La Quarta Dimensione

matrioska.jpgTutti noi, in un modo o nell’altro abbiamo sentito parlare della Quarta Dimensione. Ma che cos’è?

Tre dimensioni le conosciamo così come ce le hanno insegnate a scuola.

– il punto – senza dimensione
– la linea – 1 dimensione
– il piano – 2 dimensioni
– il solido – 3 dimensioni
Entrare in una nuova dimensione, significa muoversi in una nuova direzione. Un punto muovendosi nello spazio, in una direzione diversa da se stesso, uscendo da se stesso, lascia la traccia del suo movimento come una linea.

Una linea muovendosi nello spazio, in una direzione diversa da se stesso uscendo da se stessa, altrimenti si prolungherebbe solamente, lascia la traccia del suo movimento come un piano.

Un piano muovendosi nello spazio in una direzione diversa da se stesso, uscendo da se stesso, lascia la traccia del suo movimento come un solido.

Per conseguenza quando un solido muovendosi nello spazio in una direzione diversa da se stesso, quindi fuori da se stesso, lascia la traccia del suo movimento nella quarta dimensione. Per noi, esseri tridimensionali è difficile comprendere cosa sia la Quarta Dimensione, dovremmo uscire da noi stessi per comprendere questo concetto.

Ma proviamoci ancora, sempre con il ragionamento. Sappiamo che una linea è delimitata da punti, è la distanza fra due punti… che un piano è delimitato da linee, è la distanza fra linee… che un solido è delimitato da piani, è la distanza fra piani… Quindi la Quarta Dimensione è delimitata dai solidi ed è la distanza fra due solidi. Quindi è più che possibile che lo spazio a quattro dimensioni sia la distanza fra un certo numero di solidi, separati, ma allo stesso tempo collegati in un intero, ancora poco conosciuto… Questi solidi ci sembrano separati, ma in realtà sono collegati.

Proprio come una linea è costituita da più punti o un piano è costituito da più linee o un solido è costituito da più piani, così lo spazio quadri-dimensionale è costituito da più solidi interconnessi tra loro.

Un esempio calzante può essere quello dei rami di uno stesso albero… Ogni ramo è a sè stante e forse non sa di essere collegato a tutti gli altri… dal tronco… Così noi esseri viventi siamo tutti indipendenti, ma non sappiamo di essere tutti collegati da un qualcosa… Ora che cos’è questo campo uniforme, se non pura energia? Quell’energia che costituisce tutte le cose e si differenzia nelle diverse forme? Non siamo tutti creati dalla stessa matrice?Abbiamo visto le 3 dimensioni dello spazio. Ma quali sono le dimensioni del tempo?

  • Il momento presente (punto, senza dimensione). Abbiamo la percezione del punto, a-dimensionale… il momento presente, l’adesso, l’ora. Questo momento sempre sfuggente, che difficilmente riusciamo a percepire perchè subito diventa passato… Questo momento di transizione tra ciò che non è più e ciò che deve ancora essere.
  • Lo scorrere del tempo (linea, una dimensione). Diversi momenti presenti, uno in seguito all’altro costituiscono la linea del tempo, quella linea che contraddistingue, ad esempio la nostra vita, dal momento della nascita fino alla morte. Si chiama infatti proprio la linea del tempo. In PNL esistono tecniche di cambiamento che sfruttano proprio la Time-Line, il susseguirsi di eventi nel tempo. Il tempo quindi è un movimento continuo di momenti (statici), il tempo è movimento, la nostra percezione del movimento è determinata dal tempo. Ma dove si trovano il passato ed il futuro? Ma è vero che ci si può muovere nel passato e nel futuro? Questo io non lo so, ma ragionanando possiamo dire che esiste uno “spazio” in cui vi sono passato, presente e futuro (la Quarta Dimensione?). La Quarta Dimensione è quella in cui spazio e tempo coincidono?
  • Il piano temporale (piano, due dimensioni) o Quinta Dimensione o eternità. E se ogni momento è eterno, allora è come se ogni momento fosse costituito non da un punto ma da una linea perpendicolare alla linea del tempo. Tutte queste linee perpendicolari, vanno a costituire il Piano Temporale dell’Eternità.
  • Il tutto… (solido, tre dimensioni). Se supponiamo di prendere un piano costituito da infinite linee temporale una a fianco all’altra ed ognuna con la sua perpendicolare di momento eterno… abbiamo uno spazio tridimensionale costituito dal tutto… dall’Universo Assoluto?

spacetime.gifTutto cambia, tutto si muove… Il corpo tridimensionale è un corpo statico, una sezione del corpo quadrimensionale, che si muove nel tempo. Ora, sappiamo che la nostra vita nel complesso costituisce uno spazio quadrimensionale. Nella Quarta Dimensione tutto è movimento, un flusso continuo. Il nostro corpo cambia di continuo, ogni secondo, dalla nascita alla morte… Solo qualcosa, di impercettibile cambia, la nostra matrice… cambia il nostro aspetto, cambia la struttura muscolare, la pelle, i capelli, la postura, la mente e le emozioni… tutto cambia… Rimane immutabile solo l’essenza vitale, il doppio eterico, costituito da sostanze molecolare ad altissima vibrazione, che non riusciamo a percepire… dalla nascita alla morte, l’essenza vitale è immutabile, non invecchia, non è soggetta al mutare del corpo, delle emozioni e dei pensieri.

Ma torniamo alla nostra percezione delle dimensioni e dello Spazio-Tempo, che come abbiamo visto, non sono due cose differenti.
Tutto dipende dalla nostra percezione. Così l’uomo è al centro di questo universo, perchè è la nostra percezione, il nostro punto di vista umano che conta per noi.

“Come in Cielo così in Terra”… La Scienza Segreta ci dice che esiste un ordine, una gerarchia di cose fatte nella stessa immagine (Dio creò l’uomo a sua immagine e somiglianza), ognuna formata da un’infinita ripetizione di cose più piccole. Una specie di enorme “matrioska”.
E così nella scala abbiamo la galassia, il sole, la terra, la natura, l’uomo, la cellula, le molecole e gli elettroni. Ognuno di questi elementi è un cosmo (un ordine) ed ognuno di questi possiede 6 dimensioni.
La dimensione non è altro che la nostra percezione… Siamo noi che possiamo percepire la terza, la quarta, la quinta o la sesta dimensione… a seconda del nostro livello di percezione.

Fonte: http://www.scienzasegreta.it/

Libri sull'argomento
Effetto Osservatore di Massimiliano Sassoli De Bianchi
Le Mie Invenzioni di Nikola Tesla
Il Lato Nascosto delle Cose di Charles W. Leadbeater
Il Codice Ermetico del Dna di Michael Hayes
La Rivoluzione del Cervello di Shigeo Haruyama
La Profezia di Celestino di James Redfield
DALLA TERRA AL PANE
Tecniche e ricette di panificazione moderna
di Fulvio Marino

Dalla Terra al Pane

Tecniche e ricette di panificazione moderna

di Fulvio Marino

Le farine, il lievito, le tecniche e i segreti per fare il pane (e altri lievitati). Perché il pane è o non è il cibo più buon del mondo?

Arriviamo da un anno nel quale tutti noi ci siamo dilettati con esperimenti di pane fatto in casa. Questo libro ci spiegherà come si scelgono le farine, quando una farina è buona e adatta per il lievitato che vogliamo fare, che si tratti di pane, focaccia o pizza.

Un libro di ricette di grande successo e molto richieste anche grazie alla pandemia (sob!) che ci ha tutti chiusi in casa a sfornare.

Fulvio Marino è un rappresentante della terza generazione di Mulino Marino, un mulino specializzato in farine da grani antichi. Fino a poco fa lavorava nel commerciale e nella formazione dei fornai e dei panettieri, per poi dirottarsi con grandissimo successo verso un nuovo percorso televisivo, fornendo ricette di pani e lievitati, tutti con grani e farine selezionate, prestando grande attenzione all'origine degli ingredienti e alle tecniche di cottura. Oggi riversa tutte le sue conoscenze in questo libro.

Dalla quarta di copertina

C'è chi considera la panificazione una scienza esatta. Un mondo governato da regole precise e immutabili. Ma così non è. Perché è solo l'esperienza che ci forma. Sono gli errori incontrati lungo il percorso a insegnarci come maneggiare un impasto, a farci capire a quali temperature infornare il pane e il modo migliore di utilizzare il lievito madre.

Perciò questo libro è un manuale pronto all'uso. Per chi è alle prime armi e si vuole addentrare nel mondo di farine e lieviti, ma anche per chi quel mondo lo conosce bene.

Si tratta di un viaggio, da compiere insieme, che parte dalle basi e arriva agli argomenti più complessi, incontrando lungo il percorso tecniche da utilizzare, lievitati inediti, pani regionali e grandi classici internazionali, rivisitati per renderli riproducibili a casa. Grazie ai tre capitoli - livello base, medio e avanzato - potrete immergervi in trucchi da applicare poi anche alle vostre ricette.

Perché l'unico segreto, alla fine, è che non ci sono segreti. La chiave sta solo nella voglia d'imparare e nella curiosità. Buon viaggio!

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *