Israele, 800 Funzionari Usa-Ue Firmano il “Documento Transatlantico”: “Rischio Genocidio a Gaza”

I firmatari restano per ora anonimi. Ma a certificare l’autenticità del testo sono media del calibro della Bbc, nel Regno Unito, e del New York Times, negli Usa, a cui l’appello è stato fatto filtrare in copia.

Una rivolta sotterranea senza precedenti, per numeri e peso specifico, che coinvolge centinaia di diplomatici e alti ufficiali allarmati per la stabilità geopolitica e la pace mondiali, ma anche indignati per ragioni morali e d’interesse nazionale. È ciò che emerge da un clamoroso “documento transatlantico” sottoscritto da oltre 800 funzionari pubblici americani ed europei in servizio attivo e indirizzato alle rispettive cancellerie per denunciare sia “le gravi violazioni del diritto internazionale” imputate alla risposta militare scatenata da Israele contro la Striscia di Gaza dopo l’attacco di Hamas del 7 ottobre, sia la complicità attribuita all’Occidente nella realizzazione di “una delle più gravi catastrofi umanitarie del secolo”, fino a potenziali scenari di “pulizia etnica o genocidio”.

“Documento Transatlantico”, Chi lo ha Firmato

I firmatari restano per ora anonimi. Ma a certificare l’autenticità del testo sono media del calibro della Bbc, nel Regno Unito, e del New York Times, negli Usa, a cui l’appello è stato fatto filtrare in copia. Secondo il Nyt, a promuoverlo sono “civil servant” di notevole esperienza americani e di 11 Paesi d’Europa: Regno Unito, Germania, Francia, Belgio, Danimarca, Finlandia, Spagna, Svezia, Svizzera e anche Italia. Un funzionario americano con “oltre 25 anni” di curriculum nei ranghi “della sicurezza nazionale” ha da parte sua spiegato alla Bbc – protetto dall’anonimato – che la decisione di renderlo pubblico arriva a causa del “continuo rifiuto” dei vertici degli Stati interessati di raccogliere i moniti lanciati da “voci che conoscono bene la regione (mediorientale) e le sue dinamiche”, ignorate per convenienze “politiche o ideologiche”: “mentre la realtà è che noi non stiamo solo mancando di prevenire qualcosa, stiamo diventando attivamente complici“.

L’Accusa a Israele nel Testo

Nel testo si accusa Israele di “non avere limiti” nelle sue operazioni militari a Gaza. Operazioni che hanno già provocato “migliaia di morti civili evitabili” e che, tramite “il blocco deliberato degli aiuti”, stanno lasciando la popolazione della Striscia di fronte allo spettro di “una lenta morte per fame”.

Non solo: i firmatari evocano pure, a carico delle politiche dei rispettivi governi, “il rischio plausibile di contribuire”, attraverso una sorta di favoreggiamento, “a gravi violazioni del diritto internazionale, del diritto di guerra e addirittura a pulizia etnica o genocidio”. Il dossier esprime un livello di dissenso mai visto “nella mia esperienza di 40 anni in politica estera”, commenta una voce esterna all’iniziativa come quella del veterano Robert Ford, ex ambasciatore statunitense in Algeria e Siria.

Persino al tempo della contestatissima guerra in Iraq del 2003, la gran parte dei molti diplomatici critici rimase in silenzio, nota Ford: evidentemente “i problemi e le implicazioni del conflitto a Gaza sono così seri da costringere a una protesta pubblica”. Nel documento si punta il dito in primis sull’amministrazione di Joe Biden, ma non si risparmiano i governi alleati europei più allineati a Washington. Colpevoli, stando a questo punto di vista, di offrire a Israele un sostegno militare, politico e diplomatico che non comporta “vere condizioni o responsabilità”.

In un contesto nel quale – si afferma – il prezzo viene pagato da migliaia di palestinesi uccisi, da quasi 2 milioni di abitanti di Gaza sfollati, da una devastazione a tappeto di circa metà degli edifici dell’intera Striscia, come pure “dagli ostaggi israeliani” tuttora detenuti da Hamas. Non manca infine l’accusa alle autorità israeliane d’aver pianificato un’azione militare che sembra ignorare tutte le controindicazioni emerse dalla risposta occidentale anti-terrorismo all’attacco contro le Torri Gemelle di New York dell’11 settembre 2001.

Di qui la sollecitazione ai governi americano ed europei a cambiare strada con urgenza, a reagire. E a smettere di giustificare l’operato d’Israele come una forma “razionale” di autodifesa, in barba all’apparente mancanza di strategie efficaci financo rispetto all’obiettivo dichiarato di “sradicare Hamas”; o a quello di porre le condizioni di “una soluzione politica tale da garantire la sicurezza a lungo termine” dello Stato ebraico.

Fonte: https://www.ilgazzettino.it/esteri/israele_gaza_documento_transatlantico_funzionari_usa_ue_genocidio_ultime_notizie-7911006.html

L'ENNEAGRAMMA UNIVERSALE
Quaderni del lavoro su di sé
di Corrado Malanga

L'Enneagramma Universale

Quaderni del lavoro su di sé

di Corrado Malanga

In questo breve libriccino (48 pagine formato 12 x 18 cm), che appartiene alla collana "Quaderni del lavoro su di sé", il Professor Corrado Malanga condensa i concetti essenziali dell'Enneagramma e mostra come questo sia un simbolo destinato all'evoluzione della coscienza umana.

Uno strumento che contribuisce al raggiungimento della Conoscenza di Sé e degli altri e allo sviluppo della Consapevolezza.

  • Cos'è l'Ennegramma?
  • Quali sono le sue radici storiche?
  • Quali sono le sue applicazioni sia dal punto di vista teorico che pratico?
  • In che modo può elevare la nostra Consapevolezza?

L'Enneagramma è uno strumento dalle molteplici qualità e funzioni, utilizzato sia in ambito psicologico, religioso che esoterico. Per esempio, in psicologia descrive in modo preciso differenti aspetti dell'esperienza umana e nove diversi tipi di personalità, ciascuno con un suo preciso modello mentale, emotivo e sensoriale.

Il Professor Malanga, ricercatore sul rapporto tra scienza, coscienza e consapevolezza di Sé e autore di numerosi libri di successo, come "TCT - La Coscienza Ritrovata", ci accompagna così in un percorso alla scoperta di uno degli strumenti più importanti a nostra disposizione per comprendere noi stessi e la realtà che ci circonda.

Formalmente, l'Enneagramma è rappresentato da un cerchio che include un triangolo equilatero intersecante una figura a sei lati. I punti che toccano il cerchio sono numerati da uno a nove in senso orario e sono collegati da linee e frecce. Si tratta dunque di un simbolo caratterizzato da nove postazioni in cui primeggiano tipologie di "caratteri umani".

Ci sono delle frecce, come fossero percorsi di interconnessione, che sembrano far capire come si possa migrare tra una personalità e l'altra. Esistono dei numeri che indicano le nove personalità esistenti e caratterizzanti gli esseri umani in modo del tutto generale e generico. Alle singole personalità, sono assegnati anche dei colori.

Questo piccolo libriccino appartiene alla nuova collana di tascabili "Quaderni del lavoro su di sé" (ideata da Riccardo Geminiani). Nella stessa collana sono già stati pubblicati:

  • La Disciplina del Diario di Giulio Achilli
  • L'Attenzione di Salvatore Brizzi
  • Istruzioni per il Nuovo Mondo di Anne Givaudan
  • Il Quaderno dell'Autostima di Lucia Giovannini
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *