La Banalità del Male di Medici e Giornalisti. Il Male della Banalità degli “Ultracovid”

di Ruggero Arenella

“Il male sfida il pensiero, perché il pensiero cerca di raggiungere la profondità, andare alle radici, e nel momento in cui cerca il male, è frustrato perché non trova nulla”. H. Arendt

Sanità in Sicilia. I commissari dell'Asp sono illegittimi. Nuova grana per Musumeci

La grande macchina del capitalismo occidentale rassomiglia tanto a quella del Terzo Reich. Ciò che è stato fatto ai pazienti Covid è un crimine contro l’umanità. È una macchina che produce orrori, compiuti da persone, che obbediscono alle regole, eseguono degli ordini.

Prendete un anziano di 80 anni, che a Marzo 2019 si prendeva un’influenza. I’intervento del medico di base, che gli avrebbe prescritto comuni farmaci, gli salvava la vita. Dopo 15 giorni al massimo poteva tornare in forma e andare a prendere i nipoti alla fermata dello scuolabus. Prendete ora un anziano che a Marzo 2020 si prendeva un’influenza. Il terrore che si trattasse di Covid-19 lo faceva andare in ospedale. Una volta accertato che fosse malato di Covid veniva messo in quarantena, portato nel reparto Covid, sovraffollato di altri pazienti. Gli veniva messo un ventilatore artificiale che gli copriva tutta la testa. Intubato. Gli veniva sparato ossigeno nei polmoni, che però non riusciva a ricevere. L’ossigeno non entrando nel sangue di fatto “bruciava” quegli anziani polmoni. Il paziente di 80 anni non vede e non sente i suoi familiari da settimane. I suoi famigliari non vedono lui, non sanno come stia. Il paziente di 80 anni muore, per la cura, non per il virus. Muore da solo. I suoi familiari non possono fargli il funerale. Il suo corpo verrà bruciato. Esce da casa in ambulanza, torna a casa in un’urna. Questo è quello che hanno visto i suoi familiari, senza aver visto nulla nel mezzo. Questo paziente è stato assassinato. Da ottime persone, ottimi medici, ottimi infermieri.

Libri e varie...

Se i protocolli dell’OMS mandano al collasso gli ospedali e il Sistema Sanitario Nazionale, perchè i medici non mettono in discussione quei protocolli, prima che il Sistema Sanitario Nazionale stesso? Cosa che avrebbero dovuto fare incessantemente negli scorsi anni per i tagli sistematici alla spesa sanitaria. Invece che eseguire gli ordini e obbedire. E nel caso dei dirigenti sanitari, decidere cosa tagliare e cosa no.

Gli ospedali sono diventati dei “tamponifici”. E gli ospedali prendono molti soldi per fare i tamponi. Che gli stessi medici sanno che non sono strumenti di diagnosi corretti nella maggior parte dei casi. Ma per non sbagliare, per non lasciar andare a casa una anziana paziente, che il giorno dopo potrebbe andare in crisi respiratoria, la si manda nel reparto Covid. Non ci si può prendere la responsabilità della vita di una persona, meglio lasciare che quella responsabilità sia affidata a protocolli fatti da altri medici, i tecnici che lavorano per l’OMS, a libro paga di Big Pharma. Quella paziente che poteva essere salvata stando a casa, con l’intervento tempestivo del medico di base, viene invece assassinata in ospedale. E il suo omicidio è molto costoso per lo Stato.

Lo Stato Italiano finanzia l’Organizzazione Mondiale della Sanità, e ne assimila alla lettera le direttive. Lo Stato Italiano è di fatto il datore di lavoro dei medici. È difficile andare contro il tuo datore di lavoro, pochi ci riescono. La “banalità del male del capitalismo” è più morbida di quella del nazismo, perchè un medico dissidente oggi rischia la radiazione, non l’impiccagione. Ma tanto basta per mantenere l’omertà della classe medica. La carriera, lo stipendio valgono la vita. Se non muori impiccato, muori di fame.

Di medici onesti e coraggiosi se ne contano pochi oggi. Comedonchisciotte.org ha dato loro spazio e gliene darà sempre di più. Questa battaglia si può vincere solo contrapponendo alla scienza prezzolata dai poteri finanziari la scienza di chi ha deciso di servire i cittadini, e la scienza stessa.

La logica d’obbedienza dei medici al sistema sanitario non sarebbe bastata da sola a rendere possibile il grande inganno mondiale del Covid. Ovviamente, un’operazione di ingegneria sociale di tale portata, aveva bisogno dello strumento principale dei padroni del vapore: il sistema mediatico. L’appartenenza al sistema mediatico è la stessa forma di appartenenza al sistema sanitario. Dall’Ordine dei Medici all’Ordine dei Giornalisti.

Se non son servi non li vogliamo - Marco Travaglio - Voglio ScendereHo lavorato diversi anni come assistente operatore per una ditta che forniva le troupe per la Rai e La7, dei TG o dei Talk Show. Ho conosciuto centinaia di giornalisti. Umanamente erano tutte brave persone, a volte ci si trovava bene. Ma professionalmente non erano giornalisti, erano operatori della propaganda. Nei tragitti in macchina spesso chiamava il caporedattore, io guidavo e il giornalista era seduto a fianco a me. Mi accorgevo che era il caporedattore non solo dalla conversazione, ma anche dal tono di voce del giornalista, che diventava più tenue, addomesticato. Ho assistito solo una volta a uno scontro, dell’unico giornalista degno di essere chiamato tale che ho conosciuto, una firma importante del TG2, col suo direttore, che avrebbe voluto si dicesse che una troupe del Corriere era stata assaltata dagli anarchici vicini ai NoTAV. Sebbene quel giornalista fosse politicamente molto distante dagli anarchici, si oppose a quell’ordine, arrivando ad alzare la voce al telefono col suo capo.

La banalità del male del sistema mediatico porta delle brave persone a diventare terroristi. Sono terroristi coloro che terrorizzano la popolozione per scopi politici. Sono terroristi, ma non lo sanno. Come i soldati nazisti che portavano gli ebrei nei campi… eseguono solo ordini.

Il bollettino di guerra del Covid, apertura di ogni TG, Talk Show politico, è il mitra puntato alla testa del popolo. Anche se il mitra appare scarico di fronte a numeri esigui di contagi e morti, fa sempre paura. È così che la banalità del male crea il male della banalità. Gli “ultracovid“. L’ultracovid è un insegnante, un operaio, una commessa, un avvocato, un consulente finanziario. Sono nostri parenti, nostri amici. Il grande pubblico che legittima la dittatura nascente in nome della salute. L’ultracovid crede ai giornalisti mainstream e ai dottori, come ha sempre fatto. Non potrebbe fare diversamente. L’ultracovid è colui che domani sarà d’accordo con la creazione di campi di concentramento per non vaccinati, gli esseri umani che si rifiuteranno di obbedire alla dittatura.

L’ultracovid vivrà “tranquillo”, col suo microchip nella mano destra, che gli aprirà le porte della metro, con cui potrà pagare la spesa alla cassa del supermercato. Non curandosi del fatto che chi controlla quella tecnologia arriverà a sapere cosa pensi più velocemente dei tuoi stessi pensieri. Non curandosi che un operatore, da 10mila km di distanza, potrà decidere di rilasciare o meno delle sostanze nel tuo corpo. Se obbedirai, e non sarai una minaccia, potrai vivere. Da schiavo. La nuova “religione” mondiale ti fa preferire di vivere a lungo, che vivere seguendo dei principi morali, che ti apriranno le porte del Paradiso (o di quello che preferite). Per gli ultracovid sembra essere più importante aprire le porte del supermercato.

Fog Man Person - Free photo on Pixabay

La guerra civile del Covid va avanti, procede veloce. La guerra civile americana potrebbe iniziare da oggi, anche se in realtà è già iniziata 4 anni fa. Lo scenario che abbiamo di fronte è tetro. Fa temere che la guerra sia davvero l’unica soluzione.

Hannah Arendt non poteva conoscere il male del Potere che sta dietro all’operazione terroristica Covid. Questo male, è tutt’altro che banale.

Articolo di Ruggero Arenella

Fonte: https://comedonchisciotte.org/la-banalita-del-male-del-capitalismo-il-male-della-banalita-del-covidiota/

Libri e varie...
BIOLOGIA DELLA GENTILEZZA
Le 6 scelte quotidiane per salute, benessere e longevità
di Daniel Lumera, Immaculata De Vivo

Biologia della Gentilezza

Le 6 scelte quotidiane per salute, benessere e longevità

di Daniel Lumera, Immaculata De Vivo

Essere gentili ha un impatto diretto sui nostri geni? L'ottimismo ci fa vivere più sani e più a lungo? La felicità aiuta i processi antinfiammatori?

A queste domande rispondono Immaculata De Vivo e Daniel Lumera mettendo a confronto scienza e coscienza in un approccio rivoluzionario alla salute, alla longevità e alla qualità della vita.

La professoressa De Vivo, epidemiologa della Harvard Medical School, tra i massimi esperti mondiali di genetica del cancro, e Lumera, autore di riferimento internazionale nelle scienze del benessere, attraverso i loro studi sono riusciti a mettere in relazione il mondo interiore e la genetica del nostro corpo.

Da questo incontro eccezionale nasce "Biologia della gentilezza".

Conoscenze, anni di ricerca scientifica e spirituale si uniscono per offrire a ogni lettore una nuova via al benessere, per vivere a lungo e felici.

Attraverso una chiara e suggestiva spiegazione delle basi scientifiche, De Vivo e Lumera forniscono una serie di esercizi pratici individuando 5 valori fondamentali, tra cui la gentilezza, e 6 strumenti imprescindibili per avere un impatto positivo, grazie a specifici comportamenti, sul nostro corpo.

De Vivo e Lumera ci accompagnano in un viaggio per comprendere a pieno il potere della mente sui geni, i segreti della longevità, i processi antinfiammatori e antinvecchiamento ottenuti tramite la meditazione, la relazione tra alimentazione e cancro, l'impatto di natura e musica sulla salute e sull'umore, l'importanza di saper creare relazioni felici per la salute e la qualità della vita.

Un ponte che unisce i saperi delle antiche tradizioni millenarie con le evidenze scientifiche moderne, mostrando una nuova frontiera per la salute e il benessere. 

Al lettore

Questo libro nasce dall’incontro tra due ricercatori di fama internazionale, Daniel Lumera e Immaculata De Vivo, che mettono a confronto scienza e coscienza in un approccio rivoluzionario alla salute, al benessere, alla qualità della vita e alla consapevolezza.

Nel capitolo iniziale sulla gentilezza i due autori si alternano in un dialogo che racconta una scienza dei valori. Nasce così una sorta di biologia dei valori, in cui la gentilezza è il filo conduttore che ritroviamo in tutta l’opera.

Il libro è diviso in due sezioni. La prima è dedicata a 5 valori, 5 principi cardine che, grazie alle più recenti scoperte scientifiche e in accordo con la saggezza delle antiche filosofie sapienziali, sappiamo essere fattori imprescindibili per la sopravvivenza, l’evoluzione e il benessere del genere umano in questo pianeta; la seconda è dedicata a 6 strumenti, 6 pilastri chiave per coltivare e sviluppare questi valori e poter vivere sani, a lungo e felici: strumenti applicabili in modo efficace e concreto nella vita di ognuno di noi.

L’ultima sezione è dedicata alle linee guida e ai consigli relativi a due fasce di età, per immergersi nell’esperienza della gentilezza in maniera pragmatica.

Un viaggio in un nuovo paradigma di salute e consapevolezza, un ponte tra Italia e Stati Uniti, le realtà in cui operano i due autori, nel quale il linguaggio rigoroso della scienza legittima e racconta i valori cardine dell’esperienza umana e la saggezza dei saperi millenari.

Nei capitoli il lettore troverà anche piccoli aspetti di vita personale che, passo dopo passo, si trasformeranno nelle storie di ognuno di noi, in un’armonia d’interconnessione, umanità e identità collettiva.

Buona lettura.

Spesso acquistati insieme

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.