Onu: “Lockdown e chiusura delle scuole uccidono più bambini del Covid-19”

I funzionari delle Nazioni Unite citano uno studio in cui si è scoperto che i lockdown e la chiusura delle scuole uccidono più bambini del Covid-19.

Nuovi scenari sul COVID-19: dalla pandemia un'impennata nella ...

I funzionari delle Nazioni Unite hanno citato uno studio che rivela che i lockdown e le chiusure delle scuole stanno causando più danni ai bambini rispetto al coronavirus stesso (che tra i bambini non ha causato propio niente!), con molte più morti derivanti dalla reazione alla pandemia, piuttosto che per la stessa.

In una presentazione tenutasi per una raccolta di fondi extra per il coronavirus, la direttrice dell’UNICEF, Henrietta H. Fore, ha dichiarato lunedì: “Le ripercussioni della pandemia stanno causando più danni ai bambini rispetto alla malattia stessa”.

Victor Aguayo, capo del programma nutrizionale dell’UNICEF, ha osservato che il danno maggiore viene fatto “chiudendo le scuole, interrompendo i servizi di assistenza sanitaria di base, avendo programmi nutrizionali disfunzionali”.

I funzionari hanno indicato uno studio pubblicato su The Lancet che rileva che “l’allontanamento fisico, la chiusura delle scuole, le restrizioni commerciali e il lockdown dei paesi” stanno peggiorando la malnutrizione globale dei bambini.

Libri e varie...

Lo studio stima che un ulteriore 6,7 milioni di bambini saranno a rischio e che lockdown e altre risposte al coronavirus potrebbero portare a più di 10.000 decessi aggiuntivi ogni mese. I funzionari dell’UNICEF hanno fatto notare che entro il prossimo anno ciò significherebbe 128.000 morti in più tra i bambini.

Lo studio è il frutto delle ricerche dell’International Food Policy Research Institute (IFPRI) con sede a Washington e della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health. Conclude che le strategie di lockdown potrebbero portare a “impatti gravi sull’istruzione, a rischi di malattie croniche”, oltre a “conseguenze intergenerazionali per la crescita e lo sviluppo del bambino”.

Si dice che le stime “siano probabilmente prudenti, dato che la durata di questa crisi è sconosciuta e che i suoi impatti completi su cibo, salute e sistemi di protezione sociale devono ancora essere realizzati”.

Lo studio si collega ad altre ricerche che hanno concluso che gli aspetti negativi del lockdown sulla vita umana saranno 7 volte peggiori rispetto ai benefici.

L'allarme Unicef: il mondo rischia 6mila bambini morti in più ogni ...

Il governo tedesco ha concluso che l’impatto del lockdown del paese potrebbe finire per uccidere più persone del coronavirus, a causa delle vittime di altre gravi malattie che non ricevono cure. Nel Regno Unito ci sono già stati fino a 10.000 decessi a causa di persone gravemente ammalate che hanno evitato gli ospedali per il COVID-19. Un consorzio di analisti di dati in Sudafrica ha anche scoperto che le conseguenze economiche del lockdown del paese porteranno ad un tasso di mortalità 29 volte maggiore rispetto alle morti causate dal coronavirus stesso.

Centinaia di medici hanno affermato di essere contrari alle misure di lockdown, avvertendo che avrebbero causato più morti del coronavirus stesso. Mentre i globalisti sollecitano la necessità di continuare i lockdown, gli esperti medici ed economici in tutti i paesi avvertono che la perdita di vite umane sarà molto maggiore di quella causata direttamente dal virus stesso, se i lockdown non verranno eliminati.

Fonte originale: https://summit.news/2020/07/29/un-officials-cite-study-that-finds-lockdowns-school-closures-killing-more-children-than-covid/

Fonte: https://neovitruvian.com/2020/07/29/i-funzionari-delle-nazioni-unite-citano-uno-studio-in-cui-si-e-scoperto-che-i-lockdown-e-la-chiusura-delle-scuole-uccidono-piu-bambini-del-covid-19/

Libri e varie...
LE ARMI NASCOSTE DELLA MANIPOLAZIONE
Come smascherarle, disinnescarle e farne buon uso
di Christophe Carré

Le Armi Nascoste della Manipolazione

Come smascherarle, disinnescarle e farne buon uso

di Christophe Carré

“‘Manipolazione’, che brutta parola! Riconoscete con me che preferiamo ‘comunicare in modo efficace’, utilizzare delle ‘tecniche argomentative’ o delle ‘strategie d’influenzamento’, in modo onorevole naturalmente. Capita anche di usare la nostra ‘forza di convinzione’, di ‘affermare il nostro punto di vista’ o la nostra autorità, o altro ancora! Le parole hanno questo di piacevole, di permettere di imbrogliare le carte senza farsi accorgere.”
Christophe Carré

Perché siamo facilmente influenzabili? Perché finiamo con dire di sì? Quali sono le strategie più ingannevoli? Chi sono i manipolatori più pericolosi? Come evitare di cadere nella loro rete? E se noi stessi, senza nemmeno accorgercene, lo fossimo?

Per interesse, perversione o errore, ma spesso semplicemente a fin di bene, la manipolazione è ovunque. Perché tutti, in fondo, manipolano tutti!

A volte, non solo non ci rendiamo conto di essere manovrati, ma non siamo neppure consapevoli che noi stessi adottiamo strategie per influenzare ed esercitare un controllo sugli altri, per persuaderli in modo più o meno trasparente a pensare o fare ciò che vogliamo, magari senza cattive intenzioni o senza essere machiavellici. Perdiamo di vista che, nel gioco delle parti, carnefici, vittime e salvatori si alimentano e sostengono a vicenda.

Lo spiega bene Christophe Carré, uno dei maggiori esperti su questi temi, il quale, senza demonizzazioni e con grande perspicacia, esplora in questo libro le dinamiche e le modalità manipolatorie che ciascuno di noi – chi più, chi meno – sperimenta nel lavoro, nei rapporti di amicizia, in amore e nella relazione con i figli.

Lo fa integrando molteplici contributi delle scienze umane e della psicologia sociale, grazie ai quali suggerisce come riconoscere e scardinare il gioco della manipolazione, usarne con intelligenza gli strumenti, e imparare a comunicare e agire senza barare.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *