I campani temono più di perdere il lavoro che il contagio da Covid

di Viviana Lanza

Il 62% dei cittadini in Campania vive gravi conseguenze sul piano economico e lavorativo a causa della pandemia da Covid-19. Due persone su 10 rischiano di perdere il lavoro o andare in cassa integrazione. E per 3 su 10, se questa situazione durerà ancora a lungo, si prospettano difficoltà tali da non riuscire nemmeno a far fronte alle esigenze primarie come avere di che mangiare.

Con il bambino a rapinare: esiste un limite alla disperazione ...

Il dato emerge da uno studio condotto dall’Istituto di ricerche sulla popolazione e le politiche sociali del Consiglio nazionale delle ricerche, realizzato in collaborazione con l’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia e la Fondazione Movimento Bambino onlus.

L’osservatorio “Mutamenti sociali in atto-Covid 19” ha consentito, mediante un sondaggio diffuso su scala nazionale, di esplorare e analizzare gli effetti psico-sociali della contrazione dell’interazione umana, del distanziamento sociale e della prolungata convivenza con la cosiddetta pandemia da Covid-19.

I primi risultati dello studio, in particolare, hanno fornito informazioni sulla condizione lavorativa, abitativa e relazionale, analizzando nel dettaglio le attività quotidiane, l’uso di internet e l’iperconnessione, la violenza domestica, la fiducia sistemica e gli stati psicologici.

Libri e varie...

È una prima fotografia della realtà che stiamo vivendo, uno scatto del presente che può rivelarsi utile a comprendere cosa accadrà in futuro e, perché no, prevenirne gli effetti. Del resto ci ritroviamo tutti a vivere una sorta di esperimento sociale, come spiega Antonio Tintori, sociologo e docente universitario, responsabile assieme alla collega Loredana Cerbara del gruppo di ricerca del Cnr, impegnato nell’osservatorio Msa-Covid 19. “Con questo studio abbiamo la misura di quello che sta accadendo e una proiezione previsionale per il post”, precisa Tintori. La ricerca, a cui hanno lavorato anche gli psicologi Massimo Crescimbene e Federica La Longa, la psicopedagogista e psicoterapeuta Maria Rita Parisi, la ricercatrice Rossella Palomba e la collaboratrice scientifica del Cnr Giulia Ciancimino, è una esplorazione.

“È del tutto nuova – aggiunge Tintori – perché mentre per altri studi, in genere, ci si muove sulla base della letteratura che rappresenta una sorta di canovaccio di orientamento, in questo caso la letteratura non esiste perché non è mai accaduta nella storia moderna una segregazione come quella che stiamo vivendo, con una interruzione quasi totale dei contatti sociali. E quindi nessuno conosce già quali saranno gli effetti che questa situazione avrà nel medio-lungo termine“. I risultati della ricerca saranno quindi utili a capire cosa potrebbe accadere e a prevedere le conseguenze in termini economici, sociali e psicologici. I numeri più preoccupanti riguardano la sfera dell’economia. Le conseguenze lavorative connesse al Covid-19 in Campania sono lievemente superiori ai dati nazionali.

In sintesi, 4 persone su 10 prevedono di andare incontro a gravi perdite economiche, 2 su 10 di perdere il lavoro o la propria attività o andare in cassa integrazione. Solo il 28% non subirà conseguenze perché ha un lavoro da dipendente le cui sorti non saranno fortemente condizionate dalla pandemia, mentre appena il 9,2% pensa di avere nuove opportunità. In questo scenario il titolo di studio diventa una variabile che fa la differenza, tanto che l’81% di coloro che in Campania rischiano gravi perdite economiche, la cassa integrazione o la perdita del lavoro, ha un titolo di studio medio-basso. Impossibile trascurare il ruolo della politica e delle istituzioni.

La fiducia che i cittadini hanno verso chi rappresenta le istituzioni è una variabile che nello studio dell’osservatorio Msa-Covid 19 va sotto la voce “fiducia sistemica”. È emerso che in Campania, in linea con il dato nazionale, i cittadini hanno più fiducia nel Papa (69%) che nei politici (40%), più fiducia negli scienziati (89%) che nei governanti (il presidente del Consiglio Conte è al 77% e il presidente della Repubblica Mattarella al 74). Ma diversamente dal dato nazionale, il livello di fiducia nei governi regionali cresce: se in Italia la media è del 55%, in Campania la fiducia nel governatore Vincenzo De Luca supera il 64%.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.ilriformista.it/i-napoletani-temono-piu-perdere-il-lavoro-che-il-virus-82937/

Libri e varie...
IL CLUB BILDERBERG (EBOOK)
La storia segreta dei padroni del mondo
di Daniel Estulin

Il Club Bilderberg (eBook)

La storia segreta dei padroni del mondo

di Daniel Estulin

Mario Monti, il nuovo Primo Ministro italiano dopo l'era Berlusconi, fa parte del Club Bilderberg. E cosa sia questo esclusivisssimo Club lo spiega bene lo scrittore e giornalista spagnolo Daniel Estulin che ne ha fatto il centro della sua vita professionale. Arianna Editrice ha già pubblicato la prima versione del suo libro, Il Club Bilderberg appunto, e ora è disponibile questa nuova versione aggiornata.

Il Club Bilderberg racconta la vera storia del più potente e segreto organo decisionale del mondo. Dal 1954 e una sola volta all'anno, questo gruppo ristretto di persone si ritrova per decidere segretamente il futuro politico ed economico dell'umanità. Nessun giornalista ha mai avuto accesso alle riunioni che fino a poco tempo fa si sono svolte presso l'Hotel Bilderberg, in una piccola cittadina olandese.

Nessuna notizia è mai filtrata da quelle stanze, anche se – come dimostrano le pagine di questo libro – è durante questi incontri che vengono prese le decisioni più rilevanti per il futuro di tutti noi.

Risultato di un'indagine serrata e pericolosa durata oltre 15 anni, l'impressionante inchiesta di Daniel Estulin svela per la prima volta quello che non era mai stato detto prima, rendendo noti i giochi di potere che si svolgono a nostra insaputa. Dalla privacy armata che la protegge, la classe dirigente globale detta legge su politica, economia e questioni militari.

La dettagliata opera di Estulin dimostra come il Club Bilderberg sia stato coinvolto nei maggiori misteri della storia recente, dal Piano Marshall allo scandalo Watergate, come da questa élite emergano le figure chiave dello scacchiere internazionale – presidenti USA, direttori di agenzie come CIA o FBI, vertici delle maggiori testate giornalistiche – e come da questi incontri nascano le linee guida della globalizzazione.

Il Club Bilderberg, tradotto in 50 lingue e diffuso in oltre 70 Paesi, è diventato in poco tempo un bestseller internazionale, di cui è prevista a breve la versione cinematografica.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *