Dittatura

di Veronica Baker

Purtroppo l’ignoranza della Storia e dei meccanismi che guidano l’avidità e la brama di potere tipica di certi esseri umani, riuscirà alla fine a sconfiggere l’arroganza di tutti quelli che ancora credono nella politica.

In Italia nessuno o quasi conosce per davvero il significato della parola dittatura. Penso che quasi nessuno si renda conto di cosa significhi non essere liberi (se non un assaggio in occasione del “virus farsa”), di quali siano i meccanismi che conducono alla perdita della libertà e di come tutto questo diventa realizzabile solo alla fine, quando ormai non esiste più.

Nessun leader, nemmeno il più sanguinario dei dittatori, dirà mai che la sua è una dittatura.
Affermerà sempre di essere un democratico e che gli antidemocratici sono “gli altri”, coloro che vogliono abbatterlo per togliere la libertà al suo popolo.

I dittatori, tutti, parlano sempre e solamente del popolo che ha dato loro il diritto di governare, ma alla fine non si fanno scrupolo di sacrificarlo per ottenere potere, privilegi, denaro.

Soprattutto, quando le cose volgono decisamente verso il peggio, se ne fanno scudo per proteggere la loro stessa vita e quella delle persone che gli sono vicine. È stato così ad esempio con Mussolini, Hitler, Stalin, Ceauşescu e Pol Pot.

Tutti loro affermavano di guidare il Paese per volere del loro popolo, anche se poi lo affamavano e lo sterminavano, e abbiamo ancora oggi alcuni casi di dittatori che si appellano al popolo come fonte del loro diritto a governare la nazione.

Inoltre, c’è anche chi ritiene che una dittatura debba avere un suo punto di partenza, uno specifico episodio da cui ha origine, ma anche questo non è vero. Neppure dopo una rivoluzione, che pure rappresenta già di per sé un momento tragico e determinante in grado di evidenziare una svolta, comincia una dittatura che non abbia un suo cammino, più o meno lungo, costituito da condotte, azioni, eventi, che poco a poco la consolidano.

La libertà è infatti inghiottita un po’ alla volta, decreto per decreto, legge per legge, in piccoli pezzi di per sé non significativi, come in un puzzle nel quale ogni tassello è apparentemente irrilevante, ma dove alla fine, contestualizzato, insieme a tutti gli altri tasselli evidenzia la completezza del quadro.

Purtroppo l’ignoranza della Storia e dei meccanismi che guidano l’avidità e la brama di potere tipica di certi esseri umani riuscirà alla fine a sconfiggere l’arroganza di tutti quelli che ancora credono nella politica. Pensano di essere ancora protagonisti del gioco, quando il gioco, ormai, è stato tolto dalle loro mani da molto tempo, ammesso che l’abbiano mai detenuto.

E se non difenderanno per primi ciò a cui tengono, se hanno veramente a cuore le sorti dei loro figli, se credono che basti solo cambiare i “signori” che stanno al comando per custodire una fragile democrazia, vuol dire che oltre ad essere ignoranti, sono anche ingenui.

Articolo di Veronica Baker

Fonte: https://cortesaveronica.com/dittatura/

LA GRANDE VIA
Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa
di Franco Berrino

La Grande Via

Alimentazione, movimento, meditazione per una lunga vita felice, sana e creativa

di Franco Berrino

Partendo dal presupposto che non si deve mangiare troppo e si deve cercare di mangiare in modo corretto, questo libro ci offre degli utili suggerimenti.

C’è infatti un abuso del consumo del latte e del formaggio di mucca che stimola i fattori di crescita che, purtroppo, sono più alti nei malati di cancro.

Lo zucchero poi andrebbe molto limitato perché è solo un modo per far sembrare buone delle cose che buone non sono, ma in realtà, secondo Berrino, l’uomo nella sua storia non ha mai mangiato zucchero, ma oggi lo troviamo dappertutto: nei piselli in scatola, nel pane, nelle fette biscottate. Questo perché la qualità degli ingredienti di base è pessima. Lo zucchero fa male, soprattutto nella forma liquida: quindi le bevande zuccherate e gasate sono la principale causa di obesità nei bambini. La sua peculiarità è quella di essere ingerito volentieri anche quando si è sazi.

Allora qual è il miglior modo per dolcificare? La frutta. Un’ottima colazione, per esempio, è quella fatta col muesli, fatto con fiocchi d’avena, uva sultanina e frutta secca.

Allora cosa si deve mangiare, visto che anche l’uso delle proteine è essenziale, ma deve essere ridotto? La raccomandazione del mondo della ricerca scientifica è quella di basare l’alimentazione quotidiana su cibi di natura prevalentemente vegetale, non industrialmente raffinati: non la farina bianca, ma quella integrale; non il pane bianco, ma quello integrale e così per il riso. Quindi è bene scegliere su un’ampia varietà di cereali non raffinati industrialmente, di legumi, di verdure, di frutta.

Quali sono i segreti della longevità? Quali mezzi abbiamo a disposizione per mantenerci sani, creativi e felici? Come possiamo ridurre lo stress, migliorare la qualità del sonno e potenziare la nostra intelligenza emotiva, intuitiva e creativa?

Sono alcune delle domande a cui hanno cercato di rispondere Franco Berrino e Luigi Fontana, integrando i risultati delle loro ricerche con le conoscenze scientifiche più avanzate e la sapienza empirica di alcune delle più antiche tradizioni mediche e filosofiche.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *