Sentenza Cassazione sul caso Rackete, Ammiraglio De Felice: “offesa per le Forze Armate”

La Cassazione ha respinto il ricorso presentato dalla procura di Agrigento contro la revoca degli arresti domiciliari. Invece, secondo i giudici della Corte, la decisione fu corretta perché mancavano i requisiti necessari a giustificare la misura.

Il ricorso in Cassazione è stato promosso dai procuratori Luigi Patronaggio e Salvatore Vella, contro la revoca ordinata dal gip Alessandra Vella, che lo scorso 2 luglio decise di non convalidare gli arresti domiciliari, nonostante il decreto sicurezza bis di Salvini.

La decisione della Cassazione è stata commentata dall’ammiraglio di divisione – riserva Marina Militare – Nicola De Felice:La sentenza della Corte di Cassazione di Palermo sul caso Rackete mi lascia esterrefatto, per il mancato rispetto di precedenti sentenze emesse, dalla stessa Corte, per analoghi casi riferiti al mancato rispetto di navi da guerra della GDF. Le navi da guerra, precisa l’ammiraglio, sono responsabili dell’ordine pubblico nelle acque territoriali italiane, la decisione della Cassazione offende tutte le Forze Armate che quotidianamente mettono a rischio la vita dei propri uomini e donne in difesa degli interessi nazionali di un popolo, quello italiano, che si era dotato di un governo democraticamente eletto. Se uno Stato ad ordinamento giuridico democratico non riesce a tutelare i propri interessi nazionali, non è capace alla lunga di conservare la libertà dei suoi cittadini“.

Per la Corte di Cassazione fu legittima la revoca degli arresti domiciliari nei confronti di Carola Rackete, la capitana della Sea Watch 3, accusata da Salvini di aver violato le acque internazionali. Adesso la Cassazione ha respinto il ricorso presentato contro la revoca della misura e ha confermato che non vi erano i presupposti per la sua applicazione, dato che l’illecito era stato commesso come “adempimento di un dovere”, quello di salvare delle vite umane.

Immediata la reazione di Matteo Salvini che invece rischia una condanna per sequestro di persona per il caso Gregoretti, altra nave che la scorsa estate mise in salvo 130 migranti.

La Giunta delle Immunità voterà il 20 gennaio la relazione di Maurizio Gasparri, che dice no alla richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti di Matteo Salvini, nell’ambito del caso Gregoretti. La giunta per il Regolamento, infatti, ha approvato l’ordine del giorno presentato dalla Lega, che prevede una deroga alla perentorietà del termine di 30 giorni, concesso alla giunta per le Immunità per arrivare a una decisione sulla richiesta di autorizzazione a procedere per un membro di palazzo Madama.

Fonte: https://www.prpchannel.com/sentenza-cassazione-sul-caso-rackete-ammiraglio-de-felice-offesa-per-tutte-le-forze-armate/

Libri e varie...
Macrolibrarsi: "siamo operativi al 100% verso tutte le destinazioni in Italia, escluso la provincia di Bergamo e di Brescia".
LOST IN PD
Partito Democratico: Chi la fatto, chi la ditrutto, chi lo costruirà
di Marco Damilano

Lost in PD

Partito Democratico: Chi la fatto, chi la ditrutto, chi lo costruirà

di Marco Damilano

Un anno e mezzo dalla nascita e il Pd è già a rischio sopravvivenza.

Eppure era stato annunciato come il partito del XXI secolo, destinato a durare per decenni. Il partito "fratello maggiore" degli italiani: comprensivo, affidabile, generoso.

La versione tricolore del "change" di Obama, con i suoi loft, summer school, yes we can. Il progetto più ambizioso di cambiamento mai messo in campo dalla sinistra. Invece, in pochi mesi, il sogno si è mutato in incubo. Quello che doveva costruire un nuovo immaginario simbolico è diventato un partito per sottrazione: senza linea, senza bandiere, senza identità.

Doveva aprire una nuova stagione, è rimasto ostaggio della solita guerra per bande.

Doveva rappresentare l'alternativa politica e culturale, nell'Italia dominata dal Cavaliere. E si è trasformato, al contrario, in un berlusconismo minore. Abbandonando a se stessi i militanti, gli elettori e i milioni di italiani che non vogliono morire con "meno male che Silvio c'è". Sono loro i "Lost in Pd" raccontati da Marco Damilano. I naufraghi dell'opposizione, i dispersi del Partito democratico. Questo libro è il film della scommessa mancata, con i protagonisti e i comprimari. I Capibastone. I Demo-leghisti del Nord, attratti dalla secessione.

Le Ombre rosse, nella riserva indiana delle regioni centrali. Gli Sfrantummati del Sud, in mano ai signori delle tessere. Gli Abatini, i giovani desiderosi di rivolta, ma incapaci di sfida. L'ossessione mediatica dei leader che scambiano l'applauso dei giornali con il consenso della gente. La fuga degli intellettuali. E poi gli scandali, i tradimenti. Le speranze e le delusioni. Nei prossimi mesi per il Pd guidato da Dario Franceschini c'è il punto di non ritorno, ma anche l'occasione di riprovarci, se solo tenterà di dare voce al bisogno di opposizione e di modernità. Altrimenti la sfida sarà persa davvero, e non solo per il Partito democratico. È tutta la democrazia italiana che corre il pericolo di essere Lost. Perduta.

Chi ha perso le elezioni del 2008?

Tutti, nessuno escluso, perché è stata sconfitta l'idea stessa della rappresentanza.La politica, sempre più autoreferenziale, ha smarrito la capacità di leggere la società, sopravvalutando l'importanza delle varie lobby italiche e sottovalutando quella del cosiddetto paese reale.

Di fronte a un'Italia malata si è tentata la carta del rimedio omeopatico: candidare un giovane per ringiovanire la casta, o un generale per conquistare le caserme... Un'inchiesta per raccontare personaggi, storie, luoghi della crisi della rappresentanza.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *