Francia: Renaud Camus condannato per aver criticato l’Immigrazione

di Roberto Vivaldelli

Renaud Camus è stato condannato a due mesi di prigione con la condizionale e a risarcire con 1.800 euro due associazioni antirazziste. Motivo? Ha criticato l’immigrazione.

https://www.patriaindipendente.it/wp-content/uploads/2019/03/gc5-768x466.jpg

Nuovi guai per lo scrittore francese Renaud Camus. Dopo essere stato condannato per “incitamento all’odio razziale” nel 2014, il fondatore del Parti de l’In-nocence, autore della “Grande Sostituzione” (Le Grand Remplacement), cioè la colonizzazione della Francia (e più in generale dell’Europa) da parte di migranti islamici, come riporta La Verità, è stato nuovamente condannato a due mesi di prigione con la condizionale e a risarcire con 1.800 euro ciascuna delle due associazioni antirazziste costituitesi parti civili, Sos Racisme e La Licra. I giudici gli hanno contestato il reato di”incitazione pubblica all’odio o alla violenza in ragione dell’origine, dell’etnia, della nazione, della razza o della religione tramite parole, scritti, immagini o mezzi di comunicazione pubblici per via elettronica.

I magistrati del tribunale di Auch, hanno contestato all’intellettuale francese un discorso pronunciato il 9 novembre 2017 a Colombey-les-deux Eglises, per il Conseil national de la résistance européenne, che lo stesso Camus ha condiviso sui social. L’immigrazione è diventata invasione – ha dichiarato Camus nel discorso incriminato dai giudici. La colonizzazione irreversibile è la colonizzazione demografica, attraverso la sostituzione della popolazione”. E ancora:La sostituzione etnica, il Grande rimpiazzo, sono l’evento più importante nella storia del nostro paese da quando è esistito, poiché con altre persone la storia, se continua, non sarà più quella della Francia”.

Libri e varie...

Non ci sono jihadisti francesi, ha sottolineato, e “se sono jihadisti non sono francesi”. Ciò di cui abbiamo bisogno, ha poi spiegato, è il raduno di tutti coloro che si oppongono all’islamizzazione e alla conquista africana. Ciò che è necessario è un Consiglio nazionale di resistenza, di resistenza europea, perché tutte le nazioni europee sono invitate a guidare al nostro fianco la lotta per la salvezza della nostra civiltà comune, celtica, slava, germanica, greco-latina, giudaico-cristiana”.

Uno spettro ossessiona l’Europa e il mondo, ha infine rimarcato in uno dei passaggi presi di mira dai giudici, “è la sostituzione, la tendenza a sostituire tutto con il suo emulo normalizzato, standardizzato, intercambiabile: l’originale con la sua copia, l’autentico con la sua imitazione, il vero con il falso, le madri con madri surrogate, la cultura con il tempo libero e l’intrattenimento”.

http://www.italiaisraeletoday.it/wp-content/uploads/2017/04/1425901452-soon.jpg

Apriti cielo. Si può naturalmente non essere d’accordo con le tesi di Camus e il suo nazionalismo “esclusivo”, ma da quando sostenere che l’immigrazione rappresenta “un’invasione” è diventato illegale? Che cosa c’è di strano nell’affermare che un’immigrazione incontrollata e selvaggia di immigrati verso un Paese europeo rischia di cambiarlo radicalmente e di stravolgerlo sotto il profilo demografico, della cultura, degli usi e dei costumi? Dobbiamo fare finta che non sia così e che l’identità non esista? O, in ogni caso, affermarlo configura un reato d’opinione?

Quando si tratta di intellettuali e pensatori non schierati con il “pensiero unico” pare che la celebre massima “sono d’accordo con quello che dici, ma difenderò fino alla morte il tuo diritto a dirlo” valga decisamente meno. Da notare che, nonostante le sue teorie, Camus si tiene a distanza dal concetto del “white man’s burden” di Kipling e dalla considerazione che l’uomo bianco sia superiore. Quindi, dove sarebbe il razzismo? “No, non troverà una parola su questo in nessuno dei miei libri”.

E allo stesso modo, non ci sta a essere avvicinato ai suprematisti bianchi: “Io non c’entro nulla con loro. Loro, invece, hanno qualcosa a che vedere con me, perché, al pari mio, protestano contro la grande sostituzione. Ma li disapprovo, tanto più quando diventano dei terroristi. Nel 2002, fondai il ‘partito dell’in-nocenza’, con il trattino dentro, inteso come la negazione di tutto quello che può nuocere, di ogni tipo di aggressività. Io sono assolutamente non violento“.

Articolo di Roberto Vivaldelli

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/mondo/francia-renaud-camus-condannato-aver-criticato-limmigrazione-1813254.html

Libri e varie...
COOP CONNECTION
Nessuno tocchi il Sistema. I tentacoli avvelenati di un'economia parallela
di Antonio Amorosi

Coop Connection

Nessuno tocchi il Sistema. I tentacoli avvelenati di un'economia parallela

di Antonio Amorosi

La prima inchiesta sulle coop in Italia. Anni di silenzio, difficile mettere il naso dentro un mondo che garantisce lavoro, potere, soldi e continuità politica. Solo grazie agli ultimi scandali di Mafia capitale sono affiorate le contraddizioni di un universo economico che da solo genera 151 miliardi di fatturato dando lavoro a più di un milione di persone. Grande distribuzione, grandi opere, servizi, alimentazione, assicurazioni: il mondo coop, frutto di una storia secolare, copre tutto il territorio, dal Nord al Sud, in nome della solidarietà, a difesa dei lavoratori.

Questo libro prova a smontare la propaganda che ha alimentato l'universo coop e racconta la realtà di un business protetto, in cui sfruttamento, corruzione, speculazione finanziaria sono ben presenti seppure mai denunciati perché coperti dal marchio della legalità. Per fare del bene tutto è concesso, anche godere di un regime fiscale particolare (lo garantisce la Costituzione), allearsi con le mafie locali, pilotare le gare d'appalto, pagare tre euro all'ora un lavoratore, persino arricchirsi sulle spalle degli immigrati.

Un vero blocco economico, politico, culturale che fa comodo a un'intera classe dirigente e che si basa sulla distrazione della magistratura in un intreccio di potere difficile da scalfire. "Coop connection" vuole dare voce a chi è solo a denunciare questo sistema, in nome di quei valori in cui credono tanti lavoratori e che hanno ispirato la nascita delle prime cooperative.

"Ho scelto tanti anni fa la Coop perché permette di fare tutto quello che vuoi, essendo un santo agli occhi degli altri."
"In un paese in cui nessuno si assume la responsabilità delle proprie azioni, noi cooperatori alla fine siamo degli eroi."
Luca, ex dirigente Coop e Unipol

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *