Il Grande Inganno delle Elites

di Matteo Carnieletto

Basta leggere le parole che Paolo Gentiloni ha usato per commentare i risultati delle elezioni nel Regno Unito per comprendere l’insuccesso del partito di Jeremy Corbyn (in particolare) e della sinistra europa (in generale): “Vince Johnson cavalcando l’onda di Brexit. Perde l’illusione di una sinistra nostalgica. Speranza e fiducia nell’Unione europea. Oggi più che mai”.

Le prime due frasi sono corrette: BoJo è stato votato perché, piaccia o meno, la gran parte del popolo britannico vuole la Brexit ed è disposta a votare un “cane pazzo” (ma solo all’apparenza) come lui pur di portarla a termine; Corbyn, invece, non è stato votato perché è stato percepito come un vecchio arnese della sinistra, è stato accusato di antisemitismo e ha promesso di tassare praticamente tutti. Abc: “Anyone, but Corbyn”, scegli chiunque ma non Corbyn. La speranza di cui parla Gentiloni, invece, è solo una pia illusione, coccolata da chi, ancora oggi, non riesce a capire, o forse non vuole, dove sta andando il mondo.

Libri e varie...

Ma se invece vogliamo capire, o anche solo intuire dove sta andando il mondo, dobbiamo fare un passo indietro e tornare a quell’anno – il 2016 – che è stato il grande spartiacque della politica internazionale. Siamo a giugno e gli occhi del mondo sono puntati su quell’isola, la Gran Bretagna appunto, che è sempre stata così vicina, ma allo stesso tempo così lontana, dall’Europa. Tutti i sondaggi sono chiari: la Brexit non si farà. La gente ama l’Unione europea e ne ha compreso il suo valore. Falso. I sondaggisti riusciranno a fare di peggio solamente pochi mesi dopo, con le elezioni americane, dando Hillary Clinton praticamente già insediata alla Casa bianca. Ma torniamo a Londra: quando, poco alla volta, escono i primi exit poll, si comprende che la maggior parte dei britannici (il 51.89%) è pronta a lasciare la Ue. È uno choc non solo per Londra, ma anche (e soprattutto) per Bruxelles.

https://www.adviseonly.com/wp-content/uploads/2018/07/Diario-di-due-anni-di-Brexit.jpg

Che fare? Innanzitutto demonizzare la Brexit e farla passare per una cosa portata avanti solamente da bifolchi e vecchi. E in parte la Brexit è stata ed è anche questo, sia chiaro. Basta guardare la mappa del voto per rendersene conto: sono soprattutto gli uomini e le donne delle periferie a volere lasciare la Ue. Sono (anche) gli sconfitti della globalizzazione a voler far saltare il banco. Ma non sono solo loro. E questa reductio ad bubulcum rappresenta il tentativo delle élite di demonizzare un risultato sgradito.

E lo dimostra il voto del 12 dicembre. La maggioranza (schiacciante) dei britannici ha scelto Boris Johnson con un unico obiettivo: portare a termine questa benedetta Brexit e, in questo senso, ha ragione Gentiloni. Che sbaglia però subito dopo, quando invoca l’Unione europea. Il voto britannico è infatti un sonoro schiaffo in faccia a Bruxelles, le cui istituzioni sono percepite sempre più oppressive e soffocanti.

Se le élite che ora si trovano nei palazzi di potere della Ue, non saranno in grado di fare una sana autocritica e correggere il tiro, l’Unione europea crollerà. E non a causa di BoJo. Ma per colpa della miopia di chi, oggi, chiede più Europa. Anche quando la gente ha iniziato ad odiarla.

Articolo di Matteo Carnieletto

Fonte: https://it.insideover.com/politica/il-grande-inganno-delle-elite.html

Libri e varie...
SCHIAVI DI UN Sé FANTASMA
Come ritrovare se stessi liberandosi dalla forze occulte che ci manipolano
di David Icke

Schiavi di un Sé Fantasma

Come ritrovare se stessi liberandosi dalla forze occulte che ci manipolano

di David Icke

Dopo la lettura di questo libro l'opinione che avrai della tua vita e del mondo, non sarà più la stessa!

Cosa sta accadendo nel mondo? Cos'è veramente la "vita"? Sempre più persone provano un senso di disagio per la direzione che sta prendendo la società, ma non sanno il perché. Sta succedendo qualcosa, ma cosa?

David Icke, giornalista, autore e punto di riferimento della controinformazione impegnato da oltre 25 anni a svelare i segreti della realtà e delle forze che ci manipolano, risponde a queste domande rivelandoci verità nascoste e scomode.

In questo nuovo libro ci spiega come sta avvenendo il controllo dell'umanità, mentre le persone sono troppo impegnate nella loro vita quotidiana per rendersene conto. I tiranni che comandano ci nascondono la verità, controllano i media, le scoperte scientifiche, le religioni e anche l'educazione con lo scopo di modellare le giovani menti per sostenere il sistema.

Con l'aiuto delle rivelazioni contenute in questo libro, tutti noi possiamo finalmente accorgerci che siamo dei fantocci manipolati e che stiamo vivendo in un "mondo prigione". David Icke ci spiega come la realtà che noi crediamo così "reale" non sia altro che una simulazione virtuale controllata da una forza occulta, che ha manipolato l'umanità per renderla schiava di false percezioni del mondo e della realtà.

L'essere umano ha però la possibilità di superare questo stato di cose, facendo un lavoro mirato su se stesso. La chiave è ciò che David chiama "Sé fantasma", quel "tu" che credi di essere, ma che non sei. È il "tu" che ti guarda dallo specchio, quello a cui dai un nome, una storia e una serie di definizioni. Ma non sei tu. È un falso "tu", che rende schiavo il tuo senso della realtà limitandolo e rinchiudendolo in un luogo ristretto.

Viviamo nel regno del Sé fantasma, ed è per questo che la società arriva ad essere così pazza, stupida e brutale. Solo aprendo le porte al Sé infinito questa follia finirà.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *