Il Fluoro, ovvero come trasformare un rifiuto tossico in un toccasana indispensabile per l’uomo

Oggi il fluoro si trova nell’acqua potabile, in quella minerale, in tutti i dentifrici più comunemente utilizzati, nelle gomme da masticare e continua ad essere raccomandato dai pediatri per la salute di ossa e denti.
Parecchi anni fa un pediatra mi allungò delle tavolette di fluoro per il “bene” di mio figlio; non soltanto erano indispensabili per prevenire la carie, disse (il fatto che non avesse ancora i denti e che avrebbe dovuto cambiare completamente i primi che sarebbero spuntati, non intaccò minimamente la sua logica), ma aggiunse che erano vitali anche per le ossa.
Lo guardai in faccia con attenzione e il suo sguardo rispose a qualsiasi tentazione potesse venirmi di intavolare una discussione. Lo ringraziai, uscii e le pasticche volarono nel primo cestino di rifiuti che mi capitò a tiro. Ero certo della sua buona fede ma lo ero altrettanto della sua ignoranza.
Oggi il fluoro è ancora considerato un importante aiuto per la salute di ossa e denti e questa leggenda metropolitana (o fake news, fate voi) persiste, nonostante non sia certo un mistero, il fatto che fin dalla sua scoperta, il fluoro è stato catalogato come: “rifiuto tossico” estremamente pericoloso…

Vai all’articolo

HAI MAI DATO UN'OCCHIATA ALLA NOSTRA SEZIONE DEI LIBRI SUPER-SCONTATI?

Creato in Giappone nuovo dentifricio che cura la carie

Una nuova scoperta rivoluzionaria nel settore dell’igiene dentale, è stata fatta dallo scienziato giapponese Kazuo Jmagashi.

Grazie a un nuovo dentifricio, sarà molto semplice e indolore curare i fori e fessure dentali e oltretutto esso potrà rigenerare lo smalto dei denti, senza la necessità di andare dal dentista.

Nella sua composizione è simile allo smalto dei denti e può essere applicato direttamente sulle carie dentali. Questo materiale è il risultato di molti esperimenti con idrossiapatite – principale composto del dente.

In principio, l’acido in questa sostanza scioglie facilmente la superficie dello smalto danneggiato. Dopo tre minuti, la pasta cristallizza e le sostanze artificiali sono incorporate nella struttura dello smalto naturale dei denti. Inoltre,…

Vai all’articolo