Nigeria: Fallito il Primo Test al Mondo di Attacco al Contante!

di Maurizio Martucci

Clamoroso in Nigeria: “eNaira”, la moneta digitale CBDC non è più obbligatoria, fallito il primo test al mondo di attacco al contante. Arrestato il Governatore promotore!

“Il caso della Nigeria aiuterà gli altri banchieri centrali e tutti i cittadini del mondo a giungere alle stesse conclusioni? Probabilmente no, ed è per questo che aspettiamo il prossimo disastro economico”. (Jan M. Fijor, giornalista dell’Istituto Mise)

Colpo di scena nella Repubblica Federale della Nigeria: attacco al cuore mondiale della transizione digitale; fallite in un colpo solo la riforma pioneristica della moneta 2.0 e il tentativo d’annullare la liquidità col denaro creato dal nulla!

L’esperimento è durato appena 108 giorni tra violenti tumulti e carestie. Questo, prima dello scandalo e delle manette ai polsi per il governatore Godwin Emefiele, ora agli arresti, ma fino al 10 Febbraio 2023 ancora nella lista degli ospiti internazionali a Davos nel meeting annuale del Forum Economico Mondiale, insieme a Giancarlo Giorgetti e Giuseppe Valditara, ministri italiani del Governo Meloni: L’obiettivo, per quanto mi riguarda, è raggiungere un’economia senza contanti al 100% in Nigeria“.

Mentre la Banca Centrale Europea (BCE) vuole un CBDC digitale in euro (Moneta Digitale della Banca Centrale) come valuta elettronica a valore legale emessa non da banche commerciali, in Africa il progetto pilota è quindi saltato per mano della tecnorivolta della Nigeria, il paese con la popolazione più numerosa di tutto il continente nero (200 milioni di abitanti). Il primo paese non solo in Africa ma nel mondo intero ad aver adottato in via esclusiva e per ben tre mesi e mezzo “eNaira Wallet” con tecnologia blockchain, cioè il portafogli elettronico sperimentato dal 2021 con moneta digitale garantita per legge, e in un primo momento solo affiancata al contante (nonostante la contrarietà delle tribù espressa al 99,5% nel referendum del 2022) e poi nel 2023 definitivamente sostitutiva della Naira, la moneta locale cartacea ridotta a carta straccia.

È facile capire perché il 16 febbraio 2023 sono scoppiate violente rivolte nel paese, provocando vittime. Privati ​​di tutte le loro ricchezze, persone disperate e affamate scesero in piazza, chiedendo il ripristino della validità della vecchia moneta cartacea. Circolavano voci secondo cui il governo Buhari aveva emesso una nuova valuta cartacea, la “nuova naira”, da utilizzare temporaneamente. (…) Il problema era che i nuovi soldi non si trovavano da nessuna parte. Ancora oggi, quando la banca centrale si è ritirata dall’esperimento, l’offerta di nuovo contante non ha raggiunto nemmeno il 10% dell’intera offerta valutaria nigeriana. Non c’è nuova moneta da nessuna parte; anche se lo fosse, non vi è alcuna possibilità di scambiare in massa la vecchia naira invalidata con la nuova.”

In pratica è fallito il primo vero test del Fondo Monetario Internazionale e del Forum Economico Mondiale nel Grande Reset Tecnologico, cioè quello di gestire centralmente tutte le transazioni solo ed esclusivamente col digitale.

I nigeriani si sono ribellati: Godwin Emefiele ex governatore della banca è stato arrestato per “violazione criminale della fiducia, sabotaggio economico, finanziamento di attività terroristiche e cattiva gestione delle riserve valutarie e altri 17 pesantissimi capi d’accusa, mentre per le strade scontri e morti si sono verificati durante le violente proteste, con la popolazione ridotta alla fame ma impegnata in baratti e scambi commerciali per spezzare il monopolio elettronico di eNaira, adesso non più moneta esclusiva.

Il dato è ancora più clamoroso se si pensa che la Nigeria è uno dei paesi più avanzati al mondo nel riconoscimento biometrico/identità digitale e che – secondo uno studio di Blocktables – ha pure il più alto tasso di adozione di criptovalute, pari al 24,2% (più alto del 17,7% dell’Australia, del 15,6% di Singapore e del 10,4% degli Stati Uniti).

Non solo, nel 2021 il Forum Economico Mondiale affermava che “i nigeriani usano spesso i loro telefoni anche per scambiarsi denaro o per pagare nei negozi“, motivo per cui la Banca Centrale della Nigeria s’era spinta a vietare agli istituti finanziari di elaborare transazioni in criptovaluta: si è puntato tutto su eNaira, finita in un flop!

La situazione a Lagos, Abuja e Port Harcourt sta ora tornando alla normalità e eNaira è solo una delle numerose valute legali. (…) Dall’arresto di Emefiele lo spettro del monopolio delle CBDC è scomparso. Coloro che trovano più conveniente la moneta elettronica la usano. La gente ora sa che non ci sarebbe stato un tale caos se la digitalizzazione della valuta fosse stata volontaria e non accompagnata dalla delega del contante“.

Articolo di Maurizio Martucci

Fonte: https://oasisana.com/2023/09/08/clamoroso-in-nigeria-enaira-la-moneta-digitale-cbdc-non-e-piu-obbligatoria-fallito-il-primo-test-al-mondo-arrestato-il-governatore-promotore/

MANUALE DI APPLICAZIONE DELLE CINQUE LEGGI BIOLOGICHE - VOL. 1
Svegliarsi dall'ipnosi della "Malattia"
di Marco Pfister

Manuale di Applicazione delle Cinque Leggi Biologiche - Vol. 1

Svegliarsi dall'ipnosi della "Malattia"

di Marco Pfister

L'applicazione professionale e consapevole delle Cinque Leggi Biologiche comporta un risveglio dall'ipnosi della "Malattia", delicato e rispettoso della dignità e dell'interezza di ogni singola persona.

Questo manuale di applicazione delle Cinque Leggi Biologiche rappresenta un approccio preciso ed efficace, per chi lavora nei vari ambiti professionali inerenti la "salute".

Queste conoscenze permettono di osservare esattamente cosa sta succedendo nell'organismo e in particolare:

  • l'eziologia (origine precisa e verificabile di ogni sintomo o "malattia"),
  • le differenti funzionalità (fisiologia ordinaria e fisiologia speciale),
  • le specifiche modalità di proliferazione dei vari tessuti (sviluppo cellulare), che variano precisamente in base all'origine embrionale e quindi le corrispondenti aree cerebrali che li dirigono (innervano).

Ne consegue un'importante valore aggiunto in termini di applicazione,
nella prassi medica e terapeutica.

In effetti anche la "terapia" si presenterà in una nuova dimensione, in cui la precisione diagnostica (epurata dalle credenze a-­‐scientifiche inerenti la "malattia" e il "brutto male"), accompagnata dall'esatta corrispondenza emotiva (in base alla personalissima percezione, al "sentito biologico" del vissuto della singola persona coinvolta), permetterà un intervento medico-­terapeutico della massima efficacia, nel rispetto assoluto sia delle modalità di comportamento, sia delle peculiari modalità percettive e delle risorse proprie della persona che ci chiede aiuto.

Questo permette quindi di avere a disposizione un metodo di indagine sovradeterminato, che presenta sempre gli stessi parametri e le stesse modalità d'indagine e un approccio precisamente scientifico, misurabile e comprovabile.

L'obiettivo di questa prima parte del "Manuale di applicazione delle 5LB", che è il primo di una serie di volumi, è quindi di chiarire i requisiti necessari per arrivare ad un'applicazione professionale, consapevole ed efficace di queste conoscenze nell'ambito medico-­terapeutico.

Il testo costituisce dunque, uno strumento indispensabile per un'efficace applicazione delle 5LB.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *