Modificato DNA equino attraverso l’intenzione focalizzata a distanza

Il gruppo Hayden ha “srotolato” la catena del DNA equino interagendo a distanza.

Il gruppo Hayden dell’Istituto Ricerca della Coscienza ha ottenuto risultanti importanti attraverso l’intenzione focalizzata su un DNA equino. L’esperimento è avvenuto lo scorso 10 giugno alle ore 17.00 con la coordinazione di Umberto Di Grazia, Presidente dell’I.R.C., e del dott. Prof. Gagliardi, specialista in Genetica Medica e Scienza dell’Alimentazione.

Il gruppo ha interagito a distanza denaturando (srotolando) la struttura del DNA contenuto in una cuvetta collocata nella cella frigo a t=4°C, all’interno della sezione di Biologia Molecolare del laboratorio di Alimentazione e Ambiente di Roma.

I risultati, messi a confronto con quelli del DNA contenuto all’interno della cuvetta non trattata, hanno evidenziato uno srotolamento significativo del DNA e la tecnica messa a punto risulta altamente ripetitiva; poiché il DNA è contenuto in qualsiasi cellula, il gruppo con questa tecnica può produrre potenzialmente modificazioni anche sulle cellule e/o tessuti umani.

Il gruppo composto da 150 persone i cui componenti (di Lombardia, Emilia Romagna, Toscana, Campania, Puglia e Sicilia) attivi singolarmente, rilassati e in piena sintonia cuore/cervello, attraverso le tecniche di focalizzazione e/o meditazione, hanno interagito positivamente con la struttura del DNA (con l’intenzione di srotolarlo) determinando sostanziali modifiche altamente significative dal punto di vista statistico.

Si è dimostrato l’effetto “non locale”, cioè non dovuto a forze o leggi fisiche normalmente conosciute; il gruppo infatti era dislocato in diverse regioni del’Italia. L’effetto di denaturazione del DNA (srotolamento) è stato rilevato già alle 16:50 dieci minuti prima dell’inizio dell’esperimento avvenuto alle ore 17:00, e ha ottenuto il picco alle ore 18.00, trenta minuti dopo la fine del test… L’effetto denaturante è risultato stabile per almeno 24 ore.

I risultati sono paragonabili a quelli ottenuti in data 4.12.2014 con un gruppo di 50 persone che agivano separatamente a distanza. Il Gruppo Hayden ha dimostrato che la tecnica da remoto con effetti “non locali” risulta non solo ripetibile ma con effetti simili sul DNA. Non è importante, quindi, “agire” tutti nella medesima ora che viene indicata; nel momento stesso in cui prendiamo conoscenza dell’esperimento, qualcosa in noi inizia a muoversi e questo elemento non è facilmente rintracciabile, allo stato attuale della ricerca se non per la sua azione sull’obbiettivo dei test.

Questo è l’ultimo di una serie di esperimenti iniziati circa 3 anni fa; lo scopo del lavoro è quello di evidenziare un possibile effetto a distanza su matrice biologica (biological nonlocality). Attualmente si possono distinguere due generi di non località: una legata alla non località della meccanica quantistica e degli stati delle particelle subatomiche “entangled” (Schrӧedinger 1983) e l’altra sull’utilizzazione biologica della non località quantica (Josephson and Pallikari-Viras 1991).

Diversi sono stati gli esperimenti effettuati sulla non località biologica (Duam and Behremdt 1965, Grimberg-Zyberbaum at all 1994) utilizzando la fotostimolazione e gli effetti non locali sull’elettroencefalogramma.

Tutti i nostri test (8 in circa 2 anni) hanno evidenziato:

  • Una stretta correlazione tra l’intenzione espressa dai componenti dei gruppi e gli effetti prodotti a distanza sul DNA;

  • Gli effetti sul DNA si sono evidenziati generalmente prima che i gruppi esprimessero la loro intenzione;

  • L’ultimo test è stato il più completo, sia per le modalità di esecuzione che per i dati prodotti.

  • Si è dimostrato ampiamente la non località biologica tra l’intenzione e la modificazione prodotta sul DNA;

  • Precedentemente l’Istituto Heart-Math (2003) ha effettuato uno studio simile su singoli individui che utilizzando una tecnica di focalizzazione sul cuore (Institute of Heart-Math Publication n°03-008 Boulder Creek Ca 2003) ha evidenziato effetti simili confrontando gli spettri di assorbimento del DNA precedentemente denaturato e subito dopo l’intenzione;

  • La tecnica messa a punto da Umberto Di Grazia (Visualizzazione/focalizzazione/non mente) nella formulazione dell’intenzione potrebbe essere utilizzata a fini salutistici.

Umberto di GraziaL’Istituto Ricerca della Coscienza
L’Istituto di Ricerca della Coscienza fondato da Umberto di Grazia è il centro di indagine multidimensionale, dove si sperimentano e promuovono le Tecniche dell’Unione e del Risveglio®, la Ricerca Psichica e quella per una migliore qualità della vita.
Nasce per trovare un punto di incontro tra tecniche, terapie energetiche, fenomeni inconsueti e la ricerca scientifica; costituire quindi una base dalla quale partire per esplorare, attraverso un viaggio comune, chi e come siamo realmente e quale fine dare alla nostra esistenza in evoluzione.

Fonte: http://www.altrogiornale.org/modificato-dna-equino-intenzione-focalizzata-a-distanza/

Libri sull'argomento
La Rivoluzione del Cervello di Shigeo Haruyama
La Biologia delle Credenze di Bruce Lipton
 di Evelyn Elsaesser Valarino
Vedere Oltre la Luce di Pascal Voggenhuber
Bleep - Ma Che Bip Sappiamo Veramente? di Betsy Chasse, Mark Vicente, William Arntz
Il Vero Potere dell'Acqua di Masaru Emoto
L'ARTE DI CURARE CON LE PIETRE
Un manuale
di Michael Gienger

L'Arte di Curare con le Pietre

Un manuale

di Michael Gienger

Completo, preciso e facile, questo libro rappresenta un importantissimo contributo alla conoscenza dell'affascinante mondo dei minerali e delle loro proprietà terapeutiche.

Sono spiegati, per la prima volta in modo scientifico e sistematico, i principi sui quali si basa la "cristalloterapia", come i quattro fattori dai quali dipendono i poteri delle pietre: il tipo di genesi del minerale, la sua struttura cristallina, la sua composizione chimica e il suo colore.

Vi sono illustrati, inoltre, i sistemi per impiegare questo straordinario metodo terapeutico, grazie anche alle schede che riportano le caratteristiche e le proprietà curative dei principali minerali, dall'Acquamarina allo Zircone.

Nella prima e seconda parte, l'autore presenta con chiarezza i fattori dai quali dipendono le proprietà terapeutiche dei minerali. Questi sono fondamentalmente quattro:

  • il tipo di genesi del minerale;
  • la sua struttura cristallina;
  • la sua composizione chimica;
  • il suo colore.

La comprensione di come questi quattro fattori interagiscono fra di loro permette di individuare le caratteristiche terapeutiche di qualsiasi pietra, cristallo o minerale.

La terza parte del libro contiene numerose schede, nelle quali vengono riportate le proprietà terapeutiche dei principali minerali, ai vari livelli dell'essere umano: fisico, psicologico, mentale e spirituale.

Il libro è inoltre ricco di magnifiche foto a colori delle pietre e dei minerali.

"Minerali e rocce, sebbene non possano ovviamente modificare le nostre profonde inclinazioni, possono però aiutarci a svilluparne e dispiegarne il potenziale complessivo."

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *