Pensi troppo? Chiediti se ti è utile

di Monja Da Riva

Magari anche a te capita di tornare più e più volte su un medesimo pensiero.

“Tanzan and Ekido stavano viaggiando insieme lungo una strada fangosa, sotto la pioggia. Girato un angolo, videro una bella ragazza vestita con un kimono di seta, che non riusciva ad attraversare la strada diventata un’enorme pozzanghera. “Forza, ragazza”, disse Tanzan senza battere ciglio. La prese tra le braccia e le fece oltrepassare la pozzanghera. Ekido non disse niente, finché quella sera non raggiunsero un tempio. A quel punto non si potè più trattenere. “Noi monaci non ci avviciniamo alle donne”, disse a Tanzan, “specialmente non a quelle giovani e belle. È pericoloso. Perché l’hai fatto?” “Io quella ragazza l’ho lasciata lì”, disse Tanzan “Tu te la stai ancora portando dietro?”

Questo è un koan famoso (noi lo chiameremmo parabola). Il signor Tanzan doveva essere un tipo simpatico, un po’ ribelle e anche tanto intelligente.

Magari anche a te capita di tornare più e più volte su un pensiero, di solito è qualcosa accaduto nel passato anche molto recente, ti ci arrotoli sopra, lo mastichi e lo rimastichi e poi ancora. Si chiama rimuginare, e ricorda un po’ il metodo di digestione delle mucche.

Lo stesso pensiero che resta nella tua testa non cambierà il presente, né il futuro né tanto meno il passato.Rimuginare non serve a molto, non so se te ne sei resa conto. Puoi lasciare che lo stesso pensiero stia nella tua testa e si arricchisca di perché e di come mai, e di avrei dovuto, ma non cambierà la situazione presente, né quella futura, e mai che mai quella passata, come ci dice Tanzan lì sopra.

Come fare a smettere di rimuginare?

Non è qui che troverai ricette pronte, sarebbe troppo facile e comunque non funzionerebbe… mi spiace. Ti do però un’idea da cui partire. Quando ti accorgi che stai pensando e ripensando alla stessa cosa, fermati un momento e chiediti se quello che stai facendo ti è utile. Se non lo è, il primo passo è già fatto: hai capito che non ti serve.

Non è detto che solo rendertene conto sia sufficiente, ma vedrai che già almeno per un po’ non ci penserai. È molto probabile che dopo qualche tempo tu ti ritrovi di nuovo lì a pensarci: riparti da capo, senza stancarti, senza innervosirti. Consideralo un allenamento.

Sii gentile con i tuoi pensieri, quando si presentano pensa che arrabbiarti per questo non ti serve per smettere di rimuginare, così come non ti servono i pensieri del passato: piuttosto sorridi a te stessa, pensa che sei stata brava a rendertene conto, e con pazienza riparti da capo: mi serve? se non mi serve lo lascio andare.

Per evitare che il meccanismo si rimetta di nuovo a funzionare nello stesso modo immediatamente puoi fare qualcosa di pratico, ma non meccanico. Funziona molto bene il self shiatsu, una visualizzazione guidata, o ballare su una musica che ti piace tanto.

Il fatto è che pensare è il lavoro della nostra mente, essa lo fa e lo sa fare molto bene. Non si sa ancora esattamente come funzioni, quindi lascia che ci pensi chi la studia… tu hai altro da fare.

Questa tecnica non ti risolve il motivo per cui stai rimuginando, chiaramente, però ti aiuta a lasciar andare pensieri che non sono funzionali, che ti tengono nel passato e non ti permettono di sentire la libertà di gustarti il presente.

Articolo di Monja Da Riva

Fonte: https://perlavitachescegli.it/pensare-troppo-rimuginare/

Libri e varie...
IL POTERE DI ADESSO
Una guida all'illuminazione spirituale. La scoperta del "qui" e "ora" del proprio vero Essere
di Eckhart Tolle

Il Potere di Adesso

Una guida all'illuminazione spirituale. La scoperta del "qui" e "ora" del proprio vero Essere

di Eckhart Tolle

Questo libro è un grande classico della Spiritualità.

Un viaggio stimolante e straordinario alla scoperta del potere di adesso, per scoprire che possiamo trovare la via d'uscita al dolore lasciandoci andare al presente, senza più restare ancorati al passato o proiettati verso le preoccupazioni sul futuro.

Adesso, nel presente, i problemi non esistono perché scopriamo che siamo perfetti e integri.

Per intraprendere il viaggio nel potere di Adesso abbiamo bisogno di lasciare da parte la nostra mente ed il falso sé che questa ha creato: l'ego.

Sebbene il viaggio sia pieno di sfide, Eckhart Tolle ci guida con un linguaggio semplice. Per molti di noi, lungo la via, vi sono nuove scoperte da fare: noi non siamo la nostra mente. Possiamo trovare l'uscita dal dolore psicologico.

L'autentico potere umano si trova arrendendosi all'Adesso. Scopriamo anche che il corpo è in effetti una delle chiavi per entrare in uno stato di pace interiore, così come lo sono il silenzio e lo spazio intorno a noi. Infatti l'accesso è disponibile ovunque. I punti di accesso, o portali, possono tutti essere usati per portarci nell'Adesso dove i problemi non esistono.

Con oltre 10 milioni di copie vendute nel mondo "Il Potere di Adesso" è ora disponibile in una nuova edizione del tutto rinnovata, una nuova traduzione del testo originario, per un must della formazione internazionale. 

Questo libro è un viaggio stimolante e straordinario alla scoperta del potere di adesso, per scoprire che possiamo trovare la via d'uscita al dolore lasciandoci andare al presente, senza più restare ancorati al passato o proiettati verso le preoccupazioni sul futuro.

Adesso, nel presente, i problemi non esistono perché scopriamo che siamo perfetti e integri.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *