Le Università Americane Reintroducono la Didattica a Distanza per Fermare le Proteste Contro Israele

In alcune università negli Stati Uniti, gli studenti stanno facendo delle proteste perché non sono d’accordo con alcune cose che il governo americano sta facendo, come aiutare Israele in un conflitto con la Palestina.
Queste proteste sono diventate così grandi che alcune scuole, come la Columbia University a New York, hanno deciso di fare le lezioni su internet invece che in persona per cercare di calmare la situazione. Alcune persone pensano che gli studenti che protestano non amino le persone ebree, ma gli studenti dicono che non è vero e che stanno solo cercando di far capire che non sono d’accordo con alcune decisioni politiche.
Anche se alcuni studenti sono stati arrestati per le loro proteste, continuano a dire quello che pensano e a chiedere che le università non sostengano più alcune aziende che producono armi o che sono collegate a Israele…

Vai all’articolo

39 gruppi ebraici si uniscono alla Campagna per boicottare Israele

39 gruppi ebraici di tutto il mondo si uniscono al movimento pro-palestinese per il boicottaggio di Israele e sottolineano che questo regime “criminale” non rappresenta gli ebrei. (Jewish Voice for Peace)
“Israele non ci rappresenta e non può parlare per noi quando commette crimini contro i palestinesi e nega loro diritti nell’ambito delle Nazioni Unite (ONU)”, dicono i gruppi in una lettera aperta pubblicata la scorsa settimana.
Successivamente, sollecitano i loro governi, comuni, università e altre istituzioni a prendere misure efficaci per “porre fine alla complicità nelle violazioni dei diritti umani da parte di Israele”

Vai all’articolo