I campani temono più di perdere il lavoro che il contagio da Covid

di Viviana Lanza

Il 62% dei cittadini in Campania vive gravi conseguenze sul piano economico e lavorativo a causa della pandemia da Covid-19. Due persone su 10 rischiano di perdere il lavoro o andare in cassa integrazione. E per 3 su 10, se questa situazione durerà ancora a lungo, si prospettano difficoltà tali da non riuscire nemmeno a far fronte alle esigenze primarie come avere di che mangiare.

Con il bambino a rapinare: esiste un limite alla disperazione ...

Il dato emerge da uno studio condotto dall’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche, realizzato in collaborazione con l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e la Fondazione Movimento Bambino onlus.

L’osservatorio “Mutamenti sociali in atto-Covid 19” ha consentito, mediante un sondaggio diffuso su scala nazionale, di esplorare e analizzare gli effetti psico-sociali della contrazione dell’interazione umana, del distanziamento sociale e della prolungata convivenza con la cosiddetta pandemia da Covid-19.

I primi risultati dello studio, in particolare, hanno fornito informazioni sulla condizione lavorativa, abitativa e relazionale, analizzando nel dettaglio le attività quotidiane, l’uso di internet e l’iperconnessione, la violenza domestica, la fiducia sistemica e gli stati psicologici.

Libri e varie...

È una prima fotografia della realtà che stiamo vivendo, uno scatto del presente che può rivelarsi utile a comprendere cosa accadrà in futuro e, perché no, prevenirne gli effetti. Del resto ci ritroviamo tutti a vivere una sorta di esperimento sociale, come spiega Antonio Tintori, sociologo e docente universitario, responsabile assieme alla collega Loredana Cerbara del gruppo di ricerca del Cnr, impegnato nell’osservatorio Msa-Covid 19. “Con questo studio abbiamo la misura di quello che sta accadendo e una proiezione previsionale per il post”, precisa Tintori. La ricerca, a cui hanno lavorato anche gli psicologi Massimo Crescimbene e Federica La Longa, la psicopedagogista e psicoterapeuta Maria Rita Parisi, la ricercatrice Rossella Palomba e la collaboratrice scientifica del Cnr Giulia Ciancimino, è una esplorazione.

“È del tutto nuova – aggiunge Tintori – perché mentre per altri studi, in genere, ci si muove sulla base della letteratura che rappresenta una sorta di canovaccio di orientamento, in questo caso la letteratura non esiste perché non è mai accaduta nella storia moderna una segregazione come quella che stiamo vivendo, con una interruzione quasi totale dei contatti sociali. E quindi nessuno conosce già quali saranno gli effetti che questa situazione avrà nel medio-lungo termine“. I risultati della ricerca saranno quindi utili a capire cosa potrebbe accadere e a prevedere le conseguenze in termini economici, sociali e psicologici. I numeri più preoccupanti riguardano la sfera dell’economia. Le conseguenze lavorative connesse al Covid-19 in Campania sono lievemente superiori ai dati nazionali.

In sintesi, 4 persone su 10 prevedono di andare incontro a gravi perdite economiche, 2 su 10 di perdere il lavoro o la propria attività o andare in cassa integrazione. Solo il 28% non subirà conseguenze perché ha un lavoro da dipendente le cui sorti non saranno fortemente condizionate dalla pandemia, mentre appena il 9,2% pensa di avere nuove opportunità. In questo scenario il titolo di studio diventa una variabile che fa la differenza, tanto che l’81% di coloro che in Campania rischiano gravi perdite economiche, la cassa integrazione o la perdita del lavoro, ha un titolo di studio medio-basso. Impossibile trascurare il ruolo della politica e delle istituzioni.

La fiducia che i cittadini hanno verso chi rappresenta le istituzioni è una variabile che nello studio dell’osservatorio Msa-Covid 19 va sotto la voce “fiducia sistemica”. È emerso che in Campania, in linea con il dato nazionale, i cittadini hanno più fiducia nel Papa (69%) che nei politici (40%), più fiducia negli scienziati (89%) che nei governanti (il presidente del Consiglio Conte è al 77% e il presidente della Repubblica Mattarella al 74). Ma diversamente dal dato nazionale, il livello di fiducia nei governi regionali cresce: se in Italia la media è del 55%, in Campania la fiducia nel governatore Vincenzo De Luca supera il 64%.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.ilriformista.it/i-napoletani-temono-piu-perdere-il-lavoro-che-il-virus-82937/

Libri e varie...
CYBERUOMO
Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina
di Enrica Perucchietti

CyberUomo

Dall'intelligenza artificiale all'ibrido uomo-macchina

di Enrica Perucchietti

Scopri il lato nascosto e oscuro del progresso e della tecnologia e impara a difenderti dalle nuove armi di controllo e manipolazione totale con il nuovo libro di Enrica Perucchetti "Cyberuomo".

Questo libro affronta argomenti che sembrerebbero fantascienza, ma sono invece le innovazioni più moderne e avanzate nel campo della scienza e della tecnologia.

Intelligenza artificiale, chip dermali, nanorobotica, crionica, mind uploading, progetti filogovernativi per resuscitare i morti, creazione di chimere per xenotrapianti, clonazione, tecnosesso, uteri artificiali, super soldati... Qual è lo scopo di tutto ciò?

Potenziare la natura umana, ibridare l'uomo con le macchine e creare un individuo geneticamente modificato che abbia continuato la propria evoluzione emancipandosi dalle leggi biologiche.

Ma è davvero questo il futuro che vogliamo?

Hai mai provato a riflettere su quale sia la meta ultima verso cui il mito del progresso illimitato ci sta traghettando?

Come ti spiega questo libro, dietro la parola "progresso" si nascondono ricerche che fino a qualche anno fa sarebbero state bollate come incubi distopici e che oggi vengono offerte all'opinione pubblica come un traguardo per l'evoluzione collettiva. 

Ma l'entusiasmo e l'esaltazione acritica del progresso stanno oscurando il lato nascosto di queste ricerche: si vuole realizzare una tecno-utopia, una società "perfetta" e altamente tecnologica, in cui non ci sia spazio per la violenza, le emozioni incontrollate o il pensiero autonomo.

Siamo sull'orlo di una rivoluzione antropologica che intende snaturare l'Uomo della pro­pria umanità, per renderlo sempre simile a una "macchina" e al contempo più manipolabile e controllabile.

È in gioco la nostra sopravvivenza: conoscere le ricerche e gli obiettivi nel campo del post-u­mano può aiutarci a fermare questa deriva prima che siano le macchine a ribellarsi ai propri inventori, come nei peggiori incubi.

Leggi "Cyberuomo" di Enrica Perrucchetti e trova le tue risposte a domande come:

  • Dove finisce la libertà auspicata da transumanisti e postumanisti e dove inizia la manipolazione?
  • Siamo davvero liberi di scegliere e creare il nostro futuro, oppure siamo sottoposti a una forma di conversione graduale a un'ideologia imposta dal potere?
  • Ci sono dei limiti etici alle ricerche nel campo del post-umano o tutto quello che è e sarà tecnologicamente possibile è da abbracciare come positivo e auspicabile per la collettività?

I contenuti extra

Questo è un Libro 4D e contiene una serie di contenuti extra per approfondire la lettura. All'interno del libro ci sono semplici istruzioni che ti spiegano come puoi accedere a questi contenuti da qualsiasi dispositivo: pc, tablet, smartphone e smart-tv.

VIDEO DI APPROFONDIMENTO CON L'AUTRICE

  • Perché un saggio sul transumanesimo
  • Come Hollywood ci sta abituando alle ricerche nel campo del post-umano
  • I microchip sono realtà e vanno di moda
  • Gemelline cinesi con DNA modificato come i superumani di Hawking

DOCUMENTI PDF

  • Stiamo vivendo in una simulazione computerizzata?
  • Il cibo del futuro: insetti e carne artificiale
  • La ricerca della longevità: dall'alchimia al mind uploading
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *