Arrivano i “banchi a rotelle”, il sindaco di Cadoneghe li apre davanti ai cittadini: “Vergogna”

di Pietro di Martino

Sono arrivati i primi banchi a rotelle a Cadoneghe, comune in provincia di Padova. Il sindaco Schiesaro: “Non c’è neanche lo spazio per scrivere, soldi buttati al vento”.

Arrivano i banchi a rotelle, il sindaco li apre davanti ai cittadini: «Vergogna»

È diventato virale, con 3 milioni di visualizzazioni in 22 ore, un video (vedi sotto) pubblicato da Marco Schiesaro, primo cittadino di Cadoneghe, nel quale viene mostrata l’inutilità dei nuovi banchi a rotelle per la scuola.

“Dietro di me il primo dei due camion che stanno consegnando a Cadoneghe i cosiddetti banchi con le rotelle del ministro Azzolina” ha spiegato il sindaco. “Sono dei banchi in plastica, bassi e direi anche poco confortevoli. Non c’è neanche lo spazio per poter scrivere”. Per il primo cittadino si tratta di soldi sostanzialmente buttati al vento. “Pensate – racconta nel video – mentre stavano scaricando questi scatoloni, la gente diceva in dialetto veneto: ‘Non avevano altri modi per buttare via i schei (soldi)?’ “

Questo è quello che secondo Schiesaro dice la gente: milioni di euro di tasse dei cittadini buttati al vento. I banchi scaricati erano 165. Le scuole pubbliche sono un vanto per il nostro Paese – ha continuato il sindaco – e versano in pessime condizioni strutturali. Serramenti, tetti, giardini e mura hanno bisogno di grandi interventi, sostanziosi e infrastrutturali”.

Banchi a rotelle e il mistero sulla provenienza

Ecco i banchi a rotelle della nuova scuola - La Nuova Padania

Per il sindaco non c’è necessità di avere banchi con le rotelle ma “denaro per sostenere e ristrutturare la scuola pubblica”. Il finale lascia ancora più perplessi, quando il primo cittadino ha raccontato di aver chiesto da dove arrivassero quei banchi.

“Hanno l’ordine di non dirlo. Io chiedo che cosa ci sia di segreto. Perché non si può dire da dove vengono? Qual è il problema? Vengono da un outlet, da una fabbrica o da un fallimento? Perché si sentiva dire anche questo”.

Schiesaro fa presente che si è parlato di cifre astronomiche, che non rispecchiano il valore reale dell’oggetto. Sono delle sedie a rotelle leggerissime, che non fanno sicuramente bene alla postura dei ragazzi. Tanto denaro pubblico sprecato che non servirà a niente”.

Vai al video >>>

Articolo di Pietro di Martino

Fonte: https://www.oltre.tv/banchi-a-rotelle-sindaco-cittadini-vergogna/

Libri e varie...
I VACCINI SONO UN'ILLUSIONE
La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute
di Tetyana Obukhanych

I Vaccini sono un'Illusione

La vaccinazione compromette il sistema immunitario naturale. Cosa possiamo fare per riconquistare la salute

di Tetyana Obukhanych

Questo libro spiega in maniera scientifica perché il sistema vaccinale è basato su falsi principi ed offre indicazioni su come rafforzare il sistema immunitario in modo naturale.

In seguito alla crescente preoccupazione in merito alla sicurezza dei vaccini, la nostra società si è divisa fra chi è a favore del loro impiego, e chi invece è contrario.

Nel dibattito in corso, però, abbiamo perso di vista un problema più grande: le campagne di vaccinazione cancellano la nostra immunità naturale e mettono a rischio la vita dei più piccoli.

L'immunologa Tetyana Obukhanych in questo libro espone i motivi per cui i vaccini non possono assicurarci un'immunità duratura dalle malattie infettive e sono pericolosi per la nostra salute. Basandosi su fonti scientifiche accreditate, quali PubMed (la banca dati medica più autorevole al mondo), l'autrice ci spiega in maniera chiara:

  • perché la vaccinazione antinfluenzale può essere definita come una roulette russa e quindi poco efficace
  • l'inesistenza dell'immunità di gregge
  • i motivi dell'esagerazione forzata dei problemi derivanti dalle malattie infettive naturali
  • quali sono i rimedi naturali per il rafforzamento dell'organismo come vitamina A, vitamina D, omeopatia
  • come i vaccini possono aprire la strada all'invasione di varie malattie: allergie, dermatiti, esofagiti, reazioni ai metalli pesanti che contengono, ecc.
  • e molto altro.

Un'indagine approfondita di tutte le fonti a disposizione sul tema dei vaccini e dell'immunità naturale.

...

2 commenti

  1. Salvatore Tranchida

    Questo governo diretto da coglioni incompetenti. Che non hanno nessuna esperienza politica e messi lì , dalla Merkel in cambio di soldi datogli in nero pur di fare tutto quello che dice la Germania.In primis fare arrivare tutti i barconi in Italia.,Bisogna che li cacciamo tutti a pedate nel culo sti deficienti.

  2. I ragazzi non si oppongono? Cazzi loro. Basterebbe che anche una sola classe per scuola si rifiutasse di accettare e sottostare a tutte le direttive sociopatiche e orwelliane, antidemocratiche. Invece niente; lo dico con amarezza, anche sé è la realtà dei fatti: i ragazzi, quelli che hanno dai 12 anni, fino a più o meno 20-22, sono i peggiori… credono a tutto, accettano tutto, non si pongono domande, non si informano anche sé hanno lo smartphone con internet praticamente cucito sulla mano… L’altro giorno ho preso il treno per spostarmi, ad un certo punto si sono sedute due ragazzine nella fila di sedili di fianco alla mia: tutte e due con la museruola. Si facevano selfie… Con la mascherina!!!!! Ovviamente con le coscie in bella vista, ma con la mascherina!!! Non è che sé la sono tolta qualche secondo, giusto il tempo di fare le loro stramaledette foto, sé le sono fatte con la mascherina!!!… La follia ormai domina incontrastata!!!. No, i giovani o si danno una svegliata, o sono belli che fottuti!. Sono stanco di doverli sempre giustificare, Cristo santo hanno tutti gli strumenti per informarsi e tutto il tempo necessario, visto che sono a casa da metà febbraio!!!.

    I giovani di oggi sono qualcosa da film horror. I ragazzini pensano solo ad imitare i loro “idoli” della trap, le ragazzine a fare le troiette un giro mezze nude… ovviamente e rigorosamente con la museruola… Più ci penso e più mi sale una rabbia enorme..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *