”Gli Oligarchi di Silicon Valley sono più potenti del Presidente USA e vogliono che tu lo sappia” (Tucker Carlson)

Il Presidente Trump venerdì ha detto che sta prendendo in considerazione altre piattaforme di social media e potrebbe persino crearne una propria, dopo che è stato banatto da Twitter, in seguito alla rivolta del Campidoglio di mercoledì scorso.

Perché le aziende tech che censurano Trump rischiano di fare più danni alla democrazia - Open

È stato anche bloccato dalla pubblicazione su Facebook e Instagram, almeno fino alla scadenza del suo mandato. “Come ho detto da molto tempo, Twitter è andato sempre più in là nel vietare la libertà di parola, e stasera i dipendenti di Twitter si sono coordinati con i Democratici e la Sinistra Radicale nel rimuovere il mio account dalla loro piattaforma, per mettere a tacere me – e Voi, i 75.000.000 di grandi patrioti che hanno votato per me”, ha twittato il presidente dall’account @Potus invece che dal suo personale @ReadDonaldTrump, che utilizzava quasi esclusivamente prima del divieto.

“Twitter può essere una società privata”, ha continuato il presidente, “ma senza il dono del governo della Sezione 230 non esisterebbero a lungo”. Il presidente ha continuato dicendo che aveva predetto che le sue parole sarebbero state censurate. I conservatori si lamentano da tempo che i siti di social media come Twitter sono prevenuti contro di loro a favore dei liberali.

“Abbiamo negoziato con vari altri siti, e presto avremo un grande annuncio, mentre guardiamo anche alle possibilità di costruire la nostra piattaforma nel prossimo futuro. Non saremo MESSI A TACERE!”

Infine, ha accusato Twitter di lavorare contro la libertà di parola e invece “promuovere una piattaforma di sinistra radicale in cui alcune delle persone più malvagie del mondo possono parlare liberamente”. “RIMANETE SINTONIZZATI!” ha aggiunto.

Twitter ha rimosso rapidamente anche i tweet dall’account @Potus, citando la sua politica sugli utenti bannati che cercavano di aggirarla tramite altri account. “Gab”, un’alternativa a Twitter lanciata alcuni anni fa e che si definisce un “social network che difende la libertà di parola, la libertà individuale e il nuovo libero flusso di informazioni online”, ha approfittato rapidamente del momento.

Il fondatore e CEO di Gab, Andrew Torba, un sostenitore di Trump, ha scritto sulla piattaforma che il sito ha registrato un traffico record da quando il presidente è stato bannato dai social media. “Altri server vengono attivati ​​mentre parliamo”, ha scritto Torba venerdì. “Registra il traffico. Ricorda: possediamo l’hardware del nostro server, non è facile come premere un pulsante su un provider di hosting cloud, ma non possiamo essere bannati dai server di nostra proprietà! Sii paziente. Dio ha il controllo”.

Tornando su Twitter, “MySpace”, il sito di social media popolare nei primi anni 2000, ha iniziato a fare tendenza. Google ha invece annunciato venerdì che sospenderà la piattaforma di social media “Parler” dal suo Play Store, a causa di una mancata moderazione dei “contenuti eclatanti” pubblicati dagli utenti, relativi alla rivolta del Campidoglio. Parler è diventato una popolare alternativa a Twitter per molti conservatori.

Fonte originale: https://www.foxnews.com/politics/trump-a-twitter-rival-after-ban-president-says-hes-in-talks-with-other-platforms-or-may-launch-his-own

Fonte: https://www.detoxed.info/tucker-carlsongli-oligarchi-di-silicon-valley-sono-piu-potenti-del-presidente-usa-e-vogliono-che-tu-lo-sappia/

Libri e varie...
VACCINI: Sì O NO?
#scienzaevaccini - In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini
di Stefano Montanari, Antonietta Gatti

Vaccini: Sì o No?

#scienzaevaccini - In esclusiva per la prima volta le analisi e le foto di laboratorio con il microscopio elettronico delle sostanze presenti nei vaccini

di Stefano Montanari, Antonietta Gatti

Un libro su uno dei temi più scottanti di oggi, che riguarda tutti i bambini.

Vaccini sì o vaccini no? Fare una scelta consapevole oggi è molto difficile. Ricevi quotidianamente innumerevoli informazioni dai giornali, nazionali e locali, dalle radio, dalla televisione e da internet sull'importanza di vaccinare i tuoi figli e di farlo secondo il calendario stabilito dall'ASL e dell’efficacia dei vaccini antinfluenzali. È molto importante che tu possa avere tutte le conoscenze per scegliere liberamente. La salute è tua e non sei obbligato di metterla nelle mani di altre persone, soprattutto quella dei tuoi bambini. E quindi devi chiederti: 

Che cosa sono i vaccini? Come sono nati? Cosa contengono? Come vengono somministrati? Quanto sono efficaci e quanto sono deleteri? Che collegamenti ci sono tra i vaccini, l’autismo e altre malattie?

In questo libro gli scienziati Stefano Montanari e Antonietta Gatti forniscono le risposte a tutte queste domande presentando le loro ricerche in laboratorio su 28 diversi vaccini.

Ma non solo, in queste pagine vengono descritti le immunità di gregge, la durata della copertura, l’efficacia dei vaccini, gli antibiotici presenti, la mancanza di studi con gruppo di controllo, i vaccini militari, le correlazioni con i casi d’autismo, gli esavalenti, le autorizzazioni facili, la propaganda, l’insabbiamento dei dati negativi, la risposta individuale, l’immunità naturale, l’innocuità di molte malattie infettive, le false epidemie, l’influenza degli interessi dell’industria farmaceutica e molto altro ancora.

Con analisi unica in Italia: il contenuto dei 28 vaccini più comuni, con foto al microscopio elettronico.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.