Il Mondo ha un Padrone… e non lo sa!

di Francesco Maria Del Vigo

Il mondo ha un padrone ma non lo sa. Esistono gli “stati uniti della terra”, anche se non c’è un cartografo che si sia ancora avventurato a certificarne l’esistenza.

Perché questo Stato immaginario non si può toccare, non ha confini né parlamenti e non conosce democrazia. Non ha neppure una bandiera, ma se dovesse averla, probabilmente sarebbe un pollicione bianco su sfondo blu, che si staglia su uno sfondo bianco. Un gigantesco “mi piace”, un like. Bandiera e simbolo di uno Stato, in cui il dissenso, il “non mi piace”, è un’ipotesi non concepita dal programmatore.

Parliamo di facebook e del suo fondatore Mark Zuckerberg che, nei giorni scorsi, ha preso carta e penna per scrivere una lettera al Wall Street Journal, in Italia pubblicata da La Repubblica. Sua altezza digitale ha voluto festeggiare con i suoi sudditi i quindici anni di regno assoluto della sua creatura, sfiorando appena argomenti spinosi come la privacy e il trattamento dei nostri dati.

Libri e varie...

Perché è chiaro che facebook campa trafficando con tutte le informazioni che quotidianamente gli cediamo, in cambio di quindici like di popolarità. Il problema è che, molto spesso, non ci rendiamo conto del maiuscolo monopolio che abbiamo permesso di creare a Zuckerberg: dall’informazione – gran parte delle notizie vengono lette attraverso facebook che, di fatto, è il più grande editore al mondo – alle nostre comunicazioni lavorative e personali.

Controllando il “tempo di utilizzo” del mio iPhone mi sorge un dubbio. E’ Zuckerberg che mi mette a disposizione applicazioni che lavorano per me o sono io che lavoro – gratis – per lui? Su quattro ore di attività, per più di due ore il mio smartphone è su una delle sue piattaforme. Praticamente sono un suo dipendente. Non sono il solo. Diamo qualche numero: gli utenti attivi su facebook sono più di 2 miliardi, su Instagram più di un miliardo e ogni giorno su WhatsApp vengono scambiati 60 miliardi di messaggi.

Capite bene che, pallottoliere alla mano, Donald Trump rispetto al numero uno di Menlo Park è un amministratore di condominio e il presidente cinese Xi Jinping, al massimo, il sindaco di una metropoli. Ora che tutte le reti sociali di Zuckerberg si intrecceranno, prenderà vita la più grande banca dati della storia. Ovviamente tutto nelle mani di un’unica persona, legittimo proprietario della azienda da lui fondata.

Un pericolo non solo per la privacy e per l’informazione, ma anche per la politica. Facciamo un esempio: come farebbero a comunicare con i loro elettori Di Maio e Salvini se l’algoritmo, che tutto regola e tutto decide, bloccasse o rendesse meno popolari i loro profili, magari perché hanno violato le regole del politicamente corretto? Sarebbe un problema, di democrazia.

Ma queste sono le regole di una azienda privata, che oramai si occupa di affari pubblici come se fosse uno Stato. E forse è anche per questo che i governi sono sempre così riluttanti nell’imporre tassazioni efficaci ai colossi del web. Siamo nell’era della “webcrazia”. E non esistono urne. Solo “mi piace”.

Articolo di Francesco Maria Del Vigo

Fonte: http://www.ilgiornale.it/news/politica/mondo-ha-padrone-e-non-sa-1634567.html

Libri e varie...
DEMENZA DIGITALE
Come la nuova tecnologia ci rende stupidi
di Manfred Spitzer

Demenza Digitale

Come la nuova tecnologia ci rende stupidi

di Manfred Spitzer

L'uso sempre più intensivo del computer scoraggia lo studio e l'apprendimento e, viceversa, incoraggia i nostri ragazzi a restare per ore davanti ai giochi elettronici. Per non parlare dei social che regalano surrogati tossici di amicizie vere, indebolendo la capacità di socializzare nella realtà e favorendo l'insorgere di forme depressive. Manfred Spitzer mette politici, intellettuali, genitori, cittadini di fronte a questo scenario: è veramente quello che vogliamo per noi e per i nostri figli?

Senza computer, smartphone e Internet oggi ci sentiamo perduti. Questo vuol dire che l'uso massiccio delle tecnologie di consumo sta mandando il nostro cervello all'ammasso. E intanto la lobby delle società di software promuove e pubblicizza gli esiti straordinari delle ultime ricerche in base alle quali, grazie all'uso della tecnologia, i nostri figli saranno destinati a un radioso futuro ricco di successi.

Ma se questo nuovo mondo non fosse poi il migliore dei mondi possibili? Se gli interessi economici in gioco tendessero a sminuire, se non a occultare, i risultati di altre ricerche che vanno in direzione diametralmente opposta?

Sulla base di tali studi, che l'autore analizza in questo libro, è lecito lanciare un allarme generale: i media digitali in realtà rischiano di indebolire corpo e mente nostri e dei nostri figli. Se ci limitiamo a chattare, twittare, postare, navigare su Google... finiamo per parcheggiare il nostro cervello, ormai incapace di riflettere e concentrarsi.

...

Un commento

  1. tutto questo fà proprio paura paura. bhaaaa…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*