Cina: “Riconoscimento facciale” obbligatorio per acquistare un cellulare

Riconoscimento facciale obbligatorio per chiunque registri un nuovo contratto di telefonia mobile, è il nuovo regolamento, annunciato a settembre 2019, con il quale il governo cinese afferma di voler “proteggere i diritti e gli interessi legittimi dei cittadini nel cyberspazio”.

Ma in realtà, l’intento è quello di verificare e “schedare” le centinaia di milioni di utenti che in Cina utilizzano internet proprio attraverso il cellulare.

Quando si registrano nuovi contratti di telefonia mobile le persone sono già tenute a mostrare la propria carta di identità nazionale (come richiesto in molti paesi) e a farsi fotografare. Ma ora avranno anche i loro volti scansionati per verificare che ci sia una vera corrispondenza con i dati forniti.

Il nuovo regolamento è stato definito dal Ministero dell’Industria e dell’Information Technology, ed è un modo per garantire che il governo possa identificare tutti gli utenti di telefonia mobile. La maggior parte delle persone accede al web tramite il cellulare e da sempre la autorità di Pechino hanno cercato di applicare regole per garantire che tutti coloro che navigano lo facciano con le loro identità reali.

Con il riconoscimento facciale questo è possibile, ma sono in molti a essere preoccupati. Tra le motivazioni principali, infatti, c’è quella di riuscire a rintracciare meglio la popolazione. “C’è una spinta molto centralizzata – spiega Jeffrey Ding, un ricercatore di intelligenza artificiale cinese all’Università di Oxford – per cercare di tenere sotto controllo tutti, o almeno questa è l’ambizione”.

Tratto da: gcom24.mediaset.it

Fonte: https://www.imolaoggi.it/2019/12/01/cina-riconoscimento-facciale-obbligatorio-per-acquistare-un-cellulare/

Libri e varie...
Il Giardino dei Libri: "Al Giardino dei Libri siamo operativi e spediamo regolarmente tutti gli ordini come sempre, anche in questo periodo".
DITTATURA FINANZIARIA
Il piano segreto delle elite per la conquista del potere
di Francesco Maria Toscano

Dittatura Finanziaria

Il piano segreto delle elite per la conquista del potere

di Francesco Maria Toscano

Questo libro intende offrire uno sguardo smaliziato sulla contemporaneità in grado di demistificare il racconto prevalente, che tende a ridurre la "crisi" a mero fatto ecomicistico quasi indipendente dalla volontà degli uomini.

A tal fine il lettore verrà "investito" da una serie di approfondimenti che spazieranno dalla macroeconomia alla geopolitica, dalla sociologia alla antropologia, senza trascurare di fare cenno ad alcuni riferimenti "esoterici" in genere indigesti all'establishment presuntivamente illuminista che detiene il potere in tempi di globalizzazione decadente.

Il libro tenta di riconoscere in controluce una linea di continuità che lega sotterraneamente l'epopea nazista classica a quella tecnocratica odierna, mettendo in evidenza il ruolo esercitato ieri come oggi da alcune "dottrine segrete" che influenzano l'agire di dinastie di industriali e finanzieri inerzialmente coordinati dentro una cabina di regia globale.

Il primo capitolo individua gli elementi costitutivi del fenomeno studiato; il secondo analizza in particolare il caso della Grecia, nazione usata come "cavia da laboratorio" per gli esperimenti dei moderni alchimisti; il terzo spiega i pericoli che l'Europa è chiamata affrontare nel prossimo futuro, mentre il quarto indaga le cointeressenze che esistono fra i promotori del "terrorismo economico" in occidente e i registi del "terrorismo politico" in Medio Oriente.

Il libro si chiude con un quinto capitolo che, dopo avere completato la diagnosi, si sforza di offrire possibili rimedi.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *