La Russia denuncia che gli Stati Uniti e la NATO trasformano l’Ucraina in una “Polveriera”

La Russia afferma che gli Stati Uniti e altri paesi della NATO stanno deliberatamente trasformando l’Ucraina in una “polveriera”, aumentando le forniture di armi a Kiev e infiammando le tensioni nell’est instabile del paese.

Il viceministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov, citato dalle agenzie di stampa russe, ha rilasciato martedì una dichiarazione, a seguito di un aumento della violenza tra le truppe governative ucraine e le forze filo-russe nella regione ucraina orientale del Donbass: “Gli Stati Uniti e altri paesi della NATO stanno deliberatamente trasformando l’Ucraina in una polveriera. Se c’è qualche aggravamento, ovviamente faremo di tutto per garantire la nostra sicurezza e la sicurezza dei nostri cittadini ovunque si trovino”, ha detto Ryabkov. “Ma Kiev e i suoi alleati in Occidente saranno interamente responsabili delle conseguenze di un’ipotetica esacerbazione”, ha aggiunto.

Gli Stati Uniti e la NATO stanno spostando truppe dal Nord America ai confini russi, ha detto il ministro della Difesa Sergei Shoigu. “Le forze principali sono concentrate nel Mar Nero e nella regione baltica”, ha detto il capo del dipartimento militare in una riunione a Severomorsk. Ha aggiunto anche che un totale di 40 mila militari e 15 mila unità di armi e attrezzature militari, compresa l’aviazione strategica, saranno basati vicino al territorio della Russia.

Secondo lui, dall’inizio dell’anno, Washington ha raddoppiato la sua ricognizione aerea in questa direzione e 1,5 volte la sua ricognizione navale. Shoigu ha anche ricordato che ogni anno l’Alleanza Nord Atlantica conduce fino a 40 esercitazioni “di chiaro orientamento anti-russo”, e nel prossimo futuro, sono previste le manovre più ambiziose dell’unità Defender Europe degli ultimi 30 anni.

Inoltre, il ministro ha sottolineato la difficile situazione nell’Artico. Cresce la concorrenza tra i principali stati del mondo per l’accesso alle risorse dell’Oceano Artico e le comunicazioni di trasporto. Gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO stanno costruendo forze marittime e terrestri nell’Artico, aumentando l’intensità dell’addestramento al combattimento, espandendo e modernizzando infrastrutture militari”, ha detto. Allo stesso tempo, Shoigu ha osservato che le truppe russe hanno trasferito due eserciti e tre unità aviotrasportate ai confini occidentali e vi rimarranno per altre due settimane.

In precedenza, Washington ha annunciato l’escalation dell’ “aggressione russa” nel Donbass e ha invitato Mosca a spiegare il movimento delle truppe vicino ai confini con l’Ucraina e in Crimea. In risposta, il vice ministro degli Esteri Sergei Ryabkov ha osservato che le autorità russe avevano già fornito tutti i commenti necessari agli Stati Uniti.

Ha definito inaccettabile il tono della parte americana e ha aggiunto che Washington avrebbe dovuto accontentarsi delle informazioni che aveva già ricevuto. Il segretario stampa del presidente russo Dmitry Peskov, ha sottolineato che il Cremlino non è obbligato a spiegare a nessuno il movimento delle truppe all’interno del proprio Paese.

Fonti originali: Ria.ru, Press Tv

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Fonte: https://www.controinformazione.info/la-russia-denuncia-che-gli-stati-uniti-e-la-nato-trasformano-lucraina-in-una-polveriera/

Libri e varie...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *