L’urlo del criceto

Uno studio condotto dall’associazione dei consumatori Adoc, afferma che un italiano spende ogni giorno in media 39,40 euro e ne guadagna 47.

<b>Uno studio condotto dall’associazione dei consumatori Adoc, afferma che un italiano spende ogni giorno in media 39,40 euro e ne guadagna 47. </b>

Questo corrisponde a un risparmio mensile di poco più di 200 euro, oppure, vedendola dal lato opposto, significa che l’84% dei propri guadagni se ne va per fronteggiare le esigenze di tutti i giorni.

Se questo studio è realistico, vuol dire che l’italiano medio guadagna in un mese esattamente quanto basta per vivere quel mese. Gli avanzano 200 euro per gestire gli imprevisti. Vuol dire anche che l’italiano medio non si può
Questo corrisponde a un risparmio mensile di poco più di 200 euro, oppure, vedendola dal lato opposto, significa che l’84% dei propri guadagni se ne va per fronteggiare le esigenze di tutti i giorni.

Se questo studio è realistico, vuol dire che l’italiano medio guadagna in un mese esattamente quanto basta per vivere quel mese. Gli avanzano 200 euro per gestire gli imprevisti. Vuol dire anche che l’italiano medio non si può permettere di lavorare meno, altrimenti non guadagnerebbe abbastanza per vivere. E infine vuol dire anche che non si può permettere di fare progetti, perché non solo non guadagna abbastanza, ma il lavoro non gli lascia il tempo per dedicarsi ad altro.

Bella trappola, vero? Non si può scendere e non si può scappare. E io la conosco bene, questa trappola, e gli ho dato un nome: la rotellina del criceto. Corri corri corri e non vai da nessuna parte. Lavori tutto il giorno, tutti i giorni, e a fine mese cos’hai ottenuto? 200 euro se ti va bene, e neanche quelli se ti si rompe la macchina.

E dov’è la crescita personale? Dove sono le passioni, i progetti? Dove sono i risparmi con cui pensare di costruire la casa dei propri sogni? Non ci sono. Sono sempre un po’ più in là. Sono il mese successivo, o l’anno prossimo. Ma l’anno prossimo è uguale al precedente, e anche quello dopo. E il tempo passa, ma si resta sempre nello stesso punto. Non si va da nessuna parte. È una ruota, e se corri più veloce ti stanchi solo prima.

Libri e varie...

I tuoi genitori e i tuoi nonni sono riusciti a comprarsi la casa in cui sono invecchiati. Tu invece per trent’anni starai seduto sotto la scrivania di un banchiere. E nel frattempo non riesci nemmeno a crescere, a diventare qualcuno, a fare esperienza, a fare qualcosa della tua vita, perché sei occupato a lavorare, e del tuo tempo rimangono solo le briciole.

Io ci ho corso parecchio su quella ruota, amici miei. Correvo come tutti in cambio di un po’ di mangime, quel tanto che mi bastava per un altro giro di corsa. Poi un bel giorno mi sono chiesto: “ma ha senso tutto questo?” No. No che non ha senso! 

Ed è allora che ho capito che se volevo arrivare da qualche parte, dovevo smettere di correre in avanti. Dovevo fare un passo di lato, e scendere. Iniziare a correre solo per me stesso.

È stato cinque anni fa. Sono andato lontano da allora, e ho capito tante cose, ma sicuramente ho capito questo: “Non sarò mai più il criceto di qualcun altro”!

Articolo di Francesco Grandis

Fonte: http://www.wanderingwil.com/

Libri e varie...
PECORE DA TOSARE  - LIBRO
La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe
di Andrea Bizzocchi

“Dobbiamo decondizionarci, ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa, ritrovare la voglia e il piacere di essere liberi, soprattutto liberarci dai condizionamenti e dalle paure che ci tengono incatenati. Dobbiamo trovare il coraggio di abbandonare l’umiliante vita a cui siamo costretti, per inseguire quella per cui siamo nati: una vita libera.Si può fare!”.
Andrea Bizzocchi

 Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l’alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità.
 Quando la gente dice: “I soldi sono finiti” coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: “Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?”. La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano.
 Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l’interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell’interesse da restituire. E l’aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa.
 Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. "Pecore da tosare" è il primo volume di una trilogia, che vi spiega come.
  Che ci crediate o meno, 
le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui. 
È ora di di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa!   
I commenti “Andrea Bizzocchi cì dice che nelle mani di ognuno di noi non c’è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi”.
 Maurizio Pallante Fondatore del Movimento della Decrescita Felice
 “Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare”.
 Salvatore Tamburro Autore di Non è crisi, è truffa e di Addio al debito
  Indice  Prefazione
 Introduzione breve
 PRIMA PARTE
 
 - Capire la cosiddetta crisi
 - Cos'è il denaro
 - Il signoraggio primario
 - Il signoraggio secondario
 - Due parole sul. gold standard
 - Bretton Woods
 - Chi emette moneta e di chi è il denaro?
 - La moneta debito (e quindi il debito pubblico)
 - Le "opzioni" per ripagare il debito
 - Falso in bilancio
 - I "collaboratori" del sistema bancario: politici, media e agenzie di rating
 - La moneta elettronica
 - Pagare le tasse?
 - Domande e risposte
 - Riassumendo
  SECONDA PARTE
 
 - Assassini(i)!
 - La Federai Reserve
 - La Banca centrale europea
 - Proprietà di Bankitalia
 - Proprietà della Federai Reserve (USA)
 - SCHIAVI DELLE BANCHE

Intervista a Marco Della Luna
 - LA MIA ULTIMA BATTAGLIA CONTRO L'EURO

Intervista ad Arrigo Molinari - Il Giornale.it
 - I Signori dell'Universo
 - Una riflessione finale
 - Chetare?
 - Bibliografia e sitografia...

Pecore da Tosare

La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe

di Andrea Bizzocchi

“Dobbiamo decondizionarci, ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa, ritrovare la voglia e il piacere di essere liberi, soprattutto liberarci dai condizionamenti e dalle paure che ci tengono incatenati. Dobbiamo trovare il coraggio di abbandonare l’umiliante vita a cui siamo costretti, per inseguire quella per cui siamo nati: una vita libera.Si può fare!”.
Andrea Bizzocchi

Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l’alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità.

Quando la gente dice: “I soldi sono finiti” coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: “Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?”. La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano.

Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l’interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell’interesse da restituire. E l’aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa.

Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. "Pecore da tosare" è il primo volume di una trilogia, che vi spiega come.

Che ci crediate o meno,
le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui.
È ora di di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa!


I commenti

“Andrea Bizzocchi cì dice che nelle mani di ognuno di noi non c’è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi”.

Maurizio Pallante Fondatore del Movimento della Decrescita Felice

“Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare”.

Salvatore Tamburro Autore di Non è crisi, è truffa e di Addio al debito

 Indice

Prefazione

Introduzione breve

PRIMA PARTE

  • Capire la cosiddetta crisi
  • Cos'è il denaro
  • Il signoraggio primario
  • Il signoraggio secondario
  • Due parole sul. gold standard
  • Bretton Woods
  • Chi emette moneta e di chi è il denaro?
  • La moneta debito (e quindi il debito pubblico)
  • Le "opzioni" per ripagare il debito
  • Falso in bilancio
  • I "collaboratori" del sistema bancario: politici, media e agenzie di rating
  • La moneta elettronica
  • Pagare le tasse?
  • Domande e risposte
  • Riassumendo

SECONDA PARTE

  • Assassini(i)!
  • La Federai Reserve
  • La Banca centrale europea
  • Proprietà di Bankitalia
  • Proprietà della Federai Reserve (USA)
  • SCHIAVI DELLE BANCHE

    Intervista a Marco Della Luna
  • LA MIA ULTIMA BATTAGLIA CONTRO L'EURO
    
Intervista ad Arrigo Molinari - Il Giornale.it
  • I Signori dell'Universo
  • Una riflessione finale
  • Chetare?
  • Bibliografia e sitografia
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*