Denunciati l’ex Ministro Speranza e l’ex DG AIFA, Magrini: “Sequestrate il Vaccino Pfizer Biontech”

di Valentina Bennati
Una denuncia voluminosa, circa 80 pagine più allegati, è stata depositata lunedì mattina 15 maggio alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma nei confronti dell’ex ministro della Salute Roberto Speranza e dell’ex Direttore Generale di AIFA Nicola Magrini.
Gli avvocati Angelo Di Lorenzo e Antonietta Veneziano di AVVOCATI LIBERI hanno agito su mandato del Comitato Ascoltami (che riunisce molte persone che hanno subito reazioni avverse dopo la vaccinazione anti-Covid), dell’associazione O.S.A. (composta da membri delle Forze dell’Ordine, Forze Armate e da tutte le categorie che concorrono alla sicurezza e all’ordine pubblico), del Sindacato di Polizia LES, del Sindacato Finanzieri Democratici S.F.D. e della Senatrice Bianca Laura Granato che, annunciando l’iniziativa sul suo canale telegram, ha dichiarato: “Le evidenze emerse nella trasmissione Fuori dal Coro e in varie sedi inquirenti e giudiziarie non possono più essere sottaciute. Dal canto nostro mai verrà meno l’impegno nel denunciare alla giustizia quanto è avvenuto”

Vai all’articolo

Bambini Allattati al Seno da Mamme Vaccinate con Effetti Avversi. L’Aifa: “Togliamo?” dal Rapporto

“È una cosa incredibile”, a Fuori dal Coro mostrano il documento che dimostra come l’agenzia Italiana del farmaco abbia nascosto i dati sugli effetti avversi nei neonati che sono stati allattati da mamme appena vaccinate.
Così Mario Giordano a “Fuori dal Coro”: “L’Agenzia Italiana del Farmaco nasconde nei suoi rapporti i dati sugli effetti avversi dei vaccini nei neonati. Ci sono state 11 segnalazioni per 9 bambini bambini allattati al seno, dai 20 giorni ai 18 mesi, dopo che la mamma era stata vaccinata, che hanno avuto dei problemi. E cosa dice l’Aifa? “TOGLIAMO” e nel rapporto ufficiale che viene pubblicato questo dato che riguarda i bambini non c’è. È sparito. Viene tolto un pezzo di informazione e qualcuno a un certo punto dovrà spiegare il perché”

Vai all’articolo