Il “Vacci-nazismo” avanza

di Stefano Re

La “Scienza”, i vaccini, i farmaci, non hanno mica delle colpe se qualcuno ci muore. Anzi è proprio impossibile… perché loro sono perfetti. Sono i bambini che, chissà, forse per capriccio, talvolta reagiscono male e magari muoiono pure.

È successo che, nel 1971 Marco di sei anni e nel 1980 Andrea di quattro anni, figli del geometra Giorgio Tremante, siano stati uccisi dal vaccino obbligatorio antipolio. Entrambi a causa della somministrazione del vaccino muoiono, e un terzo figlio, Alberto, resta danneggiato gravemente, e vive ancora oggi a 40 anni attaccato a un respiratore automatico.

Ovviamente le “autorità scientifiche” mica lo ammettono subito, ci vogliono 25 anni perché alla fine, dopo averle tentate tutte per evitarlo, la Commissione Medica ospedaliera riconosca la correlazione tra il vaccino e la morte dei bambini. Succede anche che, nel 2011, a Verona, su iniziativa dell’autorità comunale, venga intitolato un parco pubblico a questi bambini uccisi dal vaccino, con una targa che commemora la loro morte. Non restituisce i due figli uccisi, né la vita distrutta al terzo, ma almeno è un simbolo.

Libri e varie...

Ma i simboli sono pericolosi. Succede infatti, nel frattempo, che le case farmaceutiche decidano, a suon di miliardi di dollari, che i vaccini devono diventare intoccabili, devono essere considerati sicuri al 100%, e che nessun dubbio deve venir tollerato, da parte di nessuno. Per cui, negli ultimi anni, tutti i medici che sollevano dubbi finiscono radiati a raffica, studi critici vengono impediti, denigrati e nascosti, epidemie vengono inventate, bambini sani vengono dichiarati minacciosi per la salute pubblica.

Il 95% diventa una specie di numero magico che protegge da tutto, incluse malattie nemmeno contagiose, il morbillo diventa di punto in bianco una peste tremenda e chiunque si azzardi a dire che forse anche i vaccini, come ogni farmaco, hanno delle controindicazioni, che possono far male, diventa un ignorante, un criminale, un eretico, uno da condannare senza processo, uno a cui togliere i figli.

Secondo un genio di Sindaco, di nome Lorenzo Guzzetti, i genitori che coltivino dei dubbi devono venire “arsi vivi”. E se ve lo state chiedendo, no: non lo hanno arrestato questo simpaticone di Sindaco. Anzi, la allora Ministra della Salute Beatrice Lorenzin gli ha espresso solidarietà a mezzo stampa. In Italia, se parli a favore dell’obbligo vaccinale puoi anche minacciare di morte a casaccio. I Carabinieri hanno altro da fare, sono tutti impegnati a impedire a bimbe di quattro anni del tutto sane di entrare all’asilo, perché – come tutti sanno – i bimbi del tutto sani minacciano la salute pubblica.

E poiché i simboli son pericolosi, in questo clima di follia indotta e dilagante, ovviamente qualche disgraziato non poteva esimersi dal tentare di riscrivere anche la storia dei due fratellini Tremante. E con faccia di tolla senza pari, uno dei tanti araldi di questa scemenza vaccinale firma giorni fa un pezzo su un noto quotidiano, in cui afferma che quella targa commemorativa per i fratellini Tremante andrebbe tolta perché è “un falso storico”.

Libri e varie...

La parte più illuminante di questa uscita, degna giusto di un avvoltoio con la gastrite, è la ricostruzione che viene fornita degli eventi. Sì, è vero, si ammette che i bambini sono morti dopo il vaccino e in relazione all’assunzione del vaccino, ma la colpa non sarebbe mica del vaccino, bensì dei due bimbi. Secondo la signora Eugenia Tognotti, che ha lo stomaco di firmare a mezzo stampa queste dichiarazioni, i due bimbi erano congenitamente inadatti a ricevere quel vaccino, il che non è mica colpa del vaccino. Insomma, han reagito male, quelle due piccole pesti. Dunque, se son morti, è un problema tutto loro, non è mica un problema del vaccino, o del fatto che sia stato loro imposto per legge.

Avete capito bene il concetto? Non è mica il cianuro che ti uccide, sei tu che muori perché reagisci male al cianuro. Nella narrativa la “Scienza”, i vaccini, i farmaci, non hanno mica delle colpe. È proprio impossibile, perché loro sono perfetti. Sono i bambini che, chissà, forse per capriccio, talvolta reagiscono male e magari ci crepano pure.

Tenetelo bene a mente: passata questa linea, se vostro figlio morisse a causa di un vaccino, o di un farmaco, o di un altro trattamento sanitario, non sarebbe mica colpa del vaccino, farmaco o trattamento. Forse che magari un farmaco non dovrebbe poter uccidere le persone? Forse che non dovrebbe essere attuato su chi potrebbe morirne? Magari un trattamento sanitario che presenta simili rischi non dovrebbe essere obbligatorio per legge? No, no: tutto questo è giusto, giustissimo, lo dice la “Scienza”.

Se qualcosa va storto è solo colpa di vostro figlio, che è evidentemente “sbagliato”. Quindi, visto che i vaccini devono essere obbligatori per tutti per sempre, siete voi che dovete proprio smetterla di produrre figli “sbagliati”, razza di ignoranti. Ascoltate i sacerdoti della “Fede Vaccinale”: dovete produrre dei figli adatti alle vaccinazioni. Vedrete che presto vi diranno che medicinali prendere – manco a dirlo, obbligatoriamente – fin dal giorno del concepimento, per garantire di scodellare fuori il tipo giusto di essere umano, quello schiavo fisico e mentale particolarmente adatto alla società di nazisti in camice bianco che stanno allestendovi sotto il naso. Nei secoli dei secoli, amen.

E giusto per essere ben chiari, in linea con la rinnovata ondata di fanatismo vaccinazista, per dimostrare ancora una volta quanto la “Scienza” vaccinale si dimostri attenta ai danni che combina, nonostante il riconoscimento del nesso causale vaccinazioni-decessi da parte della Commissione Medica, con sentenza della Corte di Cassazione, alle vittime della famiglia Tremante non viene riconosciuto il risarcimento (postumo). “I medici hanno fatto tutto secondo le regole”, è la risposta del tribunale, arrivata nel 2018. Insomma, hanno ucciso quei due bambini e rovinato la vita al terzo, ma lo hanno fatto in modo del tutto regolamentare, non c’è nulla per cui protestare. Per fortuna, il padre Giorgio era deceduto qualche mese prima, almeno quest’ultimo affronto gli è stato risparmiato.

Lo capite vero, perché è importante questa decisione? Perché domani, quando saranno i vostri figli, oggi vaccinati per obbligo, a rimanere paralizzati, ciechi, cerebrolesi a vita se non a lasciarci direttamente le penne, ci sarà questo bel precedente legislativo cui fare riferimento: “Hey, ma stando a quanto si sapeva allora, è stato fatto tutto in modo regolamentare!” e quindi, anche legalmente, la colpa sarà dei vostri figli, che non funzionano come previsto da la “Scienza”.

Seriamente: chi ancora non si sia reso conto della spirale discendente di inumanità e follia vera e propria che sta percorrendo questa ondata di fanatismo religioso travestito malamente da “amor di scienza”, apra una buona volta gli occhi.

Articolo di Stefano Re

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte originale: https://www.facebook.com/stefano.re

Fonte: https://www.luogocomune.net/LC/fr/21-medicina-salute/5265-il-vaccinazismo-avanza

Libri e varie...
I VACCINI SONO UN'ILLUSIONE
La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale - Cosa possiamo fare per riconquistare la salute
di Tetyana Obukhanych

I Vaccini Sono un'Illusione

La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale - Cosa possiamo fare per riconquistare la salute

di Tetyana Obukhanych

L'immunologa Tetyana Obukhanych in questo libro espone i motivi per cui i vaccini non possono assicurarci un'immunità duratura dalle malattie infettive e sono pericolosi per la nostra salute.

Basandosi su fonti scientifiche accreditate, quali PubMed (la banca dati medica più autorevole al mondo), l'autrice ci spiega in maniera chiara:

  • perché la vaccinazione antinfluenzale può essere definita come una roulette russa e quindi poco efficace
  • l'inesistenza dell'immunità di gregge
  • i motivi dell'esagerazione forzata dei problemi derivanti dalle malattie infettive naturali
  • quali sono i rimedi naturali per il rafforzamento dell'organismo come vitamina A, vitamina D, omeopatia
  • come i vaccini possono aprire la strada all'invasione di varie malattie: allergie, dermatiti, esofagiti, reazioni ai metalli pesanti che contengono, ecc.
  • e molto altro.

In seguito alla crescente preoccupazione in merito alla sicurezza dei vaccini, la nostra società si è divisa fra chi è a favore del loro impiego e chi invece è contrario.

Nel dibattito in corso, però, abbiamo perso di vista un problema più grande: le campagne di vaccinazione cancellano la nostra immunità naturale e mettono a rischio la vita dei più piccoli.

Questo libro rappresenta un'indagine approfondita di tutte le fonti a disposizione sul tema dei vaccini e dell'immunità naturale.

 

Dall'introduzione:

"Studi fatti durante lo scorso decennio hanno cominciato a delineare i meccanismi immunologici che permettono di capire come l'esposizione a determinati ingredienti dei vaccini, per esempio l'alluminio e il timerosal*, sia incompatibile con il funzionamento ottimale del sistema immunitario. La maggior parte delle pubblicazioni scientifiche che si dichiarano in disaccordo con le pratiche di vaccinazione comunemente raccomandate è sotto gli occhi di tutti, ma questi studi non vengono divulgati dalla medicina convenzionale.

Credo che sia importante colmare questa lacuna e discutere con i neogenitori, con i professionisti e gli operatori del settore della salute riguardo a quelle scoperte scientifiche che confermano la possibilità di godere di ottima salute senza ricorrere ai vaccini."

Tetyana Obukhanych

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *