Lampioni Spenti: Ravenna e Provincia in Romagna scelgono la Via del “Buio Pesto”

Per 5 mesi dopo l’una di notte Ravenna rimarrà al buio, senza lampioni accesi. Una scelta, spiegano dall’amministrazione comunale, assunta per far fronte ai rincari dei costi dell’energia.
Da lunedì notte (21 novembre) Ravenna ha sperimentato il buio per le strade. È questa la data scelta dall’amministrazione comunale per la riduzione delle ore di accensione degli impianti di pubblica illuminazione.
Il provvedimento stabilisce che gli spegnimenti avvengano dal lunedì al venerdì dall’1 alle 5; il sabato, la domenica e i festivi dalle 2.30 alle 5. Gli spegnimenti non riguarderanno invece gli impianti che illuminano le strade statali che attraversano il territorio comunale. In totale quindi, allo scattare dell’una di notte, a Ravenna si spengono più di 34mila lampioni sui 36mila presenti, e la città piomba nel buio…

Vai all’articolo

Ospedali, Bollette Milionarie: il Sistema Sanitario rischia di Chiudere

di Antonio Amorosi
I servizi sanitari per il cittadino rischiano si saltare. O si interviene su chi vende la materia prima energia e sui fornitori o si muore.
Gli ospedali rischiano di chiudere per il caro bollette. Lo Stato non può intervenire solo facendo debito. La bolletta della luce da 11 milioni di euro all’ospedale pubblico Cardarelli di Napoli non è un caso isolato. Il San Gerardo di Monza si è trovato in queste ore una bolletta da 4 milioni di euro in più. Il Papa Giovanni XXIII di Bergamo una che rispetto a quella precedente ha un aggravio di 3 milioni di euro da pagare.
Il gruppo San Donato denuncia da tempo un “aumento dell’890% per il gas e del 260% per l’elettricità”. In provincia di Cuneo ospedali e Asl pagheranno 10 milioni in più per le bollette. E la lista è lunga…

Vai all’articolo