La Tirannia è servita!

di Saura Plesio (Nessie)

Quelle che una volta venivano liquidate come “teorie della cospirazione”, sono diventate realtà. La possibilità di eventuali arresti di massa da parte di sedicenti governi democratici è un’orrenda distopia non lontana dalla realtà… e nessuno muove un dito per impedirla.

Mercoledi 11 agosto La Verità ospitava un articolo di Gianfranco Amato dal titolo “Senza dissenso la tirannia è servita”. Un articolo non lungo, di malapena 5 colonnine che sintetizzava bene come magistratura, sindacati e intellettuali se ne stiano tutti silenti davanti alle libertà violate. Non pare si siano levate grida manzoniane di fronte all’obbligo degli operatori sanitari a sottoporsi al vaccino, facendo da cavie. Se la cavano molto male anche quelle categorie lavoratrici un tempo “protette” dalla Trimurti, come operai metalmeccanici. Landini della CGIL che avrebbe dovuto difenderli dall’obbligo (mascherato) vaccinale per il tramite della trappola verde, ha goffamente biascicato qualcosa sul fatto che non andrebbero espulsi né sanzionati i  lavoratori non vaccinati. Ah, sì? E che farà la Triplice quando questo avverrà? Uno scioperetto di 4 ore?

Rispondo io: se ne starà a guardare, dicendo che l’importante è la salute, la sicurezza e via banalizzando. Ma il peggio sta accadendo nelle scuole circa l’obbligo vaccinale mascherato e indotto (dal solito marchio verde) per gli insegnanti. Lì non solo non si è sentita la mitica Trimurti, ma nemmeno i sindacati autonomi di categoria come lo Snals e l’Ugl. Oltretutto i presidi si sono trasformati in delatori delle Asl, con  oscene proposte di compilazioni di “liste di proscrizione” di personale non vaccinato. Vi ricorda niente la cosa? È dei giorni scorsi la petulante comparsa televisiva del capo dei dirigenti scolastici (un tal Antonello Giannelli) in cerca di vanagloria, da sostituire alle Virostar & camici bianchi affini. E già si parla di obbligo vaccinale esteso agli alunni.

Passando al secondo storico “contropotere” (o presunto tale) dei magistrati ecco che cosa scrive Gianfranco Amato nel citato articolo: “Qui appare davvero impressionante l’appiattimento allo stato d’eccezione imposto dalla dittatura sanitaria. Sono sospese le garanzie costituzionali, lo stato di diritto, le libertà fondamentali, ma i giudici si ostinano a ad applicare decreti legge ingiusti e incostituzionali”.

Libri e varie...

E se anche si trovasse il fatidico giudice a Berlino, è ben raro che questo vada inimicandosi tutta la casta, pronto a immolarsi eroicamente per la verità. Del resto – sottolinea il giornalista – la storia dell’umanità sta a ricordarci che nessuna dittatura è caduta per un’azione della magistratura. D’altro canto, a toglierci ogni pia illusione, basta ricordare che il capo dello stato  Sergio Mattarella, già capo supremo del consiglio superiore della magistratura (CSM), è colui che ha proclamato. “vaccinarsi è un dovere morale e civile”. Esiste forse un giudice in grado di contraddirlo om punta di diritto?

Veniamo così alla categoria degli intellettuali. Giova qui ricordare che in Italia non esiste la figura dell’ “intellettuale scomodo” come in Francia, ma viceversa abbondano gli “intellettuali organici” nel senso gramsciano del termine. E cioè omologhi al partito della sinistra. Tuttavia, chiunque ha potuto vedere cosa è successo quando Giorgio Agamben e Massimo Cacciari hanno osato criticare le misure circa il certificato verde, evidenziando i rischi delle discriminazione tra cittadini di serie A e cittadini di serie B e puntualizzando come i “passaporti interni” siano sempre stati tipici delle dittature (Urss, DDR, Cina). Ecco allora che prontamente è stato sdoganato quell’Umberto Galimberti, penna di Repubblica, pronto a fare da controcanto, il quale non ha trovato di meglio che dare dei “narcisisti” ai due filosofi. E questo sarebbe un forte argomento di tipo filosofico?

Vorrei aggiungere agli eventuali contropoteri anche i giornalisti, ma non posso. In realtà essi sono in Italia, guardiani e pretoriani del Sistema, i quali in luogo di investigare e denunciare le storture e gli obbrobri sanitari, si sono trasformati in mestatori e monatti alla ricerca degli “untori”.  In sobillatori delle divisioni e delle discordie intestine. Hanno rinunciato a dare vere notizie, per creare falsi allarmi arrivando perfino ad effettuare “procurato allarme”, 24 h su 24, circa le presunte sale di rianimazione “strapiene”. Senza di loro, la dittatura sanitaria in atto, non avrebbe  mai potuto aver luogo. Unica eccezione è La Verità, che però è un’esile barchettina di carta in un mare in tempesta.

Potrebbero essere d’aiuto anche sindaci, governatori e amministratori locali, se solo si fossero schierati dalla parte dei cittadini, dei loro bisogni e del territorio, ma essi hanno scelto, per vigliaccheria, di fare i cacicchi e i capibastone della repressione. Per non parlare dei politici dell’oppofinzione” che quando eravamo soli, in preda alla depressione da segregazione, ai virus e alla disperazione, si sono completamente EVAPORATI.

Ma già, a che scopo ingraziarsi l’elettorato se intanto poi le elezioni non ci sono e se il Parlamento è diventato un optional? Inoltre, sposando appieno la narrazione del virus, non sanno e non vogliono vedere l’uso politico dell’Epidemia come nuovo Potere. 

Cittadini trasformati in eterni “pazienti” di un eterno Ambulatorio-Italia, senza nessun tipo di contropotere capace di arrestare e sanzionare i numerosi abusi, misfatti e crimini. Signori, la Tirannia è servita!

Articolo di Saura Plesio (Nessie)

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://sauraplesio.blogspot.com/2021/08/la-tirannia-e-servita.html

Libri e varie...
L'ISTITUTO TAVISTOCK
L'organismo occulto che governa le nostre menti - Controllo mentale e ingegneria sociale: gli oscuri meccanismi per sottomettere l'umanità
di Daniel Estulin

L'Istituto Tavistock

L'organismo occulto che governa le nostre menti - Controllo mentale e ingegneria sociale: gli oscuri meccanismi per sottomettere l'umanità

di Daniel Estulin

Conoscete l'Istituto Tavistock?

Situato nell'omonima cittadina nella contea del Sussex in Inghilterra, è considerato come il massimo centro mondiale delle attività di controllo mentale e di ingegneria sociale.

Il famoso giornalista investigativo Daniel Estulin ci rivela l'esistenza di questo organismo creato per controllare il destino di tutto il pianeta e per cambiare la società contemporanea. 

In questo libro rivoluzionario, Estulin svela l'origine e il modus operandi dell'Istituto, chi lo governa, quali sono i suoi obiettivi e come influenza noi tutti - le vere vittime ignare - durante la nostra vita quotidiana.

Siamo veramente tutti in pericolo?

Veniamo esposti ogni giorno agli oscuri meccanismi creati da un gruppo di psicologi, psichiatri e antropologi pagati dall'oligarchia internazionale che controlla il mondo per favorire i propri interessi.

Dalla musica alla contro-insorgenza, dalla droga alla televisione, ascolta i consigli di Daniel Estulin per capire come difenderti ogni giorno dall'Istituto Tavistock, combattere i suoi metodi ed essere finalmente libero da ogni controllo mentale.

Anteprima - L'Istituto Tavistock - Daniel Estulin

La località Tavistock, situata nella contea del Sussex (Inghilterra), è il centro mondiale delle attività di lavaggio di massa dei cervelli e di ingegneria sociale. Dopo un inizio alquanto approssimativo a Wellington House [edificio sede dell'ufficio di propaganda britannico; N.d.T.], si sviluppò una sofisticata organizzazione, che doveva influenzare il destino dell'intero Pianeta e allo stesso tempo cambiare il paradigma della società moderna.

In questo lavoro rivoluzionario, che avrà senza dubbio l'effetto di un'esplosione nucleare di cinquecento chilotoni, scopriamo tanto la rete di Tavistock quanto i metodi di lavaggio del cervello e di guerra psicologica; metodi che, proprio mentre ne parliamo, vengono adattati per essere applicati a progetti di ingegneria sociale su vasta scala.

Continua a leggere: > Anteprima - L'Istituto Tavistock - Daniel Estulin

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *