Orin Maria Olzweski: “Li ho ripresi mentre uccidevano i pazienti”

Erin Maria Olzweski è una infermiera americana. Durante il picco della cosiddetta “pandemia” di Covid, si è offerta di aiutare gli ospedali in difficoltà. Quando è stata assegnata all’ospedale Elmhurst a New York, ha scoperto una terribile verità.

Raskrinkavanje - Raskrinkavanje

Le persone non stavano morendo per un virus. Stavano morendo per negligenza medica. Erin è riuscita a registrare il personale sanitario che “uccideva i pazienti” attraverso una telecamera nascosta. Quello che è accaduto a Bergamo è accaduto in tutto il mondo…

Chi è Erin Maria Olzweski?

Tusla, Oklahoma, 26 aprile 2021 (LifeSiteNews) – Erin Maria Olzweski, l’infermiera informatrice che ha fatto notizia l’anno scorso documentando “frode, negligenza e avidità” che “hanno portato a morti inutili” durante il picco della pandemia COVID-19, ha incontrato LifeSiteNews durante una conferenza sulla salute e la libertà, per condividere la sua esperienza e le sue riflessioni.

Olzweski, i cui risultati sono stati portati alla luce per la prima volta in un video virale (visibile qui sotto) di giugno 2020, intitolato “Perspectives on the Pandemic: The (Undercover) Epicenter Nurse”, ha ricevuto una forte accoglienza di apprezzamento da tutto esaurito, 4.000 persone all’evento personale tenuto al Rhema Bible College.

Nata in Wisconsin, ma attualmente residente nell’area di Tampa, Florida, Olzewski ha spiegato come si è offerta volontaria per lavorare temporaneamente come infermiera a New York City, dicendo a Rebekah Roberts di LifeSite, “non stavamo vedendo un grande afflusso di pazienti COVID -19 in Florida”.

Libri e varie...

Essendo anche una veterana dell’esercito che ha prestato servizio in Iraq dal 2003 al 2004, Erin Maria Olzweski ha menzionato come abbia deciso di entrare in un altro tipo di “zona di guerra in prima linea”, servendo coloro che ne avevano più bisogno nell’ “epicentro” della pandemia.

Erin Maria Olzweski chiamata come infermiera a NY

All’arrivo è stata sorpresa di “poter restare seduta per tre giorni senza fare niente” e ha appreso che gli altri infermieri, per “stare seduti per 21 giorni o un intero mese venivano pagati $ 10.000 a settimana”, senza alcun incarico. “Se avevano così tanto bisogno di infermieri, perché mi hanno fatta venire dove c’erano già tanti infermieri in giro a non fare niente?” ha chiesto, descrivendo questo come una prima spia che la realtà della situazione a New York non era quella che veniva riportata dai media.

E, “fortunata me”, ha detto con un sorriso e un tocco di sarcasmo, “sono stata assegnata all’Elmhurst Hospital nel Queens, che è finito per essere ‘l’epicentro per le vittime del COVID-19 segnalate”.

“Il primo giorno a Elmhurst sono rimasta scioccata. Era qualcosa che non avevo mai visto prima”, ha detto. “I pazienti erano soli nelle stanze con i ventilatori senza avere accanto familiari per difenderli. Le persone morivano ‘solo’ per negligenza grave, negligenza medica e cattiva gestione”.

“Per me è stato davvero difficile da digerire. Tutto ha acquisito senso per me… in quel momento ho capito il motivo per cui c’erano così tanti morti a New York”, ha detto. Dopo un bel pianto nella sua camera d’albergo, alla fine ha contattato un avvocato a New York , si è assicurata una telecamera e ha iniziato a documentare ciò che vedeva in ospedale.

Qui sotto il video in lingua originale di Erin Maria Olzweski diventato virale:

Erin Maria Olzweski: “Li ho registrati mentre uccidevano pazienti. Ho potuto verificare solo il totale e assoluto disprezzo per la vita umana”. Nel video, Olzewski ha anche rivelato come pazienti che risultavano ripetutamente negativi per COVID-19, venissero comunque descritti come “COVID confermati”, fatto che innescava compensi più elevati da parte del governo.

Ha messo a confronto i trattamenti che avevano fornito ai pazienti in Florida e ciò che stava accadendo a New York. “In Florida abbiamo trattato i nostri pazienti con idrossiclorochina, zinco… li abbiamo mandati a casa e stavano bene”. A New York, “stavano vietando trattamenti alternativi come l’idrossiclorochina. L’unica cosa che potevano fare era perciò mettere le persone ai ventilatori”.

A quel tempo, il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) forniva quelli che alcuni chiamavano “incentivi perversi” istituiti dal governo per il COVID-19, il quale concedeva una compensazione significativamente maggiore agli ospedali, se i pazienti venivano classificati come positivi per COVID-19 ($ 13.000) o se venivano attaccati ad un ventilatore ($ 39.000). Olzewski ha indicato che questi incentivi hanno dunque avuto un impatto drammatico su ciò che stava accadendo a Elmhurst. “Sai, $ 13.000 per classificare i pazienti come COVID-19… tutti venivano classificati così”.

39.000 $ per intubare i pazienti

Ha inoltre affermato che con l’incentivo di $ 39.000, l’ospedale avrebbe quindi “messo i pazienti ai ventilatori pur sapendo che li avrebbero uccisi”. Inoltre, “in alcuni casi c’era un incentivo di $ 10.000 per ogni morte”. Con le famiglie dei pazienti fuori dall’ospedale senza poter monitorare, è stata “la tempesta perfetta… e le persone ne hanno approfittato”.

Riflettendo sulla questione dei blocchi, ha detto che “sono sempre stati completamente fuori luogo. Le persone rimanevano a casa e si ammalavano ancora di più, il che causava ancora più morti”. Poiché la maggior parte degli stati ha cercato di giustificare i propri blocchi sulle statistiche provenienti da New York, Olzewski ha criticato l’ingiustizia di “togliere le libertà delle persone sulla base dei numeri di New York… che ora sappiamo essere bugie”. Gran parte di questi alti tassi di mortalità, ha detto, provenivano anche dal fatto che “il Gov. Andrew Cuomo che ha fatto mettere questi pazienti nelle case di cura, facendo diffondere l’infezione tra i membri della popolazione più vulnerabile”. Le morti nelle case di cura dello stato di New York per il periodo hanno superato le 15.000 e in seguito all’occultamento di queste cifre da parte di Cuomo, ci sono state molte richieste di dimissioni anche tra i membri del suo stesso partito democratico.

“Ma i blocchi stanno causando molti più danni” del virus, ha detto Erin Maria Olzweski. Questi includono “problemi emotivi, depressione, suicidio, e la cattiva salute di tutti coloro che vivono nella paura stessa”. “Non è americano togliere le libertà sulla base di una falsa narrativa”.

Nessuno si sta concentrando sulla salute preventiva

Per quanto riguarda la consulenza, ha sottolineato la necessità di concentrarsi sulla propria salute utilizzando metodi naturali. “Nessuno si sta concentrando sulla salute preventiva e su cosa si può fare. La ‘quercetina’ è un’alternativa naturale all’idrossiclorochina, si può prenderla da banco con zinco, vitamina C, e poi uscire e fare un buon esercizio fisico. Tenersi in salute e bere acqua”, ha detto.

“Sii coraggioso. sii audace. Ed esci dalla tua zona di comfort. Se vedi qualcosa di strano, dì qualcosa e pensa alle generazioni future. Se non combatti adesso, allora chi lo farà? Chi combatterà? Per me, l’incentivo sono i miei figli… sono le nostre generazioni future. E ora è il momento di fare un passo avanti e cambiare il mondo. Non possiamo lasciare che ci rubino la nostra libertà”, ha concluso Erin Maria Olzweski.

Maggiori informazioni sulle sue rivelazioni possono essere trovate nel libro di Erin Maria Olzweski, “Undercover picenter Nurse: How Fraud, Negligence, and Greed Port to Innecessary Deaths at Elmhurst Hospital”, visitando Global Frontline Nurses, o la pagina specifica di Erin qui.

Traduzione: Team RaffaelePalermoNews.com

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://raffaelepalermonews.com/erin-maria-olzweski-li-ho-registrati-mentre-uccidevano-pazienti/

Libri e varie...
BAMBINI SUPER-VACCINATI
Saperne di più per una scelta responsabile
di Eugenio Serravalle

Bambini Super-Vaccinati

Saperne di più per una scelta responsabile

di Eugenio Serravalle

Dall'Introduzione:

"Da quasi trenta anni visito bambini, e cerco di curarli "in scienza e coscienza". Durante gli studi universitari ho appreso la pratica vaccinale. E per molti anni ho vaccinato i bimbi affidati alle mia cure con ogni vaccino disponibile, convinto dell'utilità dell'immunizzazione di massa. Ho dedicato buona parte del mio tempo ai bambini, ai miei pazienti, spinto dalla voglia di andare al fondo dei problemi, senza fermarmi alla superficie, mantenendo uno spirito critico.

Nel corso della mia attività ho avuto modo di incontrare bimbi non vaccinati, e ho iniziato a rendermi conto che avevo accettato senza riserve e riflessioni il concetto secondo cui i vaccini sono sempre efficaci e sicuri. Ho cominciato a constatare che la frequenza delle malattie pediatriche più comuni erano ridotte nei bimbi non vaccinati rispetto a quelli sottoposti alle vaccinazioni.

Ho conosciuto genitori i cui figli si erano ammalati gravemente, o che addirittura erano morti a causa della somministrazione di un vaccino. Ho iniziato a vedere questa pratica con occhi diversi, ho dato altre interpretazioni alle malattie che avevo visto insorgere dopo la vaccinazione, provocate a volte anche da me, e che non avevo messo in relazione al vaccino.

Ho cominciato a pormi altre domande, a cercare risposte non conformiste o obbedienti a logiche di routine, studiando quanto disponibile nella letteratura scientifica internazionale, mettendo a confronto dati e ricerche cliniche... "

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *