L’urlo del criceto

Uno studio condotto dall’associazione dei consumatori Adoc, afferma che un italiano spende ogni giorno in media 39,40 euro e ne guadagna 47.

Schiavitù da lavoro
Questo corrisponde a un risparmio mensile di poco più di 200 euro, oppure, vedendola dal lato opposto, significa che l’84% dei propri guadagni se ne va per fronteggiare le esigenze di tutti i giorni.

Se questo studio è realistico, vuol dire che l’italiano medio guadagna in un mese esattamente quanto basta per vivere quel mese. Gli avanzano 200 euro per gestire gli imprevisti. Vuol dire anche che l’italiano medio non si può permettere di lavorare meno, altrimenti non guadagnerebbe abbastanza per vivere. E infine vuol dire anche che non si può permettere di fare progetti, perché non solo non guadagna abbastanza, ma il lavoro non gli lascia il tempo per dedicarsi ad altro.

Bella trappola, vero? Non si può scendere e non si può scappare. E io la conosco bene, questa trappola, e gli ho dato un nome: la rotellina del criceto. Corri corri corri e non vai da nessuna parte. Lavori tutto il giorno, tutti i giorni, e a fine mese cos’hai ottenuto? 200 euro se ti va bene, e neanche quelli se ti si rompe la macchina.

E dov’è la crescita personale? Dove sono le passioni, i progetti? Dove sono i risparmi con cui pensare di costruire la casa dei propri sogni? Non ci sono. Sono sempre un po’ più in là. Sono il mese successivo, o l’anno prossimo. Ma l’anno prossimo è uguale al precedente, e anche quello dopo. E il tempo passa, ma si resta sempre nello stesso punto. Non si va da nessuna parte. È una ruota, e se corri più veloce ti stanchi solo prima.

Libri e varie...

La Rosarnizzazione del Lavoro (eBook)

Il virus dello sfruttamento dalle campagne del Sud alle grandi aziende

di Antonello Mangano

LA ROSARNIZZAZIONE DEL LAVORO (EBOOK)
Il virus dello sfruttamento dalle campagne del Sud alle grandi aziende
di Antonello Mangano

Vi chiedete se Rosarno è cambiata? È l'Italia che si è rosarnizzata.
 Il supermercato dove siamo clienti, il grande magazzino del mobile dove scegliamo il tavolo a basso costo, la casa che abitiamo, la scuola dove portiamo i figli e la strada che percorriamo per andare in vacanza fanno già parte di questa mostruosità: lo sfruttamento multilivello.
 Un libro-inchiesta sul virus che dalle campagne dei braccianti africani si è esteso ovunque.
 Prefazione di Ascanio Celestini....

Euroschiavi - Dalla Truffa alla Tragedia

Signoraggio, debito pubblico, banche centrali. Nuova Edizione ampliata e aggiornata.

di Antonio Miclavez, Marco Della Luna

EUROSCHIAVI - DALLA TRUFFA ALLA TRAGEDIA  - LIBRO
Signoraggio, debito pubblico, banche centrali. Nuova Edizione ampliata e aggiornata.
di Antonio Miclavez, Marco Della Luna

L’Italia è sempre più povera a causa di un debito pubblico in continuo aumento che comporta un’elevata pressione fiscale.
Il debito pubblico è un’invenzione costruita da politici e banchieri al fine di arricchire gli azionisti privati della Banca Centrale italiana e europea.
In passato, le banche che emettevano denaro lo garantivano con la copertura aurea, si impegnavano a convertire le banconote in oro e sostenevano un costo di emissione. Oggi, le monete non sono coperte da riserve di oro, non sono convertibili e il loro costo di emissione è praticamente zero, ma il guadagno di chi le emette, ossia il signoraggio, è del 100% del valore nominale.
 Quando lo Stato domanda soldi alla Banca Centrale paga il costo del valore nominale (e non il solo costo tipografico) con titoli del debito pubblico, ossia impegnandosi a riscuotere crescenti tasse dai cittadini e dalle imprese. Tutto ciò avviene attraverso la Banca Centrale Europea, un mostro giuridico creato dal Trattato di Maastricht, esente da ogni controllo democratico come un vero e proprio Stato sovrano, posto al disopra delle parti.
Euroschiavi svela i segreti e i meccanismi di questo sistema di potere che si è eretto e mantenuto sul fatto di essere ignorato dalla gente, soprattutto dai lavoratori, dai risparmiatori e dai contribuenti, e indica come porre fine legalmente a questo saccheggio.
Il libro è di facile comprensione sia per chi si interessa di politica e finanza sia per il lettore non specialista. Euroschiavi offre un’impressionante documentazione delle modalità con cui il moderno “Signore” (le Banche Centrali) ha costruito un sistema di potere e di leggi che pone al suo servizio lo Stato, il fisco, la Pubblica Amministrazione e tutti noi.
La Costituzione italiana, quella europea, i trattati, le leggi, sono manipolati o disattesi per occultare i traffici e gli interessi dei grandi banchieri proprietari delle Banche Centrali che si arrichiscono sulla pelle dei popoli.
 Anteprima Euroschiavi - Dalla Truffa alla Tragedia LIBRO di Marco Della Luna e Antonio Miclavez Mentre lavoriamo a questa nuova edizione di Euroschiavi, dilaga nel mondo un movimento spontaneo popolare di ribellione contro lo strapotere dei banchieri internazionali, la finanza tossica delle megatruffe, del ricatto a governi e parlamenti, della proibizione dei referendum popolari, dell’esposizione di governi filobancari, dell’indebitamento globale come metodo di dominazione, sfruttamento delle nazioni, costrizione a rinunciare alla sovranità nazionale. Il movimento nasce nel 2010 con la rivoluzione islandese contro i banchieri che, con le loro speculazioni, appoggiate dai politici, avevano portato l’isola dalla prosperità alla crisi finanziaria. Quella rivoluzione, pur non avendo recuperato la sovranità monetaria ha avuto un clamoroso successo economico. Nel corso del 2011 si sono attivati movimenti di massa in Grecia, Spagna (indignados), USA (Occupy Wall Street), Italia, Giappone.
 Il dato più importante è che anche a livello popolare si diffonde la comprensione che esiste un radicale conflitto di interesse tra le classi sociali, e che questo conflitto non è tra “proletari” (lavoratori dipendenti) e “padroni del vapore” (industriali, borghesi – anche un Marchionne è solo una conseguenza, non la causa), bensì tra la società nel suo insieme (che produce e consuma beni e servizi, ricchezza reale) da una parte; e, dall’altra, poche centinaia di persone, appunto le grandi famiglie finanziarie, di cui si conoscono i nomi, le quali si sono impadronite del monopolio mondiale (o quasi) della moneta e del credito, e lo usano a scopi di sfruttamento e dominazione, comperando o ricattando gli organi governativi dei vari Paesi, accaparrandosi a costo zero redditi e assets prodotti dalla società, senza nulla produrre essi stessi, se non disastri economici e sociali, nonché precipitando intere nazioni o classi sociali nella schiavitù del debito e della precarietà, fino a istigare guerre dopo guerre.
 Continua a leggere - Anteprima Euroschiavi - Dalla Truffa alla Tragedia...

Il Libro che le Multinazionali non ti Farebbero mai Leggere

Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite

di Klaus Werner-Lobo

IL LIBRO CHE LE MULTINAZIONALI NON TI FAREBBERO MAI LEGGERE
Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite
di Klaus Werner-Lobo

Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite
 Nokia, McDonald's, Coca Cola, Adidas: nei centri commerciali troviamo scintillanti marche a prezzi competitivi. E il nostro sabato pomeriggio di shopping ci fa sentire realizzati, alla moda, perfettamente inseriti nella società.
 Peccato però che quel telefonino e quel paio di scarpe acquistati con tanta leggerezza siano il frutto del lavoro duro e sottopagato di donne e bambini del Terzo Mondo al servizio delle ricche multinazionali.
 Ma davvero è tutto così "normale"? Non c'è alcuna possibilità di riscatto per chi ha avuto la sfortuna di nascere in un Paese povero? Esiste un modo per dire basta alle multinazionali che ignorano i diritti umani e distruggono l'ambiente nella corsa inarrestabile verso il profitto? Questo libro dimostra che un'alternativa è possibile. E indagando crimini e colpe dei grandi gruppi industriali, ci indica una strada che anche noi nel nostro piccolo, con poche accortezze, possiamo percorrere per realizzare finalmente un mondo più equo e umano.
 "Il libro contiene un'appendice shock dalla A di Apple alla S di Siemens, da leggere attentamente."
 Laura Piccinini, D di Repubblica
 "Un volume che promette di far parlare a lungo di sé."
 Il Giornale
 "Rende comprensibili i nessi tra problemi globali come sfruttamento, corruzione, guerra e razzismo e cambiamento del clima e la personale quotidianità degli abitanti dei paesi poveri e nostra."
 Federico Tulli, Terra
 Alcuni dei temi affrontati: 
 - La globalizzazione e le sue conseguenze
 - Lo strapotere dei grandi gruppi industriali
 - Organizzazioni mondiali al servizio delle multinazionali
 - Guerra per i nostri cellulari
 - Kalashnikov e bambini-soldato
 - Sfruttamento e lavoro minorile
 - Le multinazionali del settore alimentare
 - Schiavitù e lavoro coatto
 - La dipendenza dal petrolio
 - I misfatti dell'industria farmaceutica
 - Le speculazioni finanziarie
 - Il mondo appartiene a noi: come reagire
 - La globalizzazione dei diritti umani...

Se Li Conosci Li Eviti

Raccomandati, riciclati, condannati, imputati, ignoranti, voltagabbana, fannulloni del nuovo parlamento

di Peter Gomez, Marco Travaglio

SE LI CONOSCI LI EVITI
Raccomandati, riciclati, condannati, imputati, ignoranti, voltagabbana, fannulloni del nuovo parlamento
di Peter Gomez, Marco Travaglio

La carta d'identità dei nostri "rappresentanti" e la storia di quello che hanno detto e hanno fatto. Per capire quello che potranno fare. Luogo e data di nascita, curriculum, segni particolari, fedina penale, assenze in Parlamento e frasi celebri. 
 Il momento peggiore della nostra vita repubblicana. Basta leggere questo libro. Che è utile avere come guida non solo al Parlamento, ma anche all'Italia sfibrata e stravolta di questi anni. Sono più di 150 politici. Vecchi e nuovi. Con una piccola schiera di virtuosi (o quasi) che hanno diritto alla citazione. Sono pochi e si notano di più. Non perdiamoli di vista....

Comprare con Giustizia - Libro e

Libro: Acquisti trasparenti - Video: I Nuovi Padroni del Mondo

di John Pilger, Francesco Gesualdi

COMPRARE CON GIUSTIZIA - LIBRO E DVD
Libro: Acquisti trasparenti - Video: I Nuovi Padroni del Mondo
di John Pilger, Francesco Gesualdi

IL VOLUME - ACQUISTI TRASPARENTI
 di Francesco Gesualdi
 Il maglione che indossiamo potrebbe essere stato confezionato dall'altra parte del mondo, e così pure il computer e i giocattoli che possediamo potrebbero essere stati costruiti da donne, uomini e bambini costretti a vivere in condizioni di schiavitù lesive della dignità umana. Se l'avessimo saputo, probabilmente non li avremmo comprati e avremmo boicottato i prodotti con quel marchio. Ma oggi questo non è possibile: non esiste una legge che obblighi le aziende a dichiarare le condizioni di lavoro dei propri dipendenti e fornitori e gli effetti sull'ambiente dei processi produttivi. 
L'Autore rilancia in questo testo il diritto di ogni cittadino e cittadina alla trasparenza sui propri acquisti, attraverso l'istituzione di un marchio di qualità del lavoro che certifichi le aziende che rispettano i diritti dei lavoratori e dell'ambiente.
 VHS - I NUOVI PADRONI DEL MONDO
 (di John Pilger)
Chi sono oggi i nuovi padroni del mondo? Come esercitano il loro potere? Per scoprirlo, il telereporter John Pigler ha compiuto numerosi viaggi nel "pianeta" delle multinazionali, nelle fabbriche in cui vengono cuciti i vestiti alla moda, dietro le quinte dei più famosi marchi di calzature. In questo reportage di grande interesse rivela le condizioni di lavoro a cui sono sottoposti gli operai dell'Indonesia, analizza le cause e denuncia le conseguenze della "delocalizzazione" della produzione in paesi che non rispettano i diritti dei lavoratori e dell'ambiente....

I nuovi schiavi

La merce umana nell'economia globale

di Kevin Bales

I NUOVI SCHIAVI
La merce umana nell'economia globale
di Kevin Bales

Milioni di persone, spesso bambini, sono ancora resi schiavi, privati d'ogni diritto e dignità e costretti a prostituirsi o a lavorare gratis o quasi in molti paesi sottosviluppati e nei bassifondi delle moderne capitali occidentali. Un nuovo tipo di schiavitù....

I tuoi genitori e i tuoi nonni sono riusciti a comprarsi la casa in cui sono invecchiati. Tu invece per trent’anni starai seduto sotto la scrivania di un banchiere. E nel frattempo non riesci nemmeno a crescere, a diventare qualcuno, a fare esperienza, a fare qualcosa della tua vita, perché sei occupato a lavorare, e del tuo tempo rimangono solo le briciole.

Io ci ho corso parecchio su quella ruota, amici miei. Correvo come tutti in cambio di un po’ di mangime, quel tanto che mi bastava per un altro giro di corsa. Poi un bel giorno mi sono chiesto: “ma ha senso tutto questo?” No. No che non ha senso! 

Ed è allora che ho capito che se volevo arrivare da qualche parte, dovevo smettere di correre in avanti. Dovevo fare un passo di lato, e scendere. Iniziare a correre solo per me stesso.

È stato cinque anni fa. Sono andato lontano da allora, e ho capito tante cose, ma sicuramente ho capito questo: “Non sarò mai più il criceto di qualcun altro”!

Articolo di Francesco Grandis

Fonte: http://www.wanderingwil.com/

Libri e varie...

Il Libro che le Multinazionali non ti Farebbero mai Leggere

Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite

di Klaus Werner-Lobo

IL LIBRO CHE LE MULTINAZIONALI NON TI FAREBBERO MAI LEGGERE
Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite
di Klaus Werner-Lobo

Sfruttamento del lavoro, esaurimento delle risorse. Come la dittatura dei grandi marchi condiziona le nostre vite
 Nokia, McDonald's, Coca Cola, Adidas: nei centri commerciali troviamo scintillanti marche a prezzi competitivi. E il nostro sabato pomeriggio di shopping ci fa sentire realizzati, alla moda, perfettamente inseriti nella società.
 Peccato però che quel telefonino e quel paio di scarpe acquistati con tanta leggerezza siano il frutto del lavoro duro e sottopagato di donne e bambini del Terzo Mondo al servizio delle ricche multinazionali.
 Ma davvero è tutto così "normale"? Non c'è alcuna possibilità di riscatto per chi ha avuto la sfortuna di nascere in un Paese povero? Esiste un modo per dire basta alle multinazionali che ignorano i diritti umani e distruggono l'ambiente nella corsa inarrestabile verso il profitto? Questo libro dimostra che un'alternativa è possibile. E indagando crimini e colpe dei grandi gruppi industriali, ci indica una strada che anche noi nel nostro piccolo, con poche accortezze, possiamo percorrere per realizzare finalmente un mondo più equo e umano.
 "Il libro contiene un'appendice shock dalla A di Apple alla S di Siemens, da leggere attentamente."
 Laura Piccinini, D di Repubblica
 "Un volume che promette di far parlare a lungo di sé."
 Il Giornale
 "Rende comprensibili i nessi tra problemi globali come sfruttamento, corruzione, guerra e razzismo e cambiamento del clima e la personale quotidianità degli abitanti dei paesi poveri e nostra."
 Federico Tulli, Terra
 Alcuni dei temi affrontati: 
 - La globalizzazione e le sue conseguenze
 - Lo strapotere dei grandi gruppi industriali
 - Organizzazioni mondiali al servizio delle multinazionali
 - Guerra per i nostri cellulari
 - Kalashnikov e bambini-soldato
 - Sfruttamento e lavoro minorile
 - Le multinazionali del settore alimentare
 - Schiavitù e lavoro coatto
 - La dipendenza dal petrolio
 - I misfatti dell'industria farmaceutica
 - Le speculazioni finanziarie
 - Il mondo appartiene a noi: come reagire
 - La globalizzazione dei diritti umani...

Controstoria del Liberalismo

di Domenico Losurdo

CONTROSTORIA DEL LIBERALISMO
di Domenico Losurdo

Come spiegare che nell'ambito della tradizione liberale la celebrazione della libertà va spesso di pari passo con l'assimilazione dei lavoratori salariati a strumenti di lavoro e con la teorizzazione del dispotismo e persino della schiavitù a carico dei popoli coloniali? In questo volume Losurdo indaga le contraddizioni e le zone d'ombra da sempre trascurate dagli studiosi, siglando una controstoria che evidenzia la difficoltà di conciliare la difesa teorica delle libertà individuali con la realtà dei rapporti politici e sociali....

Se Li Conosci Li Eviti

Raccomandati, riciclati, condannati, imputati, ignoranti, voltagabbana, fannulloni del nuovo parlamento

di Peter Gomez, Marco Travaglio

SE LI CONOSCI LI EVITI
Raccomandati, riciclati, condannati, imputati, ignoranti, voltagabbana, fannulloni del nuovo parlamento
di Peter Gomez, Marco Travaglio

La carta d'identità dei nostri "rappresentanti" e la storia di quello che hanno detto e hanno fatto. Per capire quello che potranno fare. Luogo e data di nascita, curriculum, segni particolari, fedina penale, assenze in Parlamento e frasi celebri. 
 Il momento peggiore della nostra vita repubblicana. Basta leggere questo libro. Che è utile avere come guida non solo al Parlamento, ma anche all'Italia sfibrata e stravolta di questi anni. Sono più di 150 politici. Vecchi e nuovi. Con una piccola schiera di virtuosi (o quasi) che hanno diritto alla citazione. Sono pochi e si notano di più. Non perdiamoli di vista....

Vite rubate

La schiavitù moderna nell'Amazzonia brasiliana

di Binka Le Breton

VITE RUBATE
La schiavitù moderna nell'Amazzonia brasiliana
di Binka Le Breton

Pensavate che la schiavitù fosse una cosa del passato, eppure Anti-Slavery International calcola che nel mondo ci sono milioni e milioni di uomini, donne e bambini in stato di schiavitù, costretti a fare i lavori più degradanti e nelle condizioni peggiori, soggetti a violenze di ogni tipo e privati del più fondamentale dei diritti: la libertà. L'autore porta alla luce questa realtà negata e impunita....

Adesso Basta

lasciare il lavoro e cambiare, vita filosofia e strategia di chi ce l'ha fatta

di Simone Perotti

ADESSO BASTA
Lasciare il lavoro e cambiare, vita filosofia e strategia di chi ce l'ha fatta
di Simone Perotti

Un lavoro, una carriera manageriale invidiabile già a soli 30 anni, una casa di lusso, la possibilità di viaggiare e ogni agio che tutti vorremmo. Possono bastare per vivere?
 La domanda sembra assurda, da matti, si potrebbe azzardare, eppure c'è chi la risposta l'ha data, dicendo basta a tutto questo, un basta definitivo che ha voltato le spalle allo stress quotidiano di rincorsa al successo perché ha preferito vivere ed essere felice.
 È Simone Perotti il coraggioso in questione, colui che ha deciso di creare il proprio destino con la propria testa e con la propria volontà. Lo stesso che si è reso conto che "lavorare per consumare non rende felici"; così ha preferito uscirne, e da schiavo è diventato libero. Ma in che modo?
 Ci spiega che l'aver vissuto in un periodo stagnante (post Sessantotto), dove non c'era motivo di combattere, non c'erano stimoli perché la normalità era studiare, laurearsi, fare master e specializzazioni, dove ogni cosa era già letta, riscritta, inventata da altri, e dove la generazione in questione era sconfitta in partenza perché formata da uomini incapaci di sostenere responsabilità, l'unica cosa da fare era lasciarsi guidare dal tempo e dagli eventi.
 Peccato (o per fortuna!) che è durata poco la rassegnazione!
 Così, di punto in bianco, dopo averci pensato su neanche tanto è parso naturale, per un essere pensante e razionale, dire basta! Basta al frequentare le persone che non abbiamo scelto, basta ai modelli del consumismo, basta all'amore pilotato dal 740, basta alla schiavitù del quotidiano stress, basta all'appiattimento sociale che omologa persone costrette a seguire le tappe fondamentali della vita (laurea, lavoro, soldi, matrimonio, figli), basta alla dipendenza da ansiolitici. Ma soprattutto basta a chi sottrae tempo alle passioni e alla voglia di dedicarsi a ciò che piace.
 Il nostro autore però è ben chiaro nel suo dire.
 Infatti considera che una delle cose fondamentali per perseguire la propria filosofia di vita è la scelta. Infatti, ribadisce, "un conto è lasciare il lavoro, un conto è perderlo". Quello di cui si parla in questo libro è la decisione chiara, desiderata, che fa riferimento alla propria volontà.
 Per cui al di là di come vada, ognuno deve rimanere responsabile di ciò che ha scelto-desiderato. In ogni situazione bisogna essere convinti. Altrimenti si rischia la schiavitù nell'estremo opposto.
 "Un uomo demotivato sarà infelice dovunque, salvo per l'istante della novità".
 Il messaggio è immediato: per ricominciare non bisogna necessariamente andare nell'altra parte del mondo, perché si tratta di una questione tutta interiore. Quello che Perotti propone e racconta è una rivoluzione interiore, un downshifting (scalare la marcia, rallentar il ritmo) obiettivo ma soprattutto libero anche perché, in ogni percorso, l'importante è cominciare. Lui l'ha fatto, dedicandosi alla scrittura, alla navigazione e a qualche lavoro occasionale, e noi: siamo pronti?...

Pecore da Tosare

La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe

di Andrea Bizzocchi

PECORE DA TOSARE  - LIBRO
La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe
di Andrea Bizzocchi

"Dobbiamo decondizionarci, ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa, ritrovare la voglia e il piacere di essere liberi, soprattutto liberarci dai condizionamenti e dalle paure che ci tengono incatenati. Dobbiamo trovare il coraggio di abbandonare l'umiliante vita a cui siamo costretti, per inseguire quella per cui siamo nati: una vita libera.Si può fare!".
Andrea Bizzocchi

 Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l'alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità.
 Quando la gente dice: "I soldi sono finiti" coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: "Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?". La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano.
 Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l'interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell'interesse da restituire. E l'aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa.
 Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. "Pecore da tosare" è il primo volume di una trilogia, che vi spiega come.
  Che ci crediate o meno, 
le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui. 
È ora di di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa!   
I commenti "Andrea Bizzocchi cì dice che nelle mani di ognuno di noi non c'è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi".
 Maurizio Pallante Fondatore del Movimento della Decrescita Felice
 "Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare".
 Salvatore Tamburro Autore di Non è crisi, è truffa e di Addio al debito
  Indice  Prefazione
 Introduzione breve
 PRIMA PARTE
 
 - Capire la cosiddetta crisi
 - Cos'è il denaro
 - Il signoraggio primario
 - Il signoraggio secondario
 - Due parole sul. gold standard
 - Bretton Woods
 - Chi emette moneta e di chi è il denaro?
 - La moneta debito (e quindi il debito pubblico)
 - Le "opzioni" per ripagare il debito
 - Falso in bilancio
 - I "collaboratori" del sistema bancario: politici, media e agenzie di rating
 - La moneta elettronica
 - Pagare le tasse?
 - Domande e risposte
 - Riassumendo
  SECONDA PARTE
 
 - Assassini(i)!
 - La Federai Reserve
 - La Banca centrale europea
 - Proprietà di Bankitalia
 - Proprietà della Federai Reserve (USA)
 - SCHIAVI DELLE BANCHE

Intervista a Marco Della Luna
 - LA MIA ULTIMA BATTAGLIA CONTRO L'EURO

Intervista ad Arrigo Molinari - Il Giornale.it
 - I Signori dell'Universo
 - Una riflessione finale
 - Chetare?
 - Bibliografia e sitografia...
PECORE DA TOSARE  - LIBRO
La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe
di Andrea Bizzocchi

"Dobbiamo decondizionarci, ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa, ritrovare la voglia e il piacere di essere liberi, soprattutto liberarci dai condizionamenti e dalle paure che ci tengono incatenati. Dobbiamo trovare il coraggio di abbandonare l'umiliante vita a cui siamo costretti, per inseguire quella per cui siamo nati: una vita libera.Si può fare!".
Andrea Bizzocchi

 Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l'alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità.
 Quando la gente dice: "I soldi sono finiti" coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: "Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?". La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano.
 Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l'interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell'interesse da restituire. E l'aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa.
 Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. "Pecore da tosare" è il primo volume di una trilogia, che vi spiega come.
  Che ci crediate o meno, 
le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui. 
È ora di di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa!   
I commenti "Andrea Bizzocchi cì dice che nelle mani di ognuno di noi non c'è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi".
 Maurizio Pallante Fondatore del Movimento della Decrescita Felice
 "Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare".
 Salvatore Tamburro Autore di Non è crisi, è truffa e di Addio al debito
  Indice  Prefazione
 Introduzione breve
 PRIMA PARTE
 
 - Capire la cosiddetta crisi
 - Cos'è il denaro
 - Il signoraggio primario
 - Il signoraggio secondario
 - Due parole sul. gold standard
 - Bretton Woods
 - Chi emette moneta e di chi è il denaro?
 - La moneta debito (e quindi il debito pubblico)
 - Le "opzioni" per ripagare il debito
 - Falso in bilancio
 - I "collaboratori" del sistema bancario: politici, media e agenzie di rating
 - La moneta elettronica
 - Pagare le tasse?
 - Domande e risposte
 - Riassumendo
  SECONDA PARTE
 
 - Assassini(i)!
 - La Federai Reserve
 - La Banca centrale europea
 - Proprietà di Bankitalia
 - Proprietà della Federai Reserve (USA)
 - SCHIAVI DELLE BANCHE

Intervista a Marco Della Luna
 - LA MIA ULTIMA BATTAGLIA CONTRO L'EURO

Intervista ad Arrigo Molinari - Il Giornale.it
 - I Signori dell'Universo
 - Una riflessione finale
 - Chetare?
 - Bibliografia e sitografia...

Pecore da Tosare

La sopravvivenza tra banche, crisi e truffe

di Andrea Bizzocchi

"Dobbiamo decondizionarci, ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa, ritrovare la voglia e il piacere di essere liberi, soprattutto liberarci dai condizionamenti e dalle paure che ci tengono incatenati. Dobbiamo trovare il coraggio di abbandonare l'umiliante vita a cui siamo costretti, per inseguire quella per cui siamo nati: una vita libera.Si può fare!".
Andrea Bizzocchi

Che razza di crisi è se non mancano materie prime, mezzi di produzione e forza lavoro, nonostante l'alto tasso di disoccupazione? Eppure qualcosa manca. Cosa? Il denaro, la liquidità.

Quando la gente dice: "I soldi sono finiti" coglie esattamente nel segno. Però non si chiede: "Perché mancano i soldi? Cosa significa che mancano i soldi? Chi li fa mancare?". La crisi e i disastri socio-economici che stiamo vivendo non cadono dal cielo, ma nascono dalla natura stessa della moneta e in essa proliferano.

Una moneta accettata come debito non potrà mai estinguere l'interesse che deve. Il denaro circolante infatti sarà sempre inferiore alla somma del capitale e dell'interesse da restituire. E l'aumento esponenziale del debito fa sì che contestualmente aumenti anche la quota di ricchezza (pubblica e privata) da destinare al sistema bancario, che continua a creare denaro a costo zero, senza alcuna copertura né convertibilità della moneta emessa.

Un meccanismo spietato e subdolo che sta riducendo i popoli in schiavitù. Ma così come non è schiavo colui che ha le catene ai piedi, bensì chi non è in grado di immaginarsi la libertà, così noi, per ridare dignità alle nostre vite, possiamo lottare per riconquistare questa libertà perduta. "Pecore da tosare" è il primo volume di una trilogia, che vi spiega come.

Che ci crediate o meno,
le vite di sette miliardi di persone sono ostaggio di pochi individui.
È ora di di ritrovare la libertà di pensare con la nostra testa!


I commenti

"Andrea Bizzocchi cì dice che nelle mani di ognuno di noi non c'è soltanto la possibilità di cambiare la nostra vita, ma anche quella di mettere un granellino di sabbia in grado di inceppare un ingranaggio molto più grande di noi".

Maurizio Pallante Fondatore del Movimento della Decrescita Felice

"Spiega in maniera semplice e lineare concetti chiave per comprendere la struttura del sistema economico e chi sono i burattinai che ne hanno il pieno controllo. Un libro da leggere se non vogliamo essere solo pecore da tosare".

Salvatore Tamburro Autore di Non è crisi, è truffa e di Addio al debito

 Indice

Prefazione

Introduzione breve

PRIMA PARTE

  • Capire la cosiddetta crisi
  • Cos'è il denaro
  • Il signoraggio primario
  • Il signoraggio secondario
  • Due parole sul. gold standard
  • Bretton Woods
  • Chi emette moneta e di chi è il denaro?
  • La moneta debito (e quindi il debito pubblico)
  • Le "opzioni" per ripagare il debito
  • Falso in bilancio
  • I "collaboratori" del sistema bancario: politici, media e agenzie di rating
  • La moneta elettronica
  • Pagare le tasse?
  • Domande e risposte
  • Riassumendo

SECONDA PARTE

  • Assassini(i)!
  • La Federai Reserve
  • La Banca centrale europea
  • Proprietà di Bankitalia
  • Proprietà della Federai Reserve (USA)
  • SCHIAVI DELLE BANCHE

    Intervista a Marco Della Luna
  • LA MIA ULTIMA BATTAGLIA CONTRO L'EURO
    
Intervista ad Arrigo Molinari - Il Giornale.it
  • I Signori dell'Universo
  • Una riflessione finale
  • Chetare?
  • Bibliografia e sitografia
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*