Aldo Moro.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *