L’Europa non farà mai un Regalo all’Italia

di Davide Gionco

L’Europa non farà mai un regalo all’Italia. Da molti anni siamo abituati alle sensazionali notizie sulla “pioggia di miliardi dall’Europa” che dovrebbero dissetare le aride terre d’Italia. Ma se guardiamo ai dati reali la storia è un po’ diversa.

Fondi Ue: Bruxelles frena sull'uso di React-Eu per la decontribuzione al Sud - Il Sole 24 ORE

Abbiamo costruito dei grafici partendo dai dati ufficiali di bilancio relativi ai fondi versati dall’Italia all’Unione Europea ed ai fondi erogati dall’Unione Europea all’Italia. Prendendo in considerazione i dati dal 1994 (poco dopo l’entrate in vigore del Trattato di Maastricht) e il 2019, la rappresentazione è quella che segue.

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/f-gionco-1.png

Dopo 25 anni il conto netto è che l’Italia ha erogato, a fondo perduto, quasi 113 miliardi di euro all’Unione Europea!

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/foto-gionco-2.jpg

Abbiamo rappresentato gli stessi dati mettendo in evidenza il valore cumulativo nel tempo:

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/foto-gionco-3.jpg

Dobbiamo anche tenere conto del fatto che 2,3 miliardi netti erogati alla UE nel 1994 corrispondono a 3,7 miliardi del 2019, in quanto nel 1994 l’indice dei prezzi era più basso di oggi. Abbiamo quindi ricalcolato la tabella tenendo conto dell’indice ISTAT di rivalutazione dei prezzi:

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/foto-gionco-4.png

Ci avevano detto che nel medio-lungo termine avremmo avuto grandi vantaggi dalla nostra adesione all’Unione Europea. Sono passati 25 anni, ma i risultati sono stati molto diversi da quelli promessi. Peraltro che cosa ci si dovrebbe attendere da una “impresa” che per 25 anni taglia gli investimenti e la spesa corrente, per fare donazioni a fondo perduto a delle “imprese” concorrenti?

Nessuno vuole negare l’importanza etica della solidarietà fra paesi più ricchi e paesi più poveri, anche a livello continentale. Ma allora ce lo avrebbero dovuto dire: l’Unione Europea non era un progetto politico per lo sviluppo economico comune dei paesi europei, ma era un fondo comune per trasferire denaro ai paesi più poveri, per farli uscire dalla povertà, al prezzo del “nostro” impoverimento. È una proposta politica che potrebbe avere un senso, ma ce lo avrebbero dovuto spiegare e chiedere la nostra approvazione, cosa che, invece, non è mai accaduta.

Dopo 25 anni e più di Unione Europea l’Italia sta scalando le classifiche della povertà, oramai solo dietro Romania, Bulgaria e Grecia.

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/foto-gionco-7.jpg

La povertà è quasi triplicata negli ultimi 15 anni. E non disponiamo ancora dei dati, certamente catastrofici (basta leggere il Rapporto Caritas 2020) del 2020, con i danni economici causati dal coronavirus, a cui il governo non ha voluto rispondere adeguatamente. Diciamo che forse non è l’Italia il paese ricco che doveva aiutare, a sue spese, i paesi poveri a crescere economicamente.

https://www.sovranitapopolare.org/wp-content/uploads/2020/12/foto-gionco-8.png

Ora ci annunciano la “pioggia di miliardi” del Recovery Fund che, al netto dei prestiti, potrebbero significare, finalmente, un attivo di 5-6 miliardi di euro fra quanto l’Italia paga e quanto riceve, sempre che le quote da pagare non aumentino a seguito della Brexit. Questo se tutto va bene. Ma non chiamiamola “pioggia di miliardi”.

Europa, ecco quanti soldi ha versato l'Italia ai vari fondi - Il Paragone

Se pioggia di miliardi c’è stata, lo è stata dall’Italia verso l’Europa. E ne abbiamo pagato molto caro il conto.

Articolo di Davide Gionco

Fonte: https://www.sovranitapopolare.org/2020/12/26/pioggia-di-miliardi-italiani-sulleuropa/

Libri e varie...
KRYON - LA RICALIBRAZIONE DELL'UMANITà
di Lee Carroll, Kryon

Kryon - La Ricalibrazione dell'Umanità

di Lee Carroll, Kryon

Il Tredicesimo Libro di Kryon destinato all'umanità

Con la fine del 2012 e l'inizio di un nuovo ciclo, l'umanità si appresta a manifestare i cambiamenti che erano stati predetti sin dall'antichità.

Cosa ci attende ora?
In che modo le promesse di un futuro migliore possono avverarsi?

Questo è il tredicesimo libro di Kryon, l'entità angelica canalizzata da Lee Carroll da oltre 23 anni. Questo volume raccoglie alcune risposte a queste domande.

Kryon ci dice che negli ultimi anni prima del 2012 ha avuto inizio una "ricalibrazione dell'umanità". L'umanità ha incominciato a osservare se stessa e i suoi valori di riferimento con una maggiore consapevolezza e questo porterà a importanti cambiamenti nella sua visione della realtà e dello scopo della vita.

Questo è l'inizio di una nuova era, dove anche le "regole" che per secoli sono state accettate vengono riconsiderate e aggiornate per applicarsi al nuovo paradigma che sta emergendo. 

A questa ricalibrazione è soggetto ogni aspetto dell'Essere Umano, dal suo sé più profondo ai suoi rapporti con la Terra, l'economia, la religione e la conoscenza sia scientifica che spirituale; ed anche la sua comprensione riguardo a molti temi che sembravano ormai consolidati, come il karma, le vite passate, la dualità luce/tenebre, l'universo stesso.

"Stiamo iniziando una totale ricalibrazione di tutto ciò che conosciamo.
Tutto"
Kryon

Indice

Introduzione - di Lee Carroll

Capitolo 1. La ricalibrazione dell'essere umano 
Capitolo 2. La ricalibrazione della conoscenza 
Capitolo 3. L'esperienza della canalizzazione - Lee Carroll
Capitolo 4. La ricalibrazione dell'universo 
Capitolo 5. La ricalibrazione di luce e buio 
Capitolo 6. La ricalibrazione dei "dovrei"
Capitolo 7. La ricalibrazione della libera scelta 
Capitolo 8. La ricalibrazione di gaia 
Capitolo 9. La ricalibrazione di sé – parte I
Capitolo 10. La ricalibrazione di sé – parte II
Capitolo 11. La ricalibrazione di sé – parte III
Capitolo 12. La ricalibrazione della griglia cristallina 
Capitolo 13. L'elusività dell'akasha
Capitolo 14. I tre venti 

Pensieri conclusivi

La ricalibrazione dell'essere umano

Questa è la prima canalizzazione del 2012, e con questa Kryon inizia a descrivere come ci sentiremo da questo momento in poi.

Anche se l'anno 2013 è la linea di demarcazione da cui tutto ciò ha inizio, Kryon ci vuol far sapere con largo anticipo cosa ci aspetta. Da parte mia, non avevo mai veramente pensato che l'energia potesse essere molto diversa fin quando non sono entrato nel 2013 e le cose hanno cominciato a cambiare.

Fu proprio a motivo di queste canalizzazioni del 2012 che feci una cosa che non avevo mai fatto prima: decisi di cancellare l'evento principale del 2013, la Kryon Summer Light Conference. E ora so perché.

Per continuare a leggere, clicca qui:
> La ricalibrazione dell'essere umano - Estratto da "La Ricalibrazione dell'Umanità" di Kryon

Spesso acquistati insieme

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.