Guerra ibrida

di Maurizio Blondet

L’ondata dei clandestini dalla Libia è un atto di guerra ibrida. E quindi va trattato con i mezzi della guerra. Se non è troppo tardi.

Perfettamente cosciente di scrivere parole al vento, la soluzione del problema dei “migranti” esiste, e va adottata con urgenza: il problema va trasferito da “obbligo di salvare i naufraghi”, “accoglienza senza limiti”, “abbiamo bisogno di loro perché noi siamo vecchi” – insomma da tutta il viscido “umanitarismo” bergogliano e piddino ed eurocratico – alla categoria geopolitica cui veramente appartiene: la guerra ibrida.

L’ondata dei clandestini dalla Libia è un atto di guerra ibrida. E quindi va trattato con i mezzi della guerra. Se non è troppo tardi. Che lo sia, ce lo fa temere un titolo del Secolo d’Italia, ossia del giornale dell’unica opposizione, che riconosce la natura di “guerra ibrida” degli ultimi eventi dalla Libia: Migranti, l’ombra di Erdogan dietro gli sbarchi in Italia: “Ha le chiavi per aprire e chiudere i flussi”

…qualche fonte riservata militare fa capire in chiaro ciò che la politica italiana in Libia fa finta di ignorare… Erdogan… “Ora forse vi è più chiaro perché sparino addosso ai nostri pescherecci e Roma dica loro che è meglio non peschino”, ha scritto il giornalista, rilanciando un articolo di Repubblica.

“Spari ai nostri pescherecci, messaggi turchi dalla Libia”, è il titolo dell’articolo che cita fonti militari. “se unisci i puntini compare il disegno. In Libia ti viene fuori la faccia di Erdogan“, ha riferito “un alto responsabile della Difesa italiana” al quotidiano. “In quello che accade oggi in Tripolitania – ha aggiunto – c’è un ruolo della Turchia, che va compreso e analizzato, senza ritardo. Perché sta crescendo un clima ostile all’Italia e all’Europa”.

Il ragionamento che circola in ambienti militari e diplomati è, in sintesi, che Libia non si sarebbe avventurata autonomamente in un atto così aggressivo come quello degli spari ai nostri pescherecci. Inoltre, c’è il tema della presenza militare della Turchia in Tripolitania. La Turchia ha già addestrato centinaia di soldati, ad Ankara e nelle loro stesse basi libiche. Ha avviato la ristrutturazione di una grossa base aerea ad Al Watyiha, verso la Tunisia. Un aeroporto dove farà scendere i suoi caccia F-16. Ma soprattutto ha iniziato ad occuparsi dell’addestramento della guardia costiera e della Marina di Tripoli e Misurata“. In questa cornice si inserisce il tema dei migranti. “È come se avessero in mano le chiavi per aprire o chiudere il flusso di migranti verso l’Italia”, ha detto un ammiraglio al giornale.

Il governo “fa finta di ignorarlo”, ma nella politica italiana c’è chi lo dice: FdI. “Di fronte ai 13mila sbarchi dall’inizio dell’anno occorre una politica diversa, e l’unica soluzione per arrestare l’invasione ed evitare che l’Italia diventi il campo profughi dell’Europa è il blocco navale, ha avvertito il deputato Andrea Delmastro, intervenendo a Omnibus su La7. “In Libia – ha poi aggiunto – abbiamo un ulteriore fattore perturbatore come il sultano Erdogan, che scarica da sud, come da est, gli immigrati per minacciare quella Europa che spende miliardi e miliardi di euro per difendere la frontiera ad Est, ma investe solo qualche centinaio di milione a Sud”.

Immigrazione, Delmastro: Richieste asilo e status di rifugiato presso ambasciate e consolati - Fratelli d'Italia | Fratelli d'Italia

Sono parole al vento, perché la politica di Draghi è quella ideologica delle sinistre globaliste: la sostituzione etnica; condivisa da Lamorgese, proclamata da Avvenire e da “El Papa”; è l’accoglienza e pseudo-soccorso in mare cui si dedicano gli scafisti europei, detti ONG, non meno degli scafisti libici. Accoglienza senza limiti. Con tutti i riguardi: la sistemazione dei clandestini africani in navi da crociera, ossia in situazioni di lusso e benessere che questi africani nemmeno sapevano esistesse, lo smartphone, la scheda telefonica, pasti abbondanti e regolari… tutti i lussi che Draghi sta togliendo ai suoi cittadini, e che la Lamorgese stronca con multe e punizioni, e  senza pretendere che siano vaccinati!

Se c’è una cosa che rivela che la “pandemia” è un’impostura, è questa. Se fosse vera, un governo qualunque sarebbe terrorizzato dai nuovi arrivi dei clandestini dal continente di tutte le epidemie, l’Africa, e come minimo li sottoporrebbe – sulle lussuose navi da crociera – almeno a vax; quel vax che vuole somministrare anche ai bambini italiani, a tutti indiscriminatamente; a tutti meno che ai “Migranti”!

Con un popolo italiano passivamente felice di questo… che volete farci?

Articolo di Maurizio Blondet

Fonte: https://www.maurizioblondet.it/la-soluzione-allondata-dei-clandestini/

L'OROLOGIO DEGLI ORGANI
Vivi al ritmo della medicina tradizionale cinese
di Li Wu

L'Orologio degli Organi

Vivi al ritmo della medicina tradizionale cinese

di Li Wu

Un metodo eccezionale per imparare ad ascoltare il proprio corpo, a capire i sintomi e a guardare ai disturbi come ad una richiesta di riequilibrio...

anche l'essere umano è immerso nei processi ritmici della natura, nel succedersi delle stagioni, di sole e luna, di giorno e notte.

E anche ciascuno dei nostri organi è soggetto a fasi di attività e di riposo

Le stai rispettando?

Ci siamo allontanati sempre più dal nostro naturale ritmo di vita.

Spesso la nostra pianificazione quotidiana non viene più stabilita dalla naturale alternanza di giorno e notte, ma è strutturata da una serie di obblighi e di compiti impellenti ai quali lo svolgimento della giornata è costretto ad adeguarsi.

Prima o poi la maggior parte di noi finisce per soffrire di disturbi ricorrenti del sonno, di emicrania, di problemi gastrointestinali o di perdita di energia, fino a provare sbalzi di umore di tipo depressivo.

In questo libro super-bestseller, l'autore Li Wu, medico e docente universitario, ha saputo trasferire l'immensa conoscenza della Medicina Tradizionale Cinese in un manuale fruibile da più prospettive, partendo da un argomento di grande attualità: i ritmi circadiani dei nostri organi.

  • A quali organi sono riconducibili i disturbi che compaiono in determinate ore del giorno?
  • Quali sono gli orari in cui le cure risultano più efficaci?
  • Quali sono i momenti migliori per le fasi di lavoro o di riposo?

Imparerai ad intervenire sul tuo orologio degli organi ed essere consapevole del funzionamento del tuo corpo.

Imparerai inoltre efficaci tecniche della medicina cinese che puoi utilizzare per armonizzare il tuo orologio degli organi e vivere una vita all'insegna del benessere e dell'armonia.

Secondo le conoscenze terapeutiche millenarie della medicina tradizionale cinese, perfino il cosmo infinito è soggetto a una costante trasformazione, a un'alternanza di fasi di attività e di quiete, di yin e di yang, all'interazione dinamica degli opposti.

Allineando la nostra vita quotidiana ai nostri naturali bisogni e vivendo in maniera consapevole e in armonia con il nostro orologio degli organi potremo recuperare il bioritmo naturale, uno dei principali presupposti per un'esistenza all'insegna del benessere, della salute e soprattutto della contentezza.

L'orologio cinese suddivide la giornata in ritmi di 2 ore che scandiscono la circolazione energetica degli organi con fasi di picco e fasi di riposo.

Scoprirai le fasce biorarie in cui vengono trattate le caratteristiche energetiche degli organi in quei momenti, la loro attività o inattività e le implicazioni collegate.

Insomma un excursus su come funziona fisiologicamente il nostro organismo nei vari momenti della giornata.

Attingerai a un vademecum utilissimo per imparare ad ascoltare il proprio corpo, a capire i sintomi e a guardare ai disturbi come ad una richiesta di riequilibrio, per i quali l'autore ci fornisce suggerimenti puntuali ad hoc.

L'autore presenta le terapie con le quali possiamo armonizzare il nostro orologio degli organi e curare molte disfunzioni: dall'agopuntura alla fitoterapia cinese, dai consigli alimentari ai massaggi, dalla moxibustione agli esercizi fisici.

Buon Apprendimento!

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *