Le cose non dette che ammalano il nostro corpo

Spesso abbiamo dei dolori al corpo che non sappiamo da dove possano provenire: si pensa di aver preso un colpo d’aria, ma in realtà si trattano di veri e propri blocchi emotivi e il dolore è la risposta fisica a questa condizione perché coinvolgono il sistema nervoso autonomo e forniscono una risposta vegetativa a situazioni di disagio psichico o di stress.

<b>Spesso abbiamo dei dolori al corpo che non sappiamo da dove possano provenire: si pensa di aver preso un colpo d’aria, ma in realtà si trattano di veri e propri blocchi emotivi e il dolore è la risposta fisica a questa condizione perché coinvolgono il sistema nervoso autonomo e forniscono una risposta vegetativa a situazioni di disagio psichico o di stress.</b>
L’ansia, la sofferenza, le emozioni troppo dolorose per poter essere sentite e vissute, trovano una via di scarico immediata nel corpo, ma imparando e riconoscendo questi malesseri psico-fisici, è possibile cercare di risolverli e riprendere la strada corretta delle nostre emozioniL’ansia, la sofferenza, le emozioni troppo dolorose per poter essere sentite e vissute, trovano una via di scarico immediata nel corpo, ma imparando e riconoscendo questi malesseri psico-fisici, è possibile cercare di risolverli e riprendere la strada corretta delle nostre emozioni.

A seconda del punto del corpo che duole, esiste una risposta emotiva, e il dolore è curabile individuando la situazione o i sentimenti che ci bloccano. Un dolore al collo rispecchia quello che non diciamo, un dolore alle caviglie invece rappresenta la voglia di andare avanti o il desiderio di sfuggire alla realtà, un dolore allo stomaco è il classico sintomo del non “digerire” le situazioni che viviamo e la rabbia.

Se il dolore si manifesta sulla schiena di solito è legato alle preoccupazioni economiche o anche alla sensazione di mancanza di aiuto da parte di qualcuno, se il dolore si diffonde sulla parte alte della schiena e sulle spalle è invece sintomo di un lavoro che per noi è “troppo” pesante, di incarichi onerosi che non ci spettano.

Un dolore alle cosce indica che abbiamo paura di non soddisfare le richieste altrui, aspettative che non siamo in grado di portare a termine; le ginocchia doloranti sono sintomo di orgoglio ferito, mentre il dolore alla fronte indica che affrontiamo il mondo nella maniera sbagliata. Una cefalea può indicare il bisogno di allentare il controllo razionale e smettere di tenere sempre tutto sotto controllo, e indica inoltre il desiderio di lasciare spazio all’intuizione.

Le eruzioni cutanee possono rivelare che non si hanno chiari i propri confini e che per difendersi si cerca di tenere lontani gli altri o al contrario si ha voglia di tenerli più vicini quando non se ne ha la possibilità. Sintomi respiratori come asma, affanno, iperventilazione, respiro corto, possono indicare mancanza di gioia di vivere o paura di morire.

La stitichezza indica un attaccamento eccessivo ai beni materiali o la paura di esporre il proprio inconscio e le proprie emozioni, mentre la colite opprime chi non riesce a reprimere la propria rabbia e la propria aggressività, cosa che poi porta a sensi di colpa che somatizzano a livello intestinale. Anche le vaginiti e le cistiti possono essere sintomo di un’emotività fallata, ansia e irritabilità da una parte e remissione dall’altra. E  per finire il dolore al petto o al cuore è sintomo di problematiche emotive basilari, relative agli affetti primari.

RabbiaSostanzialmente è dimostrato che se la nostra mente sta bene, allora anche il nostro corpo sta bene. Cercare di trovare pace, armonia ed equilibrio può essere quindi la strada giusta per guarire dai dolori psico-somatici.

Un esempio classico di questo processo è il risentimento, che covato in sé provoca seri malesseri, profondi e difficili da sradicare, fino a far risultare difficili le relazioni con la persona che ci ha offesi e a sfociare in malattie vere e proprie, come febbre o herpes. Di questa correlazione tra risentimento e malattie se ne è occupato Carsten Wrosch, dell’Università di Concordia (Canada), il quale ha stabilito che la rabbia porta ad avere problemi di cardiopatie ma non solo, ne viene coinvolto tutto il metabolismo, il sistema immunitario e le funzioni degli organi e si vanno a instaurare svariate malattie fisiche.

gettare le maschereLasciarsi andare alle emozioni è un modo sano per prevenire e curare il nostro corpo. Se pensiamo una cosa, quindi, diciamola pure… non somatizziamola per una paura di un rifiuto o di un abbandono, per paura di critiche e giudizi. Tutte queste emozioni represse causano, infatti, stress e squilibri emotivi che ammalano il nostro corpo. Se siamo arrabbiati con qualcuno diciamoglielo, spieghiamoci, se amiamo qualcuno facciamolo sapere, se vogliamo stare soli o se invece vogliamo qualcuno accanto, facciamoglielo capire. Non serve a niente tenerci tutto dentro.

Fonte: http://www.eticamente.net/53191/le-cose-non-dette-ammalano-il-nostro-corpo.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*