Gli Scienziati avvertono: l’Universo potrebbe essere distrutto in una Collisione Catastrofica con una bolla di “Energia Negativa”

Come pubblicato sulla rivista scientifica Physical Review D., secondo un nuovo studio, l’Universo in cui viviamo potrebbe essere improvvisamente distrutto in una collisione catastrofica con una bolla di “energia negativa”, dicono gli scienziati di Harvard, avvertendo che questo processo potrebbe essere già iniziato, senza che noi ce ne accorgiamo.
Gli scienziati spiegano come una particella fondamentale che dà massa a tutta la materia contenuta nell’universo potrebbe un giorno causarne la distruzione. Gli astrofisici avvertono che il nostro universo potrebbe essere improvvisamente distrutto, poiché la famosa particella del bosone di Higgs, scoperta nel 2012 dopo più di cinquanta anni di persecuzioni scientifiche, ha il potere di porre fine all’esistenza dell’Universo in cui viviamo.
Non solo, ma il processo potrebbe essere già iniziato senza che nemmeno noi ce ne accorgiamo. In effetti, c’è la possibilità che questa particella si sia accasciata su se stessa in un angolo lontano del cosmo, producendo una bolla di energia del vuoto in espansione che finirebbe per inghiottirci tutti. Questa autentica apocalisse cosmica, è descritta in un articolo pubblicato di recente su Physical Review. La fine dello spazio e del tempo non è un concetto estraneo alla fisica…

Vai all’articolo

Il suono “Hu” che pervade l’Universo

Noi lo conosciamo come “Om”. Esso è stato descritto fin dai tempi più remoti nei testi sacri di molte religioni.
In particolare nei Veda esso è chiamato “Nada”, dai sufi “Saut-e Sarmad” e nel Vangelo, Giovanni lo descrive come il “Verbo”. Questo è il Suono Hu, un antico nome di Dio, ma è anche il Suono che ha creato l’universo e che pervade tutto ciò che esiste, noi compresi.
I sufi, i sikh, gli eckisti lo usano nelle loro preghiere e nei loro riti quotidiani. Questo Suono che pervade il cosmo è stato recentemente registrato anche dalla Nasa, attraverso moderni strumenti.
Il suo canto è diffuso oggi nel mondo da “Eckankar” (nuovo movimento religioso di derivazione induista) a beneficio di tutti; chiunque infatti può usarlo, indipendentemente dalla religione seguita. Esso non cambia la propria fede ma la rende più profonda. Se cantato per venti minuti al giorno, la nostra coscienza gradualmente si espande, permettendoci di entrare in contatto con tutto ciò che esiste…

Vai all’articolo

Da dove prevengono gli atomi del nostro corpo

Molto tempo fa, gli atomi del tuo corpo erano sparsi per migliaia di miliardi di chilometri nello spazio.
Miliardi di anni fa nulla faceva pensare che un giorno si sarebbero configurati a formare i tuoi occhi, la tua pelle, le tue ossa, o gli 86 miliardi di neuroni del tuo cervello.
Molti di questi atomi provengono dalle profondità di una stella o di molte stelle, separate da molte altre migliaia di miliardi di chilometri.
Quegli atomi sono stati nel guscio di una triploide, forse di miliardi di triploidi. In milioni di miliardi di batteri.
Da allora sono stati nelle zampe, nelle ali, nel sangue dei più svariati animali.
Alcuni hanno fluttuato negli occhi di creature che scrutavano i paesaggi di 100 milioni di anni fa.
Altri si sono poi ritrovati nel tuorlo di uova…

Vai all’articolo

Scoperto Passaggio spazio temporale al centro della Via Lattea

Un buco nero al centro della Via Lattea costituirebbe un passaggo spazio temporale verso un nuovo universo.
Incredibile scoperta di un possibile passaggio spazio temporale che dalla Via Lattea porta a un altro universo. Lo hanno scoperto due scienziati, l’italiano Cosimo Bambi e il cinese Zilong Li, che lavorano per la Fudan University di Shangai. Secondo i due ricercatori, al centro della nostra galassia vi sarebbe un buco nero, che non si limiterebbe solo a risucchiare corpi celesti, ma costituirebbe una sorta di passaggio spazio temporale verso altri universi, che potrebbero essere simili o completamente diversi rispetto a quello da noi conosciuto…

Vai all’articolo

L’espansione dell’universo è il 10% più rapida del previsto

Un nuovo calcolo rimodella la teoria standard della fisica moderna.
Che l’espansione dell’universo fosse più rapida del previsto era un fatto già noto. La scoperta è che la velocità con la quale esso si espande è del 10% superiore a quella rilevata finora. La misura precisa, la più precisa mai ottenuta di questo fenomeno, è stata pubblicata sull’Astrophysical Journal.
Dopo circa un secolo dai primi calcoli della velocità di espansione dell’universo, il nuovo risultato apre nuovi scenari su un lato misterioso del cosmo, perché fornisce i primi indizi di una nuova fisica, ovvero di una fisica le cui regole non corrispondono più a quelle previste dal “Modello Standard”, attuale teoria di riferimento.
Uno studio da Nobel

Vai all’articolo

Quel Lampo di Luce che si verifica durante il concepimento!

Lampo di Luce nell'istante del concepimento

di Massimo Fratini
Un team di ricercatori della Northwestern University di Chicago (USA), ha catturato immagini sensazionali, relativi a veri e propri “fuochi d’artificio” che si verificano quando uno spermatozoo entra nella cellula uovo (o ovulo), vale a dire nel momento preciso in cui inizia una nuova vita umana.

Gli scienziati hanno scoperto che nel momento esatto in cui avviene il concepimento, si manifesta un “lampo di luce”. Secondo lo studio pubblicato sulla rivista ‘Scientific Reports’, questo flash di luce sarebbe causato da una reazione chimica, ovvero, si…

Vai all’articolo

Tu sei nell’Universo ed esso è dentro di te

illusione della materia

di Valentino Rocchi
Le religioni sostengono la stessa cosa: chi ha creato l’universo ha pensato che tutte le forme di vita, dai minerali alle più elementari molecole organiche, dalle cellule ai vegetali, dagli animali fino agli esseri pensanti, possano essere in grado di comunicare tra loro. Sembra un’affermazione banale, ma ora prova a pensare al tuo corpo: esso è rappresentato da miliardi di cellule che si manifestano in tutti gli organi, nella pelle, nelle ossa, nel sangue, nel sistema nervoso etc.
Queste cellule sono in equilibrio tra loro e comunicano continuamente. Sono in…

Vai all’articolo

E se l’Universo fosse un grande organismo vivente?

universo organismo vivente

Dal microbo più piccolo al mammifero più grande, l’uomo è convinto di riuscire a riconoscere la vita. Ma potrebbe esistere anche su scala molto più grande, diciamo a “livello cosmico”, in cui i pianeti fungono da cellule e i buchi neri da DNA dello spazio? I segreti del cosmo potrebbero risiedere nella biologia invece che nella fisica? Insomma, l’Universo è vivo?

Cosa rende vivo un organismo? Cosa ci rende diversi da un sasso o da un robot? È il battito del cuore? Sono i pensieri che abitano la nostra mente? O per il fatto che nasciamo, cresciamo e moriamo?

Alcuni scienziati…

Vai all’articolo

E se Dio fosse un matematico?

spirale aurea

L’introduzione del linguaggio matematico nella ricerca del significato della realtà, ha spinto molti filosofi e matematici ad ipotizzare che ci troviamo a vivere in un “Universo Matematico”, nel quale tutte le strutture che esistono matematicamente esistono anche fisicamente.
Ciò solleva una questione di grande interesse: ma Dio ha la mente di un matematico?

Sin dai tempi più antichi, ha suscitato sempre una grande meraviglia l’esistenza della “Sezione Aurea”, o anche detta “Proporzione Divina”, espressione coniata da Frà Luca Pacioli, frate e matematico del XV secolo,…

Vai all’articolo

La Quarta Dimensione

matrioska

Tutti noi, in un modo o nell’altro abbiamo sentito parlare della Quarta Dimensione. Ma che cos’è?

Tre dimensioni le conosciamo così come ce le hanno insegnate a scuola.

– il punto – senza dimensione
– la linea – 1 dimensione
– il piano – 2 dimensioni
– il solido – 3 dimensioni
Entrare in una nuova dimensione, significa muoversi in una nuova direzione. Un punto muovendosi nello spazio, in una direzione diversa da se stesso, uscendo da se stesso, lascia la traccia del suo movimento come una linea.

Una linea muovendosi nello spazio, in una direzione diversa da se stesso uscendo da se stessa, altrimenti si prolungherebbe solamente, lascia la traccia del suo movimento come un piano.

Un piano muovendosi nello spazio in una direzione diversa da se stesso, uscendo da se…

Vai all’articolo