Baby food: ecco come le Industrie alimentari educano i Neonati ad una Dieta zucchero-dipendente

di Riccardo Quintili

Due nuovi studi dell’OMS Europa, mostrano come molti alimenti per l’infanzia sono commercializzati erroneamente come adatti ai bambini di età inferiore a 6 mesi. Non solo, un’alta percentuale di alimenti per bambini, contiene livelli eccessivi di zucchero.

Sul primo aspetto, l’Organizzazione mondiale della Sanità ricorda come i bambini dovrebbero essere allattati esclusivamente al seno almeno per i primi 6 mesi di vita. La Guida globale Oms per il 2016 sulla cessazione della promozione inappropriata di alimenti per lattanti e bambini, dichiara esplicitamente che gli alimenti complementari commerciali non dovrebbero essere pubblicizzati per bambini di età inferiore a 6 mesi.

Una buona alimentazione nell’infanzia e nella prima infanzia rimane fondamentale per assicurare una crescita e uno sviluppo ottimali del bambino e migliori risultati di salute in futuro – compresa la prevenzione di sovrappeso, obesità e malattie non trasmissibili legate all’alimentazione”, afferma il dott. Zsuzsanna Jakab, direttore regionale dell’OMS per l’Europa.

Qualità nutrizionale dei prodotti

L’Oms ha sviluppato una bozza di modello di profilo nutritivo per bambini di età compresa tra 6 e 36 mesi per aiutare le decisioni dei genitori. E la parte europea dell’Organizzazione mondiale della salute, ha anche sviluppato una metodologia per l’identificazione di alimenti per neonati e per la raccolta di dati sui contenuti nutrizionali. Ha così raccolto dati su 7955 prodotti alimentari o bevande commercializzati per neonati e bambini da 516 negozi in 4 località nella regione europea dell’OMS (Vienna, Austria, Sofia, Bulgaria, Ungheria, e Haifa, Israele) tra novembre 2017 e gennaio 2018.

In tutte e 4 le città, una parte sostanziale dei prodotti, compresa tra il 28% e il 60%, è stata commercializzata come adatta per i bambini di età inferiore ai 6 mesi. Sebbene ciò sia permesso dalla legge dell’Unione europea, spiega l’Oms, è in aperto contrasto con il Codice internazionale di commercializzazione dell’OMS sui sostituti del latte materno o la Guida dell’OMS. Entrambi affermano esplicitamente che gli alimenti complementari commerciali non dovrebbero essere commercializzati come adatti per i bambini di età inferiore ai 6 mesi.

“Gli alimenti per lattanti e bambini sono tenuti a rispettare diverse raccomandazioni nutrizionali e di composizione stabilite. Nondimeno, vi sono preoccupazioni sul fatto che molti prodotti possano essere ancora troppo ricchi di zuccheri“, afferma il dott. João Breda, capo dell’ufficio europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie non trasmissibili dell’OMS.

In 3 delle città, la metà o più dei prodotti ha fornito oltre il 30% delle calorie totali degli zuccheri. Circa un terzo dei prodotti elencano zucchero, succo di frutta concentrato o altri agenti dolcificanti come ingrediente. Questi aromi e zuccheri aggiunti, potrebbero influenzare lo sviluppo delle preferenze di gusto dei bambini, aumentando il loro gradimento per cibi più dolci.

Articolo di Riccardo Quintili

Fonte: https://ilsalvagente.it/2019/07/15/baby-food-ecco-come-le-industrie-educano-i-neonati-a-una-dieta-zucchero-dipendente/61428/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.