Se sei un fan di “Game of Thrones” dovresti leggere questo articolo…

di Antonio Morra

“Game of Thrones” (“Il Trono di Spade”, in italiano) è una serie tv della HBO che va in onda dal 2011 e che macina da allora successi su successi, avendo vinto 26 Emmy Awards e potendo contare su un seguito di milioni e milioni di fans in tutto il mondo; esso è divenuto un vero e proprio fenomeno culturale.

https://www.opgt.it/wp-content/uploads/2019/09/game-of-thrones-1.jpg

Ma cosa attira così tanto di “Game of Thrones”? Certamente la sceneggiatura, gli attori, la regia, la colonna sonora… ma c’è un altro aspetto in particolare che fa parlare di questa serie tv, e che da solo riesce ad attirare milioni di fans: sto parlando delle numerose scene di sesso che riempiono gli episodi di questa serie.

Non è raro imbattersi in scene di nudo integrale, in scene di sesso molto molto spinte e, addirittura, in uno degli episodi più discussi, gli spettatori hanno potuto “ammirare” una scena di stupro che ha lasciato ben poco all’immaginazione.

Non sono pochi perfino i cristiani che, seguendo il trend del momento, seguono questa serie TV e ne sono fans. Infatti, così come accaduto già per “50 sfumature di grigio”, non sono pochi i ragazzi e le ragazze che, noncuranti delle tante scene di sesso esplicito, seguono comunque ogni settimana i nuovi episodi de “Il Trono di Spade”. Eppure “Game of Thrones” non è altro che l’ennesima prova del fatto che, oggi, sempre di più viviamo in una società “pornificata”, una società che chiama “arte” il porno… perché di questo si tratta in realtà!

Difatti, se estraessimo una delle tante scene esplicite da “Game Of Thrones” e la mostrassimo singolarmente, molti di noi la definiremmo senza sé e senza ma “porno”, ma solo perché è inserita all’interno di una bella serie, la chiamiamo “arte” e siamo pronti a passarci su, facendo il gioco degli autori e dei creatori di questa saga, che si servono dei corpi degli attori per attirare.

Il tipo di porno che fenomeni come “Il Trono di Spade” e “50 sfumature di grigio” offrono, è un porno “mascherato”, un porno “razionabile”, socialmente accettabile… perché, in fondo in fondo, dai, non è davvero porno! Molti si troverebbero a disagio nel navigare su siti porno, e/o non lo ammetterebbero mai, eppure si lasciano ammaliare da questi fenomeni e li seguono, perché si tratta di porno non stigmatizzato, si tratta di cinema, serie tv, fumetti, cartoons, arte ecc. ecc.!

Ma io posso pure iniziare a chiamare una cosa con un altro nome, ma questo di certo non cambierà la sua essenza. È come se da domani iniziassi a chiamare “carota” una mela, pretendendo che quest’ultima diventi davvero una carota. Non fatevi ingannare dunque, quello di “Game of Thrones” è davvero porno! Così come lo è quello di “50 sfumature di Grigio” e simili. Volete chiamarlo soft porn?

Diffidate da questi fenomeni culturali di una società sempre più “pornificata”, ma soprattutto diffidate da chi chiama “male” il “bene”, e “bene” il “male”, poiché essi “con discorsi pomposi e vuoti adescano, mediante i desideri della carne e le dissolutezze, quelli che si erano appena allontanati da coloro che vivono nell’errore; promettono loro la libertà, mentre essi stessi sono schiavi della corruzione, perché uno è schiavo di ciò che lo ha vinto”. (2 Pietro 2:18-19)

La tua vita vale molto più di tutto questo. Non farti ingannare.

Articolo di Antonio Morra

Fonte: http://www.noisiamolarivoluzione.com/2016/02/se-sei-un-fan-di-game-of-thrones-dovresti-leggere-questo-articolo/

Libri e varie...
Il Giardino dei Libri: "Al Giardino dei Libri siamo operativi e spediamo regolarmente tutti gli ordini come sempre, anche in questo periodo".
UNISEX
Cancellare l'identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale
di Enrica Perucchietti, Gianluca Marletta

UniSex

Cancellare l'identità sessuale: la nuova arma della manipolazione globale

di Enrica Perucchietti, Gianluca Marletta

Perché le oligarchie mondiali vogliono imporre l'uniformità sessuale? OMO-PEDO-PORNO sono i prefissi della nuova manipolazione globale?

L'attacco alla sessualità, nei suoi generi maschile e femminile, rappresenta oggi il più sconcertante tentativo di manipolazione dell'essere umano mai tentato nella storia.

Promossa grazie all'imponente contributo economico e politico delle più potenti lobby dell'Occidente, questa vera e propria "mutazione antropologica" viene oggi imposta attraverso i media, la cultura, lo spettacolo e le legislazioni. Spariscono addirittura i termini "padre" e "madre", specifici della famiglia tradizionale, e vengono sostituiti dai più generici "genitore 1" e "genitore 2", quasi a indicare che la maternità e la paternità non hanno più nulla a che vedere con il genere sessuale.

In questo saggio anticonformista, gli autori ricostruiscono le tappe di un processo senza precedenti: dalle origini dell'Ideologia di Genere all'omosessualismo militante, dal progressivo sdoganamento della pedofilia all'invenzione del "sesso X"; in un percorso che ha, come fine evidente e inquietante, la creazione di un uomo nuovo "senza identità".

"Il Mondialismo agisce preferibilmente sul piano dei "costumi", delle "mode", dei "modi di pensare", attraverso la creazione di un "immaginario globale" che influenzi le scelte delle masse, utilizzando il cinema, le televisioni, il teatro, le riviste e i quotidiani, il web […].

Lo scopo del presente libro, pertanto, è quello di cercare di comprendere perché, al giorno d'oggi, si voglia intervenire e rimodellare l'immagine stessa dell'uomo, per imporre una concezione della sessualità ideologica e avulsa da qualunque retaggio "naturale": un processo, questo, che, nelle sue forme più estreme, sembra destinato a sfociare nel modello di un "uomo artificiale", un vero e proprio Transumanesimo".

Enrica Perucchietti e Gianluca Marletta

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *