Materialismo, globalizzazione, mercato: che vita di m…

di Stelio Fergola

In risposta al discusso cartello esposto con fare sorridente da Monica Cirinnà, Oltre la Linea ha pensato di lanciare un’iniziativa uguale e contraria. “Materialismo, globalizzazione, mercato: che vita di m…”, in una sintesi che ci è sembrata adatta in questo hashtag: #UnaVitaDaCirinnà.

L’ex-ministro, invece di chiedere scusa per l’insulto a valori che rappresentano comunque la storia di molti italiani (e non solo), ha preferito tirare fuori per l’ennesima volta la difesa all’antifascismo in assenza di fascismo, (vi state addormentando? Non vi angustiate: è normale, a parte il fatto che “Dio, Patria e Famiglia” risale a ben prima del fascismo,  ma crediamo sia troppa scienza per la senatrice PD). Per cosa? Attaccare chi ha la sola colpa di difendere la famiglia.

Noi come sempre preferiamo guardare al concreto e non a ciò che non esiste, invitando i nostri lettori a condividere l’hashtag nella foto, che ritrae l’amico e blogger Matteo Brandi, collaboratore di primo piano anche nel Circolo Oltre la Linea di Roma da noi recentemente fondato, il quale, oltre ad aver lanciato l’idea, ha anche pubblicato un video al riguardo sul proprio canale Youtube:

Ci permettiamo quindi di apostrofare come “vita di m….” questioni ben più attuali e drammatiche contro cui pochi, soprattutto a sinistra, si permettono di schierarsi. E invitiamo i nostri lettori a fare altrettanto. Contrastiamo #UnaVitaDaCirinnà!

Articolo di Stelio Fergola

Fonte: https://oltrelalinea.news/2019/03/12/materialismo-globalizzazione-mercato-che-vita-di-m1/

Libri e varie...
LA CORSA VERSO IL NULLA
Dieci lezioni sulla nostra società in pericolo
di Giovanni Sartori

La Corsa Verso il Nulla

Dieci lezioni sulla nostra società in pericolo

di Giovanni Sartori

Con la consueta lucidità di analisi ed estrema chiarezza, in queste pagine Giovanni Sartori affronta alcuni temi cruciali del nostro tempo: la crisi della politica, i labili confini tra libertà e dittatura, il "conflitto di culture e di civiltà" fra Islam e cristianesimo, la "guerra terroristica" e la "guerra al terrorismo".

Come in molti suoi editoriali sul "Corriere della Sera", il noto politologo scrive inoltre di questioni di vitale importanza per la nostra Repubblica, come il sistema elettorale "perfetto", l'ondata migratoria e il diritto di cittadinanza, e – in ultimo – il delicato quesito su quando la vita biologica diventa propriamente umana.

"Gli uomini, una volta scesi dagli alberi e diventati bipedi implumi, si sono organizzati in piccole tribù dedite alla caccia e all'agricoltura" ricorda Sartori. "Il salto è avvenuto con la scoperta della macchina, che ha creato una nuova società, la società industriale. Tutto bene, finché non ci siamo resi conto che anche le macchine potevano essere prodotte dalle macchine, togliendo lavoro a un mondo sovrappopolato, sempre più tele-diretto."

La corsa verso il nulla offre stimolanti spunti di riflessione e raccoglie le amare considerazioni di un grande saggio della cultura politica sul lento declino a cui l'Italia e l'Europa sembrano destinate per non aver saputo salvaguardare i valori fondanti di una società realmente liberal-democratica.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *