Quando ti ritrovi a dire “non cambia mai niente”

di Lino Fusco

Dopo tanto lavoro su di sé una persona può arrivare a dire “non cambia mai nulla”.

Magari ha fatto tanti cambiamenti importanti in diverse aree della sua vita, ha sviluppato nuovi modi di guardare alla realtà, ha smesso di lamentarsi in modo sterile e sta lavorando sui suoi obiettivi, ha imparato a comunicare in modo più efficace, ma alcune cose restano sempre le stesse…

Ad esempio, sono presenti pensieri quali: “non mi sento mai all’altezza di questa situazione”, “non mi sento mai adeguato al mio lavoro”, “non riesco mai a vivere una relazione con serenità”, “non riesco ancora a farmi rispettare”

Libri e varie...

Anche se i riscontri della realtà oggettiva, ad esempio, sul lavoro, evidenziano che quella persona è “capace”, internamente si sente “inetta” e “inferiore”. Anche se i riscontri di tante persone le dicono che è “in gamba” e che non le manca niente per avere successo al lavoro o nelle relazioni, la persona si sente in tutt’altro modo. Probabilmente quella persona “ha capito tutto” da un punto di vista logico e razionale, come adulto sa valutare le situazioni in modo realistico, sa cosa dovrebbe fare per stare bene… eppure…

Il suo blocco è al livello delle sue ferite infantili. Sperimenta profondi sentimenti di insicurezza che hanno origine in relazioni di accudimento mancato o distorto, vive angosce devastanti per esperienze di rifiuto, trascuratezza, abbandono. E non serve aver vissuto necessariamente episodi traumatici e drammatici, a volte basta aver vissuto un’infanzia in cui i genitori hanno avuto lo sguardo rivolto più altrove che sui bisogni e i sentimenti del figlio che cresceva.

Non è colpa di nessuno… probabilmente. Sappiamo che quei genitori sono stati “probabilmente” a loro volta figli “non visti”. Ciò che resta, oggi, alla persona che si sente ancora ai blocchi di partenza in certe aree della sua vita, è quel vuoto affettivo e di sicurezza che nell’adulto di oggi genera quei sentimenti di angoscia e disistima, che impediscono di attivare certi cambiamenti. Per cui non cambia mai niente.

In un certo senso, l’adulto che oggi si ritrova impantanato in alcuni comportamenti che non cambiano mai o non cambiano ancora, deve scendere a quel livello di profondità per incontrare il suo bambino ferito, guardarlo, riconoscerlo, legittimare il suo vuoto e tutte le emozioni che si porta appresso (dolore, solitudine, tristezza, paura, angoscia, vergogna, senso di colpa, rabbia, senso di ingiustizia, ecc). Deve fornire a quel bambino un’esperienza correttiva dal punto di vista emotivo, la possibilità di una nuova esperienza “riparatrice”.

Quando quel bambino è stato veramente e finalmente “curato”, l’adulto è pronto a cambiare, a sentirsi “sufficientemente” sicuro, attrezzato e libero per cominciare a sperimentare nuovi comportamenti da sempre desiderati…

Articolo di Lino Fusco – Psicologo e Psicoterapeuta 

Fonte: https://linofusco.wordpress.com/2018/01/30/quando-ti-ritrovi-a-dire-non-cambia-mai-niente/

Libri e varie...
RISOLVERE LE CINQUE FERITE
Trasformarle in vantaggi per vivere meglio
di Maria Rosa Fimmanò

Risolvere le Cinque Ferite

Trasformarle in vantaggi per vivere meglio

di Maria Rosa Fimmanò

"Risolvere le Cinque Ferite": un manuale pratico di Maria Rosa Fimmanò per il viaggiatore alla ricerca del proprio percorso di vita. Perché le cinque ferite sono presenti nella vita di ogni giorno e contribuiscono a determinare il tuo modo di affrontare l'esistenza.

Le cinque ferite possono rappresentare un grosso ostacolo alla tua realizzazione e alla tua gioia di vivere e, se non vengono risolte, rischi di inseguire per tutta la vita quel sentirti bene con te stesso e con gli altri a cui aspiri ma che ti sfugge continuamente. Se invece vengono risolte, le cinque ferite si trasformano in risorse, veri e propri punti di forza.

Questo curioso e intelligente manuale spiega un metodo pratico e soprattutto unico per affrontare e risolvere le cosiddette cinque ferite, aprendo finalmente la strada alla gioia e alla piena realizzazione di te.

Quali sono le 5 ferite?

  • Ingiustizia;
  • Abbandono;
  • Rifiuto;
  • Tradimento;
  • Umiliazione.

Passo passo, con arguzia e ironia, l'autrice ti fa scoprire il grande e affascinante romanzo che è la Vita. Il testo è corredato da un'ampia serie di semplici esercizi che ti aiutano a superare con facilità le cinque ferite, regalandoti un'esistenza migliore. Un libro da usare anche come originale e istruttivo gioco di società. Da leggere e mettere in pratica assolutamente.

Se il segreto delle cinque ferite è semplice, cioè trasformarle in risorse che diventino punti di forza, il lavoro di ricerca che lo svela è rigoroso e collaudato, una novità nel campo, frutto di anni di studio e di pratica.

L'Autrice attinge alla sua formazione nel campo scientifico e al talento di insegnante per guidarti attraverso un originale percorso di scoperta. Una tematica articolata, presentata con stile piacevole e accessibile, con tanti esempi presi dalla vita di tutti i giorni. Il metodo proposto è tanto semplice quanto immediatamente efficace, spiegato passo a passo, una ricetta di sicuro effetto.

"Quando scienza e spiritualità si incontrano nasce un nuovo concetto di benessere: è il "Ben Essere", risultato dell'equilibrio tra corpo, mente e spirito. Queste tematiche sono spesso trattate in modo frammentario o superficiale, oppure con un linguaggio da "addetti ai lavori" che confonde il lettore. In quest'opera, viene invece proposto un approfondimento di tali temi, di grande complessità e attualità, attraverso un linguaggio semplice, divertente, unito però al rigore e alla praticità di un manuale."

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *