Decodificati i “Software genetici” che sviluppano gli organi

di Norbert Ciuccariello

Finalmente decodificati i programmi genetici che controllano lo sviluppo degli organi nei mammiferi.

Una scoperta epocale quella presentata nei due studi, pubblicati sulla rivista Nature, da una collaborazione internazionale guidata da Henrik Kaessmann dell’Università di Hidelberg, in Germania: per la prima volta sono stati decodificati i programmi genetici che controllano lo sviluppo degli organi nei mammiferi, uomo incluso: sviluppati dall’evoluzione a partire da un unico ‘software’ genetico ancestrale risalente ad oltre 200 milioni di anni fa, sono finemente regolati da particolari molecole di Rna, che introducono le differenze specie-specifiche, soprattutto, nelle fasi terminali dello sviluppo.

Sono state fondamentali per i ricercatori le nuove tecnologie di sequenziamento massivo, vere e proprie chiavi per la realizzazione di questi due studi, che hanno permesso di esaminare e confrontare in parallelo, sia prima che dopo la nascita, l’attività dei geni presenti nelle cellule di cervello, cuore, fegato, rene, testicoli e ovaie di sei specie di mammiferi: uomo, macaco, topo, ratto, coniglio e opossum.

Si tratta di un importante passo avanti, perché finora mancava una visione globale di questi programmi genetici nei mammiferi, che erano noti limitatamente a singoli geni, specifici organi o particolari fasi dello sviluppo. Inoltre, gran parte degli studi condotti finora riguardavano esclusivamente il topo.

Alcuni importanti rappresentanti della comunità scientifica hanno affermato che questa scoperta potrebbe aprire nuove prospettive per la ricerca medica e spianare la strada a future ricerche che aspirino ad indagare le condizioni patologiche che possono colpire ogni singolo organo.

Articolo di Norbert Ciuccariello

Fonte: https://www.ilvaloreitaliano.it/decodificati-i-software-genetici-che-sviluppano-gli-organi/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *