Gli USA alle prese con la mortalità infantile

La mortalità infantile negli Usa è superiore a quella di Cuba e dai dati dell’Agenzia federale per il controllo e la prevenzione delle malattie, emerge anche un divario razziale… che “dice molto”.

Gli Stati Uniti vantano alcuni dei più famosi centri medici di eccellenza al mondo. Molto conosciuti sono ad esempio la Mayo Clinic a Rochester, nel Minnesota, e il Johns Hopkins Hospital a Baltimora, nel Maryland. Altrettanto famose sono anche alcune strutture pediatriche, come il Children’s Hospital a Boston, Massachusetts, e il Children’s Hospital Medical Center a Cincinnati, Ohio.

Ciononostante, nella prima economia mondiale il tasso di mortalità infantile [1] è superiore a Paesi come Australia, Canada, Cuba, Francia, Germania, Giappone, Nuova Zelanda o Regno Unito. Infatti, per quanto riguarda l’anno 2015 – con 5,90 decessi per ogni 1.000 bambini nati vivi – il tasso è negli USA circa il doppio rispetto all’Italia (approssimativamente 3 per ogni 1.000 nati vivi).

Anche se il tasso è sceso del 14% rispetto al 2005 (6,86), a sorprendere e preoccupare sono sia la grande disparità tra i singoli Stati dell’Unione e inoltre il divario razziale, emersi dai dati relativi al periodo 2013-2015 resi pubblici nel gennaio scorso dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC), ossia l’agenzia federale per il controllo e la prevenzione delle malattie.

La disparità tra gli Stati

Infatti, in 21 Stati su 50, ossia quasi la metà, la mortalità infantile supera la media nazionale di 5,90 (5,89 per la precisione). Si tratta in particolare di Stati situati nel Sud ma anche nel Centro-nord. Il tasso è del resto anche sorprendentemente alto nel Distretto di Columbia (DC), cioè nel distretto federale della capitale Washington: 7,65.

Lo Stato con il tasso più alto in assoluto è il Mississippi: 9,08. Seguono poi in ordine decrescente: Alabama (8,52), Louisiana (7,92), Arkansas (7,63), Georgia (7,44), Delaware (7,43), Oklahoma (7,42), Virginia Occidentale (7,22), Indiana (7,21), Carolina del Nord (7,16) e Ohio (7,13).

Dall’altro lato della classifica troviamo il Massachusetts, dove il tasso di mortalità infantile è del 4,28, cioè persino meno della metà del Mississippi. Gli altri Stati con un tasso basso sono (in ordine crescente): Iowa (4,41), California (4,50), Vermont (idem), New Jersey (4,53), Washington (4,63), New Hampshire (4,69), New York (4,72) e Colorado (4,85). Gli Stati in cui il tasso si avvicina di più alla media nazionale sono quelli della Virginia (5,91) e del Wisconsin (5,92).

Come osserva Natalie Rahhal sul Daily Mail, che cita i dati del World Fact Book della CIA, con il suo tasso di 9,08 lo Stato del Mississippi si posiziona tra il Bahrein (8,90) e la Thailandia (9,20). Fanno meglio del Mississippi anche Paesi come lo Sri Lanka (8,40), l’Ucraina (7,80) e il Libano (7,40). I Paesi o Stati più virtuosi in assoluto sono il Principato di Monaco (1,80), il Giappone (2,0) e l’Islanda (2,10).

Il divario razziale

Dai dati dei CDC emerge inoltre che il più alto tasso di mortalità per bambini nati da madri bianche non ispaniche era di 7,04 per ogni mille bambini nati vivi nello Stato dell’Arkansas, mentre quello più basso è stato registrato nel Distretto di Columbia: appena 2,52. In altri nove Stati la mortalità tra bambini di donne bianche non ispaniche era “in modo significativo” inferiore rispetto alla media nazionale (4,95), tra cui New Jersey (3,15), Massachusetts (3,44), Connecticut (3,53), California (3,75), New York (3,81), Colorado (4,13) e Iowa (4,15). Oltre all’Arkansas, in altri tredici Stati dell’Unione questo tasso era invece “in modo significativo” più alto rispetto alla media nazionale, come ad esempio nella Virginia Occidentale (7,02), in Mississippi (6,91), Oklahoma (6,86) e Maine (6,66).

Per quanto riguarda i bambini nati da donne ispaniche, il tasso più alto è stato registrato nello Stato del Michigan (7,28), vale a dire quasi il doppio rispetto al tasso più basso di 3,94 per ogni mille bambini nati vivi registrato in Iowa. Solo quattro gli altri Stati dove il tasso era “significativamente” più basso della media nazionale di 4,99: in Florida (4,23), California (4,43), New Jersey (4,52) e New York (4,62).

Oltre al Michigan, sono invece sette gli Stati in cui il tasso era “significativamente” più alto della media nazionale, ad esempio in Ohio (6,92), Connecticut (6,91), Mississippi (6,87) e Alabama (6,50).

La situazione più drammatica si registra tra i bambini nati da donne nere non ispaniche. Infatti per quanto riguarda questo sottogruppo demografico, il più alto tasso di mortalità è stato registrato nel Wisconsin: ben 14,28 decessi per ogni mille nati vivi. Questo tasso, così sottolinea l’agenzia federale, è 1,7 volte più alto rispetto a quello più basso di 8,27 nel Massachusetts.

Mentre la media nazionale per questo gruppo è di 11,10, sono sette gli Stati oltre a quello del Massachusetts in cui il tasso era “in modo significativo” più basso, tra cui Iowa (8,46), Washington (8,55), New York (8,77) e Colorado (8,87). Il tasso era invece “significativamente” più elevato in altri sei Stati (oltre al Wisconsin), ad esempio in quello dell’Ohio (13,46), Alabama (13,40) e Indiana (13,26).

Differenza “molto eloquente”

Colpisce in particolare, così suggeriscono i CDC, il fatto che il tasso più basso di mortalità tra bambini di donne nere non ispaniche – 8,27 in Massachusetts – era comunque superiore a quello più alto registrato tra bambini di donne bianche non ispaniche (7,04 in Arkansas) e tra bambini di donne ispaniche (7,28 in Michigan).

Va osservato inoltre che il tasso medio nazionale di mortalità tra bambini di donne nere non ispaniche (11,10 per ogni mille nati vivi) è più del doppio rispetto a quello tra bambini di donne bianche non ispaniche (4,95) e tra quelli di donne ispaniche (4,99).

Come ha detto l’autore principale della ricerca, T.J. Mathews, demografo presso il National Center for Health Statistics dei CDC, citato dal sito Fatherly.com, “questi dati dicono molto”.

L’eccezione californiana

Mentre la mortalità infantile è rimasta pressoché stabile nel periodo 2014-2016 negli USA, in uno Stato dell’Unione, ovvero la California, si registrano invece dei progressi incoraggianti. Nel Golden State, così suggerisce il Daily Mail del 9 agosto scorso, i medici già da vent’anni “hanno lavorato metodicamente per migliorare le possibilità di vita dei neonati”.

Nello Stato, che non solo è il più popoloso di tutti gli USA grazie alla sua popolazione di circa 40 milioni di abitanti, ma anche quello nel quale nasce un bambino americano su otto (488.827 nel corso del 2016), la mortalità perinatale è diminuita infatti dell’8%, da 5,22 decessi ogni 1.000 nati vivi nel 2014 a 4,79 nel 2016.

A fare la differenza è un programma lanciato vent’anni fa su iniziativa del dottor Jeffrey Gould, neonatologo a San Francisco, e che oggi sotto il nome di California Perinatal Quality Care Collaborative (CPQCC) include 140 Unità di Terapia Intensiva Neonatale (NICU in sigla inglese), sparse per tutto il territorio dello Stato e la cui rete raccoglie dati provenienti dal 90% degli ospedali californiani. Il modello della CPQCC ha avuto seguito nella maggior parte degli Stati dell’Unione, in alcuni casi anche con il sostegno finanziario dei CDC.

Note:

1] Con infant mortality o mortalità infantile si intendono i decessi di bambini entro il primo anno di vita. Riguardo ai bambini nati morti o deceduti nell’arco della prima settimana di vita, si parla di mortalità perinatale o neonatale (in inglese perinatal o neonatal mortality).

Fonte: https://it.aleteia.org/2018/08/14/gli-usa-alle-prese-con-la-mortalita-infantile/

LA NUOVA DIETA DEL DOTTOR MOZZI
Nuovi contenuti, spunti e interpretazioni per prevenire, curare e guarire
di Piero Mozzi

La Nuova Dieta del Dottor Mozzi

Nuovi contenuti, spunti e interpretazioni per prevenire, curare e guarire

di Piero Mozzi

"La Dieta del Dottor Mozzi" compie 10 anni! È un traguardo importante che ha dato l'occasione al dottor Mozzi di arricchire questo testo con nuovi contenuti e nuove informazioni e di sciogliere alcuni dubbi sorti nelle persone che hanno messo in pratica i suoi consigli nel corso degli anni.

"Questa nuova edizione vuole testimoniare ancora una volta l'impegno preso con le persone che mi seguono da anni e fornire uno strumento pratico e aggiornato che contenga indicazioni ancora più precise rispetto al testo precedente, per dare a tutti la possibilità di gestire al meglio la propria salute!"

Il libro, ormai celebre bestseller, pone l'attenzione sull'alimentazione e sui risvolti che ha sul corpo umano. L'intento del testo è dare la possibilità a tutti, anche a coloro che non hanno cognizioni mediche, di tenere sotto controllo il proprio stato di salute.

È un manuale pratico che ci dà la possibilità di capire ciò che accade nel nostro organismo.

Il Dottor Mozzi, uno dei maggiori esponenti della dieta del gruppo sanguigno, ha scritto questo libro dopo trent'anni di pratica medica e vent'anni di osservazione e studio dell'organismo umano e delle sue reazioni all'introduzione di determinati alimenti.

La semplicità del metodo lo distingue e lo rende accessibile a tutti. Consente a chiunque di imparare ad "ascoltare" autonomamente i segnali che l'organismo invia, di riconoscere l'effetto che gli alimenti utilizzati possono avere sulle diverse persone per stabilire la dieta e lo stile di vita più appropriato a ciascuno.

Secondo il Dottor Mozzi c'è una correlazione tra l'appartenenza al proprio gruppo sanguigno e gli alimenti che mangiamo.

Il gruppo sanguigno è dato da un'impronta genetica precisa che distingue ogni individuo dagli altri, lo caratterizza e permette di capire come è fatto e come si comporta il nostro sistema immunitario.

È possibile utilizzare i quattro gruppi sanguigni 0, A, B, AB come una guida attendibile per scegliere un'alimentazione idonea a ognuno, che può consentire un miglioramento del proprio stato fisico e una riduzione del rischio di ammalarsi. Inoltre può aiutare a risolvere eventuali stati patologici.

Il libro fornisce a tutti uno strumento per riappropriarsi della gestione quotidiana della propria salute e occuparsi con cognizione di causa delle proprie condizioni fisiche, lasciando ai medici la gestione dei traumi, delle urgenze e delle malattie di una certa rilevanza.

Il campo delle intolleranze è un campo in cui attualmente non esistono certezze. La verità assoluta risiede solo in noi stessi e ci si può avvicinare ad essa accostando tra loro tante piccole verità.

I meccanismi biologici di un essere vivente sono molteplici per cui è sufficiente che avvengano modificazioni in un equilibrio biologico perché subentrino nuovi segnali e disturbi.

Il Dottor Mozzi ritiene che ciò che ha esposto sia solo l'inizio e non la conclusione delle ricerche in merito alle intolleranze alimentari. Uno stimolo da cui partire e che altri potranno sviluppare. Scoprire tutti i meccanismi e i processi sottesi alle intolleranze è un compito che lasciamo ai ricercatori e ai biologi.

In base alle caratteristiche genetiche di ogni singolo individuo, il dottor Mozzi ha individuato dei regimi alimentari ben precisi che promuovono il consumo di determinati cibi a discapito di altri, in base alla loro funzionalità, alla digeribilità e ai benefici che possono apportare all'organismo.

Alcuni cibi mettono a rischio il nostro sistema immunitario, per questo bisogna eliminarli dalla propria alimentazione.

Riportiamo di seguito alcuni consigli estrapolati dal libro per i diversi gruppi sanguigni:

  • Gruppo sanguigno 0. Poiché i soggetti appartenenti a tale gruppo sanguigno hanno un apparato digerente forte, essi possono digerire senza difficoltà le proteine animali contenute in carne e pesce. Di contro, però, essi non riescono a metabolizzare bene i cereali e i derivati del latte. Evitando tali alimenti, le persone appartenenti al gruppo sanguigno 0 possono trarre grande giovamento ed evitare problemi di salute.
  • Gruppo sanguigno A. Gli individui appartenenti a questo gruppo sanguigno digeriscono facilmente i carboidrati e con molta difficoltà le proteine della carne, specialmente se rossa.
  • Gruppo sanguigno B. Le persone appartenenti a questo gruppo sanguigno hanno una predisposizione del loro apparato digerente a metabolizzare con facilità sia le proteine animali che quelle vegetali.
  • Gruppo AB. I soggetti che fanno parte di tale gruppo sanguigno hanno le stesse difficoltà digestive di quelli appartenenti sia al gruppo A che al gruppo B, pertanto la loro alimentazione deve essere simile.

Il principio sul quale tutta la teoria del Dottor Mozzi si fonda, quindi, è quello di preservare la salute attraverso una corretta alimentazione, che si adatti in tutto e per tutto al patrimonio genetico di ognuno.

Le novità più importanti di questa edizione:

  • la dicitura "alimenti neutri" è stata modificata in "alimenti da testare" per rafforzare il concetto che questi alimenti hanno effetti diversi a seconda delle caratteristiche individuali;
  • indicazioni sulle modalità di consumo di ogni categoria di alimenti: quando consumarli, quante volte alla settimana e quando evitarli;
  • note riguardanti le patologie più comuni derivanti dall'abuso di alcuni cibi;
  • suggerimenti pratici per limitare i danni derivanti dagli "sgarri" a tavola;
  • aggiornamento delle liste degli alimenti con i cibi nuovi che oggi si trovano più frequentemente in commercio;
  • cenni di nutrizione per rendere più semplice la scelta degli alimenti e la composizione dei pasti;
  • per ogni stagione dell'anno, uno schema alimentare con 5 giornate tipo;
  • la suddivisione degli alimenti in benefici, da testare e sconsigliati è stata aggiornata in base alle osservazioni fatte negli ultimi dieci anni e ai cambiamenti avvenuti nell'industria alimentare spesso a discapito della qualità degli alimenti.
...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *