• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

La Cina sta sviluppando “Super Soldati” tramite l’Ingegneria genetica

di Alex Wu
Arriva la conferma: il Regime cinese sta tentando di sviluppare “super soldati” tramite l’utilizzo di biotecnologie, un qualcosa su cui il Pcc lavora da anni.
In un editoriale pubblicato sul Wall Street Journal il 3 dicembre, il direttore dell’Intelligence Nazionale degli Stati Uniti John Ratcliffe, fa sapere che i servizi segreti statunitensi sono certi che la Cina abbia “condotto sperimentazioni umane su membri dell’Esercito popolare di liberazione (Epl) nella speranza di sviluppare soldati con capacità biologiche potenziate”.
“Non ci sono confini etici al perseguimento del potere da parte di Pechino”, ha sottolineato Ratcliffe. Già nel 2010, Guo Jiwei, un professore della Terza Università Medica Militare della Cina, enfatizzava l’importanza della biologia nel futuro della guerra, nel suo libro “War for Biological Dominance” (Guerra per il dominio biologico): “Se l’utilizzo della biotecnologia militare per migliorare e potenziare le capacità umane diventasse realtà – scriveva Guo Jiwei – allora le carenze fisiche e intellettive dei soldati potrebbero essere superate e diventerebbero ‘combattenti completi’ “

Vai all’articolo

Gran Bretagna, approvata la modificazione della linea germinale degli esseri umani

Il principale istituto di bioetica del Regno Unito, ha dato il via libera alla modificazione intergenerazionale del genoma umano.
In un importante studio sui problemi etici e pratici (PDF) coinvolti nell’editing del genoma e nella riproduzione umana, il Nuffield Council on Bioethics ha concluso che esso è “moralmente ammissibile”.
“Riteniamo che la modifica del genoma umano non sia moralmente inaccettabile di per sé”, ha affermato la professoressa Karen Yeung, presidente del gruppo di lavoro che ha prodotto la relazione. “Non c’è motivo di escluderlo in linea di principio”.
La professoressa Jackie Leach Scully, della Newcastle University, una co-autrice, ha dichiarato al Guardian che l’editing ereditario del genoma potrebbe diventare un’opzione per i genitori “per cercare di garantire quello che pensano sia il miglior inizio di vita” per i loro futuri figli…

Vai all’articolo