Scuola a distanza: Abusi e Soprusi!

di Gianni Lannes
Il “Bullismo istituzionale” è un orrendo esempio altamente diseducativo, di cui non si parla mai.
Troppo brava e troppo preparata per essere creduta. Una studentessa quindicenne di un liceo di Verona si è sentita imporre la richiesta di bendarsi dalla prof di Tedesco durante l’interrogazione.
Non è tutto, c’è di peggio, quando certi dipendenti dello Stato stipendiati dai contribuenti, si riempiono la bocca di legalità, ma poi nella realtà vanno in un’altra direzione. Il bullismo istituzionale è un orrendo esempio altamente diseducativo, di cui non si parla mai. Anche in Puglia sono in voga le umiliazioni correnti inflitte agli alunni d’ogni età, anche ai pargoli.
Una circolare scolastica interna vale più di un’ordinanza regionale. È accaduto a Vico del Gargano, nell’Istituto Statale “Manicone-Fiorentino”, al rientro dalle festività pasquali. Bambini delle elementari presenti nelle aule digitali delle lezioni a distanza, mortificati e scacciati bruscamente dalla classe virtuale…

Vai all’articolo

★ Creme, spray fluidi e spray trasparenti per un’abbronzatura naturale e sicura, anche per le pelli più delicate!
(+ in omaggio la crema solare viso antirughe) ★
L'estate si sta avvicinando e con essa la voglia di sole!
Mai come in questo periodo per non correre inutili rischi legati all'esposizione ai raggi UVA, UVB e IR è importante proteggere la propria pelle con un prodotto specifico, dalla formulazione naturale e delicata ma che al tempo stesso sia in grado di schermare efficacemente l'epidermide.
I prodotti naturali della linea solare di Nature's, sono una risposta concreta a tutte queste esigenze.
Le proprietà idratanti e antiossidanti di questi solari, li rendono dei preziosi alleati di ogni tipo di pelle, anche di quelle più delicate!
Agiscono infatti sui tre principali fattori di rischio per la pelle:
- UVA responsabili dei danni biologici al DNA e quindi dei danni a lungo termine della pelle
- UVB responsabili degli eritemi e delle scottature
- INFRAROSSI responsabili del foto invecchiamento
I filtri solari micro incapsulati (che offrono una protezione più duratura) e i principi attivi naturali, rendono questi prodotti una presenza indispensabile nella tua borsa del mare.
Una linea completa, per assicurare a ogni fototipo un'abbronzatura intensa e luminosa, anche per le pelli più delicate.
Provali subito!
PS: Se acquisti un prodotto solare Nature's su Il Giardino dei Libri riceverai in omaggio la crema gel viso solare antirughe spf 25. Promozione valida solo fino ad esaurimento scorte. ›››

Mascherina a scuola: un bambino sviene e si ferisce sbattendo la testa a Verona

di Riccardo Rocchesso
Primi giorni di scuola. Non si è dovuto aspettare molto per avere il primo incidente.
Mentre i mass media scherniscono, rimproverano e tacciano come criminali chiunque protesti contro l’utilizzo della mascherina, in Italia un bambino sviene e sbatte la testa in classe per l’uso prolungato della mascherina.
La Società Italiana di Pediatria aveva rassicurato i genitori sulla non pericolosità delle mascherine, dichiarando che non ci sono evidenze scientifiche che possano comportare difficoltà di qualche tipo. Dicevano la verità?…

Vai all’articolo

Arrivano i “banchi a rotelle”, il sindaco di Cadoneghe li apre davanti ai cittadini: “Vergogna”

di Pietro di Martino
Sono arrivati i primi banchi a rotelle a Cadoneghe, comune in provincia di Padova. Il sindaco Schiesaro: “Non c’è neanche lo spazio per scrivere, soldi buttati al vento”.
È diventato virale, con 3 milioni di visualizzazioni in 22 ore, un video (vedi sotto) pubblicato da Marco Schiesaro, primo cittadino di Cadoneghe, nel quale viene mostrata l’inutilità dei nuovi banchi a rotelle per la scuola.
“Dietro di me il primo dei due camion che stanno consegnando a Cadoneghe i cosiddetti banchi con le rotelle del ministro Azzolina” ha spiegato il sindaco. “Sono dei banchi in plastica, bassi e direi anche poco confortevoli. Non c’è neanche lo spazio per poter scrivere”. Per il primo cittadino si tratta di soldi sostanzialmente buttati al vento. “Pensate – racconta nel video – mentre stavano scaricando questi scatoloni, la gente diceva in dialetto veneto: ‘Non avevano altri modi per buttare via i schei (soldi)?’ “

Vai all’articolo