L’ADHD è ampiamente sovradiagnosticato: molti bambini sono solo immaturi

di Sarah Knapton

Uno studio suggerisce che a molti bambini vengono prescritti medicinali per combattere l’ADHD senza che ce ne sia bisogno, quando in realtà sono solo immaturi.

ADHD sindrome da deficit di attenzione e iperattivitàUn nuovo studio suggerisce che l’ADHD (Attention deficit hyperactivity disorder) “sindrome da deficit di attenzione e iperattività”sia ampiamente sovradiagnosticato, con molti casi in cui i bambini sarebbero semplicemente immaturi, essendo i più piccoli nella propria classe.

Il termine ADHD è usato spesso per indicare un insieme di problemi comportamentali legati alla scarsa capacità di attenzione, inclusa l’impulsività, l’irrequietezza e l’incapacità di concentrarsi. Si pensa che tra il tre e il sette per cento dei bambini britannici, circa 400.000, abbiano l’ADHD. A molti di questi bambini vengono quindi prescritti farmaci per provare a migliorare la loro concentrazione a scuola.

Le prescrizioni di farmaci come il “Ritalin” arrivano a 922.000 all’anno nell’ultima decade, per bambini diagnosticati con l’ADHD, ma tali medicine possono causare pesanti effetti collaterali, come perdita di peso, tossicità epatica, pensieri suicidi, e a breve termine possono sopprimere la crescita puberale.

Ma ora uno studio su quasi 400.000 bambini tra i 4 e i 17 anni di Taiwan, ha dimostrato che la percentuale di giovani diagnosticati con ADHD cambia significativamente in dipendenza del mese di nascita. Là dove solo il 2,8 % dei ragazzi nati in settembre hanno la condizione, la cifra aumenta al 4,5% ad Agosto, aumentando costantemente durante l’anno scolastico. Per le ragazze aumenta dallo 0,7% al 1,2%.

Percentuale per mese di nascita di ragazzi diagnostiocati con la ADHA

Percentuale per mese di nascita di ragazzi diagnostiocati con la ADHA

Gli autori dicono che molti casi potrebbero essere dovuti al fatto che gli insegnanti tendono a paragonare il comportamento dei bambini più maturi con quello dei più giovani, che hanno fino a un anno di meno.

“Il ‘Disordine da mancanza di attenzione e iperattività’ (ADHD), è il disordine da sviluppo neurologico più comunemente diagnosticato. L’ADHD comincia nell’infanzia e si manifesta come l’incapacità di organizzare e sostenere l’attenzione e modulare il livello di attività e le azioni impulsive”, dice l’autore principale, Dott. Mu-Hong Chen del Dipartimento di Psicologia del Taipei Veterans General Hospital, a Taiwan.

“Quando guardammo ai dati nella loro interezza, i bambini nati in Agosto avevano più probabilità di avere una diagnosi di ADHD e/o di ricevere farmaci rispetto a quelli nati in Settembre. L’età relativa, come indicatore della maturità neurocognitiva, potrebbe giocare un ruolo cruciale nel rischio di avere una diagnosi di ADHD e di ricevere farmaci per l’ ADHD tra i bambini e gli adolescenti. I nosti risultati enfatizzano l’importanza di considerare l’età di un bambino all’interno della propria classe, quando si considera una diagnosi di ADHD e si prescrivono farmaci per trattare questa condizione”. 

ritalin la 10mg

Un recente sondaggio proposto agli studenti dell’Università di Cambridge, ha rivelato che uno su dieci ha preso farmaci come il Ritalin. Il NHS descrive il disordine come “un gruppo di sintomi comportamentali che includono mancanza di attenzione, iperattività e impulsività. Sintomi comuni includono una scarsa capacità di mantenere l’attenzione per tempi prolungati, irrequietezza o agitazione costante e l’essere facilmente distratti”, dice il servizio sanitario. “Molte persone con l’ADHD hanno anche difficoltà di apprendimento e altri problemi come i disordini del sonno. Normalmente la condizione è diagnosticata tra i tre e i sette anni di età”.

Comunque sia, alcuni neuroscienziati credono che questa condizione non esista affatto, sostenendo che la maggior parte delle persone mostreranno uno o più dei sintomi durante la loro vita. Si è riscontrato, infatti, un numero significativo di adulti che si presentano ai servizi psichiatrici per la prima volta con sintomi da ADHD.

Articolo di Sarah Knapton

La ricerca è stata pubblicata sul “Journal of Pediatrics” (http://www.jpeds.com/article/S0022-3476(16)00160-8/pdf) 

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte e traduzione: http://ilporticodipinto.it/blogs/mooninjune

Libri e varie...

Parent Training per l'ADHD

Programma CERG: sostegno Cognitivo, Emotivo e Relazionale dei Genitori

di Angela Paiano, Anna Maria Re, Cesare Cornoldi

PARENT TRAINING PER L'ADHD
Programma CERG: sostegno Cognitivo, Emotivo e Relazionale dei Genitori
di Angela Paiano, Anna Maria Re, Cesare Cornoldi

L'intervento nell'ADHD non è facile da pianificare a causa di diversi aspetti da considerare, che sono implicati nel disturbo: in particolare difficoltà scolastiche e relazionali e problematiche psicologiche.
 Un approccio terapeutico efficace non può concentrarsi solo sulle caratteristiche base del problema (deficit di attenzione, iperattività, impulsività) bensì sussiste la necessità di agire in sinergia con la scuola e la famiglia, assumendo una visione multifocale.
 Il programma CERG (sostegno Cognitivo, Emotivo e Relazionale dei Genitori) affrontato in questo libro è un percorso alternativo alle metodologie tradizionali, che propone un parent training per genitori di bambini con ADHD e dove l'approccio cognitivo-comportamentale si combina all'apporto della neuropsicologia cognitiva e della psicologia dinamica, per ottenere dalla loro sinergia il massimo beneficio.
 Parent Training per l'ADHD nasce appunto per preparare le famiglie ad affrontare le difficoltà di comportamento e di adattamento sociale del proprio bambino in ogni contesto, familiare e scolastico.
 Programma costituito 10 incontri, e ogni incontro è corredato da schede di lavoro e homework di semplice utilizzo....

Non è Colpa dei Bambini

Versione nuova

di Stefano Scoglio

NON è COLPA DEI BAMBINI
Versione nuova
di Stefano Scoglio

L'ADHD, sigla che indica l'insieme dei disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione nei bambini (e non solo), sta emergendo in maniera eclatante come una nuova "patologia" dalle dimensioni quasi epidemiche. Il Ritalin (metilfenidato), lo psicofarmaco anfetaminico d'elezione per questa "malattia", è consumato oggi da decine di milioni di bambini, con effetti talmente devastanti da lasciar intravedere la potenziale distruzione
psichica di un'intera generazione. Molti ricercatori, tra cui psichiatri e psicologi, contestano che l'ADHD sia davvero una malattia, parlando invece di una serie di sintomi legati alle cause più diverse.
 Questo volume, accessibile ma insieme fondato su solide basi scientifiche, dimostra l'inconsistenza dell'interpretazione patologica dell'ADHD, e sviluppa anche una critica scientifica serrata dell'uso indiscriminato e distruttivo del Ritalin.
 Al di là di una naturale iperattività che va accettata come tipica dell'età infantile (come già ci insegnava Platone), gli eccessi di iperattività e di disattenzione che affliggono i nostri bambini spesso dipendono da una serie di cause diverse, psicologiche come ambientali, e soprattutto nutrizionali.
 Non è colpa dei bambini presenta quindi un'analisi accurata dei principali fattori di "nutrizione negativa" (inquinanti, sostanze eccitanti, metalli pesanti ecc.), e delle generalizzate carenze della "nutrizione positiva" (vitamine, minerali, acidi grassi ecc.). L'Autore ci propone con autorevolezza e un'ampia documentazione scientifica a supporto, l'utilizzo della microalga Klamath. I principi nutritivi presenti in questo alimento, così speciale e inusuale, possono contribuire in maniera decisiva a risolvere i disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione.
 PREFAZIONE dell'AVVOCATO LUCA POMA
Portavoce nazionale dell'associazione "Giù le Mani dai Bambini"...

Calmo e Attento Come una Ranocchia

Esercizi di mindfulness per bambini (e genitori)

di Eline Snel

CALMO E ATTENTO COME UNA RANOCCHIA
Esercizi di mindfulness per bambini (e genitori)
di Eline Snel

La Mindfulness è una metodologia di origine americana che unisce teorie zen, buddhismo e meditazione alle più occidentali teorie freudiane e di psicoterapia. Attraverso l’apprendimento di alcune tecniche si diventa capaci di prestare attenzione al presente in modo consapevole senza farsi travolgere dal flusso dei pensieri e si impara a vivere e a guardare il mondo con entusiasmo e soddisfazione.
 Questo libro introduce le basi della Mindfulness ai bambini, in una maniera facile da capire e divertente. Guida i bambini a coltivare il concetto dell’essere presenti, nel qui e ora: presenti con la mente, presenti con il cuore, presenti con il corpo. Una capacità che tutti noi abbiamo ma che va allenata, consapevolmente. E quindi... perché non iniziare fin da piccoli ad allenare questa capacità? Il volume propone esercizi che aiutano i bambini a rilassarsi, a concentrarsi meglio, a prendere sonno più facilmente, ad alleviare la preoccupazione, a gestire l’ira, e più in generale, a diventare più pazienti e consapevoli.
 Il CD allegato contiene meditazioni guidate e semplici pratiche che i bimbi possono fare anche in compagnia dei loro genitori!
 
 - La Mindfulness, un argomento di grande richiamo.
 - Per aiutare i bimbi a stare e a vivere meglio.
 - Un libretto semplice ma molto utile, con CD.
  Esercizi nel CD:
 
 -  CALMO E ATTENTO COME UNA RANOCCHIA
Meditazione base (7-12 anni) 10 min.
 -  La piccola ranocchia
Meditazione base, versione semplice (5-12 anni) 4 min.
 -  Attenzione al respiro
Come dirigere e spostare l’attenzione (7-12 anni e oltre) 10 min.
 -  Gli spaghetti
Rilassamento per bambini (5-12 anni e oltre) 6 min.
 -  Premi il tasto ‘pausa’
Per imparare a non reagire impulsivamente (7-12 anni e oltre) 4 min.
 -  Pronto soccorso per sensazioni sgradevoli
Per non lasciarsi sopraffare dalle emozioni (7-12 anni e oltre) 6 min.
 -  Un posto sicuro
Esercizio di visualizzazione (per bambini di tutte le età) 6 min.
 -  La fabbrica dei pensieri
Per calmare il turbinio dei pensieri (7-12 anni) 5 min.
 -  Un piccolo incoraggiamento
Per quando le cose non sembrano andare bene (5-12 anni) 4 min.
 -  Il segreto della stanza del cuore
Esercizio sulla gentilezza (7-12 anni) 5 min.
 -  Dormi bene
Piccolo esercizio di accompagnamento al sonno (per bambini di tutte le età) 6 min....

Rilassamento per i Bambini

Giochi di tranquillità per i piccoli e grandi

di Rae Crook

RILASSAMENTO PER I BAMBINI
Giochi di tranquillità per i piccoli e grandi
di Rae Crook

Siamo stanchi la sera dopo una giornata di lavoro. E spesso non ci accorgiamo che anche i nostri bambini sono stanchi, e magari tesi, preoccupati come mai vorremmo che fossero.
 Non è facile trovare un momento per rilassarsi insieme. Ma può essere determinante per la vita della famiglia. Anche a scuola, o all'asilo, se usata bene, una pausa può rendere tutto più facile, per i bambini e per gli educatori.
 Meditazione, massaggio, yoga, taiji quan, disegno e visualizzazione sono solo alcune delle tante tecniche di rilassamento proposte in questo libro, per aiutare i bambini a essere più sani, più felici e più creativi.
 Piccoli esercizi antistress, per aiutarli a scaricare la tensione, a sviluppare energia e, perché no, per rilassarci anche noi insieme con loro.
 Rae Crook, australiana, è maestra di yoga. Da anni pratica il rilassamento, servendosi di tecniche diverse, con gruppi di bambini disabili e non.
 I destinatari del libro: tutti i genitori che hanno figli piccoli, i nonni, gli educatori, le baby-sitter e altri operatori del settore....

Disturbi del Linguaggio e Intervento Psicomotorio

Giochi e attività in gruppo per bambini da 3 a 5 anni

di Patrizia Corsi, Ana Merletti

DISTURBI DEL LINGUAGGIO E INTERVENTO PSICOMOTORIO  - LIBRO
Giochi e attività in gruppo per bambini da 3 a 5 anni
di Patrizia Corsi, Ana Merletti

Partendo dal presupposto che la stimolazione globale aiuti lo sviluppo armonico del bambino e contribuisca a prevenire future difficoltà scolastiche, questo volume si propone di stimolare le competenze emergenti nelle diverse aree di sviluppo attraverso sedute integrate di logopedia e psicomotricità con piccoli gruppi di bambini da 3 a 5 anni.
 Il libro è suddiviso in 10 Unità a difficoltà crescente:
 
 - La socialità e l'imitazione
 - L'organizzazione dello spazio e del movimento
 - Lo schema corporeo
 - Le sequenze
 - L'attenzione e la memoria
 - Il ritmo e la discriminazione uditiva
 - L'ampliamento del vocabolario
 - La comprensione del racconto
 - L'area metafonologica
 - Il pregrafismo.
  Nel programma si descrivono le aree da stimolare e si propongono schede fotocopiabili con centinaia di esercizi e giochi. Per ogni attività vengono fornite chiare e dettagliate indicazioni sui materiali necessari e sulle modalità di esecuzione. Vengono inoltre presentati dei pratici esempi di somministrazione.
 Il percorso proposto è efficace sia in termini di recupero riabilitativo per terapisti della neuro e psicomotricità e logopedisti che lavorano sui disturbi di linguaggio e di sviluppo della prima infanzia, sia come strumento di stimolazione globale per educatori e insegnanti....

Le Fiabe che Rilassano

Il training autogeno per favorire la tranquillità e il benessere dei bambini

di Gisela Eberlein

LE FIABE CHE RILASSANO
Il training autogeno per favorire la tranquillità e il benessere dei bambini
di Gisela Eberlein

Questo libro presenta il training autogeno nella sua versione rivolta ai bambini, che utilizza la fiaba come strumento terapeutico.
 Attraverso l'ascolto delle semplici, divertenti e fantasiose storie qui raccolte, inventate dall'autrice e dai bambini stessi, i piccoli possono visualizzare le loro emozioni, scaricare le tensioni e raggiungere una completa distensione. Inoltre possono superare positivamente le difficoltà che incontrano (di apprendimento, di concentrazione e di socializzazione) o alcuni disturbi comportamentali come la balbuzie, gli attacchi d'asma, la pipì a letto, e ancora paure, fobie, stress.
 Se il training autogeno viene inserito nel loro "mondo fantastico", i bambini imparano facilmente gli esercizi e li eseguono volentieri. La descrizione di alcuni casi seguiti dall'autrice aiuta a comprendere più a fondo i metodi del training e fornisce ulteriori indicazioni pratiche....
NON è COLPA DEI BAMBINI - I DISTURBI DELL'APPRENDIMENTO  - LIBRO
Disattenzione, iperattività e ADHD: i pericoli del Ritalin e il ruolo della Nutrizione
di Stefano Scoglio

I disturbi dell'apprendimento presenta un'analisi accurata dei principali fattori di "nutrizione negativa" (inquinanti, sostanze eccitanti, metalli pesanti ecc.), e delle generalizzate carenze della "nutrizione positiva" (vitamine, minerali, acidi grassi ecc.) nei bambini
 L'ADHD, sigla che indica l'insieme dei disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione nei bambini (e non solo), sta emergendo in maniera eclatante come una nuova "patologia" dalle dimensioni quasi epidemiche. Il Ritalin (metilfenidato), lo psicofarmaco anfetaminico d'elezione per questa "malattia", è consumato oggi da decine di milioni di bambini, con effetti talmente devastanti da lasciar intravedere la potenziale distruzione psichica di un'intera generazione. Molti ricercatori, tra cui psichiatri e psicologi, contestano che l'ADHD sia davvero una malattia, parlando invece di una serie di sintomi legati alle cause più diverse.
 Questo volume, accessibile ma insieme fondato su solide basi scientifiche, dimostra l'inconsistenza dell'interpretazione patologica dell'ADHD, e sviluppa anche una critica scientifica serrata dell'uso indiscriminato e distruttivo del Ritalin.
 Al di là di una naturale iperattività che va accettata come tipica dell'età infantile (come già ci insegnava Platone), gli eccessi di iperattività e di disattenzione che affliggono i nostri bambini spesso dipendono da una serie di cause diverse, psicologiche come ambientali, e soprattutto nutrizionali.
 Questo libro presenta quindi un'analisi accurata dei principali fattori di "nutrizione negativa" (inquinanti, sostanze eccitanti, metalli pesanti ecc.), e delle generalizzate carenze della "nutrizione positiva" (vitamine, minerali, acidi grassi ecc.). L'Autore ci propone con autorevolezza e un'ampia documentazione scientifica a supporto, l'utilizzo della microalga Klamath. I principi nutritivi presenti in questo alimento, così speciale e inusuale, possono contribuire in maniera decisiva a risolvere i disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione.
 Dicono del Libro "Viviamo in una società gravata da una pericolosa 'ansia da performance', nella quale la normalizzazione di comportamenti 'diversi' o socialmente ingombranti è ormai la norma, con la linea di demarcazione tra ciò che è patologico e ciò che non lo è che si sposta pericolosamente sempre di più. In questa cornice, la somministrazione disinvolta di psicofarmaci a bambini e adolescenti è ormai diventata – in USA inizialmente, ma ora anche in Europa – una vera e propria emergenza sanitaria. […] 
 A tal proposito, quest'interessante pubblicazione costituisce un utile precedente, volto a svelare i segreti di alcune rare e preziose molecole, neuroprotettori naturali, che paiono venirci in soccorso con un eccellente rapporto rischio/beneficio. Perché non approfondire la ricerca scientifica in questa direzione? 
 A volte l'antica saggezza della natura può garantire risposte esaurienti ai nostri disagi, senza alcun bisogno di scomodare 'l'apprendista stregone' che è in noi". 
 Luca Poma 
Il Portavoce Nazionale della Campagna sociale "Giù le Mani dai Bambini®"...

Non è colpa dei Bambini - I Disturbi dell'Apprendimento

Disattenzione, iperattività e ADHD: i pericoli del Ritalin e il ruolo della Nutrizione

di Stefano Scoglio

I disturbi dell'apprendimento presenta un'analisi accurata dei principali fattori di "nutrizione negativa" (inquinanti, sostanze eccitanti, metalli pesanti ecc.), e delle generalizzate carenze della "nutrizione positiva" (vitamine, minerali, acidi grassi ecc.) nei bambini

L'ADHD, sigla che indica l'insieme dei disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione nei bambini (e non solo), sta emergendo in maniera eclatante come una nuova "patologia" dalle dimensioni quasi epidemiche. Il Ritalin (metilfenidato), lo psicofarmaco anfetaminico d'elezione per questa "malattia", è consumato oggi da decine di milioni di bambini, con effetti talmente devastanti da lasciar intravedere la potenziale distruzione psichica di un'intera generazione. Molti ricercatori, tra cui psichiatri e psicologi, contestano che l'ADHD sia davvero una malattia, parlando invece di una serie di sintomi legati alle cause più diverse.

Questo volume, accessibile ma insieme fondato su solide basi scientifiche, dimostra l'inconsistenza dell'interpretazione patologica dell'ADHD, e sviluppa anche una critica scientifica serrata dell'uso indiscriminato e distruttivo del Ritalin.

Al di là di una naturale iperattività che va accettata come tipica dell'età infantile (come già ci insegnava Platone), gli eccessi di iperattività e di disattenzione che affliggono i nostri bambini spesso dipendono da una serie di cause diverse, psicologiche come ambientali, e soprattutto nutrizionali.

Questo libro presenta quindi un'analisi accurata dei principali fattori di "nutrizione negativa" (inquinanti, sostanze eccitanti, metalli pesanti ecc.), e delle generalizzate carenze della "nutrizione positiva" (vitamine, minerali, acidi grassi ecc.). L'Autore ci propone con autorevolezza e un'ampia documentazione scientifica a supporto, l'utilizzo della microalga Klamath. I principi nutritivi presenti in questo alimento, così speciale e inusuale, possono contribuire in maniera decisiva a risolvere i disordini legati all'iperattività e al deficit di attenzione.

Dicono del Libro

"Viviamo in una società gravata da una pericolosa 'ansia da performance', nella quale la normalizzazione di comportamenti 'diversi' o socialmente ingombranti è ormai la norma, con la linea di demarcazione tra ciò che è patologico e ciò che non lo è che si sposta pericolosamente sempre di più. In questa cornice, la somministrazione disinvolta di psicofarmaci a bambini e adolescenti è ormai diventata – in USA inizialmente, ma ora anche in Europa – una vera e propria emergenza sanitaria. […] 

A tal proposito, quest'interessante pubblicazione costituisce un utile precedente, volto a svelare i segreti di alcune rare e preziose molecole, neuroprotettori naturali, che paiono venirci in soccorso con un eccellente rapporto rischio/beneficio. Perché non approfondire la ricerca scientifica in questa direzione? 

A volte l'antica saggezza della natura può garantire risposte esaurienti ai nostri disagi, senza alcun bisogno di scomodare 'l'apprendista stregone' che è in noi". 

Luca Poma 
Il Portavoce Nazionale della Campagna sociale "Giù le Mani dai Bambini®"

...

2 commenti

  1. A mio parere è l ‘intero sistema,scolastico innanzitutto ma anche sociale,che crea nei bimbi atteggiamenti individuati come “sintomi”dell’ADHD…I bimbi di oggi sono costretti all’immobilita’ a scuola per la maggior parte della giornata,arrivati a casa in fretta e furia li aspettano miriade di altre attività extrascolastiche…e poi i compiti …non vi sembra uno stile di vita eccessivamente stressante x bimbi ancora immaturi?e ci si stupisce che abbiano disturbi del sonno?non si possono sottoporre i più piccoli a questo stile di vita che non rispetta le loro tempistiche e poi stupirsi perché risultano irrequieti…non servono pillole,ma solo adulti con un po’ più di buon senso 🙂

  2. Valutato dal punto di vista della Scienza Energetica, l’ADHD si presenta più come indicatore di bambini avanzati, a cui sono necessari altri ritmi e contenuti, per mantenere la loro fulgida mente presente in aula. Ci sono comunque strategie pratiche dai benefici immediati che possono essere acquisite dagli insegnanti per ovviare alle conseguenze della loro tendenza a vagare per altri luoghi, se pur fisicamente presenti in classe.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*