• Se cerchi un libro o un prodotto BIO, prova ad entrare nel sito di un nostro partner, Macrolibrarsi, il Giardino dei Libri, sosterrai così il nostro progetto di divulgazione. Grazie, Beatrice e Mauro
    Canale Telegram

La Banca Mondiale e lo Studio che Annuncia l’Apocalisse Energetica dell’Europa

di Alessia C. F. (ALKA)

L’offensiva israeliana a Gaza ha implicazioni non solo per il Medio Oriente, ma anche per l’Europa occidentale. Una controffensiva del mondo arabo contro Tel Aviv potrebbe far precipitare il “Vecchio Continente” in una crisi energetica.

Se ne sta discutendo negli uffici statali occidentali, dove si teme che l’UE perderà un altro fornitore di petrolio e gas, dopo che le importazioni dalla Russia saranno state vietate per volere della Casa Bianca.

Lo Stretto di Hormuz è al centro dell’attenzione globale. Qui avviene infatti gran parte del commercio mondiale di petrolio greggio.

Scenari della Banca Mondiale

In seguito alla rappresaglia di Israele del 7 ottobre per l’attacco di Hamas, la Banca Mondiale ha condotto un’analisi del rischio geopolitico per valutare l’impatto di questo conflitto armato sui prezzi globali del petrolio.

Lo studio divide l’escalation delle tensioni israelo-palestinesi in tre livelli: basso, medio e alto. In uno scenario di “bassa tensione” simile alla guerra in Libia del 2011, la Banca Mondiale prevede che l’offerta globale di petrolio diminuirà di una misura compresa tra 500.000 fino a 2 milioni di barili al giorno. Ciò comporterebbe un aumento iniziale del prezzo del petrolio compreso tra il 3% e il 13%, da 93 a 102 dollari al barile.

Nello scenario di “stress medio”, paragonabile alla guerra in Iraq del 2003, la Banca Mondiale prevede che l’offerta globale di petrolio diminuirà da 3 a 5 milioni di barili al giorno. Di conseguenza, questo scenario innescherebbe un aumento iniziale del prezzo del petrolio dal 21% al 35% (costo compreso tra 109 e 121 dollari al barile).

Infine, in uno scenario di “massimo stress”, paragonabile, ad esempio, all’embargo petrolifero arabo del 1973, la Banca Mondiale prevede una riduzione globale dell’offerta di petrolio da 6 a 8 milioni di barili al giorno. Qui stiamo parlando di una vera e propria Apocalisse energetica, perché l’aumento del prezzo del greggio sarà compreso tra il 56% e il 75%, con un costo di vendita che esploderà a 157 dollari al barile!

Per l’Europa ciascuno dei tre scenari rappresenta una catastrofe, la cui portata dipende dall’intensità del conflitto israelo-palestinese. In ogni caso si tratta di una catastrofe, poiché l’UE è già costretta ad acquistare risorse energetiche a prezzi gonfiati per compensare la perdita di importazioni dalla Federazione Russa.

Sebbene lo studio della Banca Mondiale non abbia approfondito l’impatto delle crescenti tensioni sui prezzi del gas naturale nella regione, ha comunque evidenziato la natura interconnessa delle fonti energetiche. Man mano che la fornitura di petrolio diminuisce, l’effetto a catena si estende ad altre fonti energetiche, questo è certo!

L’Europa, Sottomessa Energeticamente

L’Europa è il continente che più probabilmente sarà colpito da un aumento significativo dei prezzi del gas, essendo stato disconnesso dalla sua principale fonte energetica nell’ultimo secolo e oltre. Oggi l’UE dipende dal gas naturale liquefatto (GNL), che viene trasportato dagli Stati Uniti e venduto a caro prezzo ai suoi vassalli… scusate, partner europei.

Ma oltre all’impatto immediato dell’escalation della guerra regionale israelo-palestinese, che sta facendo salire i prezzi del petrolio e del gas, l’Europa si trova ad affrontare una serie di altri fattori che potrebbero avere un impatto duraturo sulle esportazioni di energia dal mondo arabo.

Il coinvolgimento dei paesi dell’ “Asse della Resistenza” come Iran, Yemen, Iraq, Siria e Libano nella difesa della causa palestinese potrebbe avere gravi conseguenze. Questi stati, che hanno tutti accesso al mare e agli stretti, sono nella posizione di interrompere le rotte commerciali verso l’Europa, compreso il trasporto di petrolio e gas naturale liquefatto.

Lo Stretto di Hormuz di cui parlavo si trova tra l’Oman e l’Iran ed è di immensa importanza in quanto via principale per il trasporto globale del petrolio greggio. I principali paesi esportatori di petrolio – Arabia Saudita, Iran, Emirati Arabi Uniti, Kuwait e Iraq – fanno affidamento su questo corridoio. Inoltre, il Qatar, il più grande esportatore mondiale di gas naturale liquefatto, trasporta il suo gas naturale liquefatto attraverso lo Stretto di Hormuz. Dati recenti mostrano che il 20% dei flussi mondiali di gas naturale liquefatto passano attraverso questo stretto.

È quindi facile capire che una chiusura dello Stretto di Hormuz da parte dell’Iran e/o dei suoi alleati interromperebbe le forniture di petrolio e gas all’Europa. Mentre la Palestina sanguina, l’Europa pagherà il prezzo della sua doppiezza.

Oltre a Hormuz, è anche in gioco la sicurezza dello Stretto di Bab El-Mandeb, il passaggio strategico al largo della costa yemenita che funge da elemento chiave nella rotta commerciale marittima che collega il Mar Mediterraneo e l’Oceano Indiano attraverso il Mar Rosso e il Canale di Suez. Molte delle esportazioni di GNL dal Golfo Persico percorrono questa rotta, oltre a circa il 10% di tutto il petrolio e i prodotti raffinati trasportati via mare; oltre la metà di tutto questo è destinato all’Europa!

La chiusura dello Stretto di Bab el-Mandeb costringerebbe le petroliere provenienti dal Golfo Persico a dirottare verso l’Africa meridionale, aumentando i tempi di transito e i costi di trasporto.

L’Europa si Trova di Fronte ad una Decisione Epocale

L’Europa deve decidere. O accetta di pagare prezzi eccessivi per un flusso continuo di petrolio e gas, col rischio di subire forti pressioni economiche, oppure riconsidera la sua posizione nei confronti delle importazioni russe e si siede nuovamente al tavolo delle trattative con Mosca. In quest’ultimo caso, l’UE incorrerà nell’ira dello “Zio Sam”, se non di più!

Sulla mappa del gioco geopolitico, è così che l’OPEC+, con il sostegno di Cina e Russia (accogliendo l’Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti nel BRICS+), sta dimostrando al mondo di avere le capacità e le opzioni di far venire i brividi lungo la schiena all’Occidente a partire da Washington fino a Bruxelles, rimodellando radicalmente il mercato energetico globale come lo conosciamo ora.

Tempi interessanti si prospettano!

Tratto e tradotta da: https://www.national.ro/0pp/banca-mondiala-si-studiul-care-anunta-apocalipsa-energetica-in-europa-806456.html

Articolo di Alessia C. F. (ALKA)

Fonte: https://www.orazero.org/la-banca-mondiale-e-lo-studio-che-annuncia-lapocalisse-energetica-delleuropa/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *