Coronavirus, direttrice Laboratorio Sacco: “Stiamo scambiando un’influenza per una Pandemia globale”

“A me sembra una follia. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così”.

A scrivere queste parole sulla sua pagina Facebook è Maria Rita Gismondo, direttore responsabile di Macrobiologia Clinica, Virologia e Diagnostica Bioemergenze, il laboratorio dell’Ospedale Sacco di Milano in cui vengono analizzati da giorni i campioni di possibili casi di coronavirus Covid-19 in Italia.

“Il nostro laboratorio ha sfornato esami tutta la notte. In continuazione arrivano campioni?”, è scritto nel post della direttrice del laboratorio in Lombardia. “Leggete! Non è pandemia! Durante la scorsa settimana la mortalità per influenza è stata di 217 decessi al giorno! Per Coronavirus 1!!!”, recita un post pubblicato domenica mattina dalla Gismondo.

Coronavirus, Gismondo: “Follia che farà male”

E ancora, la direttrice del laboratorio ci tiene a rassicurare gli italiani: “Mio bollettino del mattino. Il nostro laboratorio ha sfornato esami tutta la notte. In continuazione arrivano campioni. A me sembra una follia. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Non è così. Guardate i numeri.Questa follia farà molto male, soprattutto dal punto di vista economico. I miei angeli sono stremati. Corro a portar loro la colazione. Oggi la mia domenica sarà al Sacco. Vi prego, abbassate i toni! Serena domenica!”, si legge in un altro post.

Coronavirus, la dottoressa del Sacco: “Ci sono molte cose che non riesco a spiegare”

In un post pubblicato sabato sera sempre sulla sua pagina Faceboo, Maria Rita Gismondo ha scritto di una “giornata molto impegnativa”. “Appena ho avuto un minuto di respiro e trovati due neuroni liberi, sono riuscita a pensare. Innanzitutto un chiarimento. Il presunto (poi smentito) paziente zero è arrivato in Italia quando i voli diretti non erano ancora stati interrotti. In Italia si è fatto davvero tutto per evitare l’ingresso del virus e dobbiamo riconoscerlo. Adesso è arrivato, è vero, perché il panico? Piuttosto stupore. Ci sono molte cose che non riesco a spiegare. Prima riflessione. Il paziente zero è stato sempre negativo per il virus ma anche negativo per anticorpi. Prova inconfutabile che non è mai stato infettato. Se non è il paziente zero, come ha fatto ad infettare i suoi contatti? In Veneto sono comparsi casi positivi. Da quale contatto? C’è un unico soggetto all’origine dei due focolai? Sono burned out…ci penserò domani”. L’invito della dottoressa è quello di seguire le raccomandazioni pubblicate dal Ministero della Salute.

Fonte: https://www.fanpage.it/attualita/coronavirus-direttrice-lavoratorio-sacco-stiamo-scambiando-uninfluenza-per-una-pandemia-globale/

Al post hanno risposto in molti, tra cui il virologo Roberto Burioni:

roberto burioni gismondi coronavirus

Oggi la Gismondo parla con Repubblica per chiarire meglio il senso delle sue parole: prima risponde a Burioni (“Mi definisce la ‘signora del Sacco’? Burioni mi fa un grande onore, perché Luigi Sacco è stato un grande immunologo ed al Sacco lavorano grandi professionisti”) e poi replica nel merito.Ribadisco. Si è scambiata un’infezione appena più seria di un’influenza per una pandemia letale. Lo dico sulla base dei miei controlli fatti sulle pagine ufficiali dell’Oms e dell’Istituto superiore di Sanità. Non credo di aver fatto alcun errore di trascrizione dei dati. Se il collega, che certo non definisco ‘il signore del San Raffaele’, desidera criticare le mie dichiarazioni, sono felice che lo faccia direttamente, con dati alla mano”.

Cosa sta succedendo? Succede che noi stiamo facendo uno screening a tappeto. È logico perciò che andiamo a intercettare numerose positività, ma la maggior parte di queste persone ha banali sintomi influenzali. Le faccio un esempio: l’italiano ricoverato alla Cecchignola, positivo al Covid-19, ha avuto una congiuntivite, e per il resto stava bene. Come la gran parte delle persone che abbiamo testato qui e trovato positive, ma che stavano bene, o avevano i sintomi di una normale influenza”.

Per quanto riguarda i tre morti: “Si tratta di persone anziane. L’ultimo decesso, una paziente oncologica. Il penultimo, una signora anziana e malata. Stiamo parlando di pazienti gravemente defedati, cioè immunodepressi. Purtroppo, data la loro situazione, sarebbero morte anche per una influenza”.

Nel dibattito tra la Gismondo e Burioni, definiamolo così, si è inserita la virologa Ilaria Capua, la quale ha affermato che l’Italia sta vivendo una situazione più critica, perché sta cercando i casi più attivamente di altri, e ha definito il coronavirus “sindrome simil-influenzale”.

“Sono contenta che la dottoressa Capua, collega che stimo e di grande rilievo scientifico, la pensi come me. Negli altri Stati europei vengono fatti i test solo alle persone con gravi insufficienze respiratorie. Gli altri, con sintomi simil influenzali, non vengono testati, e quindi sfuggono alla registrazione come positivi”.

Fonte: https://www.nextquotidiano.it/maria-rita-gismondo-coronavirus-burioni/

Libri e varie...
IL POTERE OCCULTO DELL'INDUSTRIA DELLA SANITà
Conosci i veri obiettivi della Medicina Ufficiale? - La verità sul sistema di controllo delle Case Farmaceutiche
di Jesús García Blanca

Il Potere Occulto dell'Industria della Sanità

Conosci i veri obiettivi della Medicina Ufficiale? - La verità sul sistema di controllo delle Case Farmaceutiche

di Jesús García Blanca

La “sanità” ci cura veramente oppure ci sta ammalando?

Il nostro modello sanitario è davvero affidabile? Siamo sicuri che i "metodi" con i quali ci stanno curando siano davvero i più efficaci e i migliori per la nostra salute? Oppure l'industria della sanità vuole solo creare "malati cronici" per riempire le tasche delle case farmaceutiche?

Quest’opera smonta, con necessario spirito critico così poco frequente nelle nostre società, il tabù dell’infallibilità che possiede il modello sanitario moderno e che serve al potere come strumento efficacissimo di controllo e dominio sociale.

L’individuo si sente indifeso e dominato davanti al soldato che gli punta un’arma, al giudice che può emettere una sentenza sul suo destino e al medico a cui affida il suo corpo. Ciò che è curioso è che solamente rispetto a quest’ultimo se le va a cercare volontariamente.

Il modello sanitario è delineato, in modo tale che il cittadino non capisca, non analizzi, non abbia un’opinione e non decida. Anche quando si apre la porta alla decisione della cittadinanza si crea un’angoscia nella misura in cui precedentemente non sono stati offerti gli elementi necessari per poter scegliere.

In questo straordinario libro Jesús García analizza in maniera chiara e dettagliata questo sistema medico ufficiale internazionale che ha come obiettivo principale il controllo su tutta l’umanità. L’origine e il progetto attuale del sistema sanitario statunitense, infatti, si è collegato all’apparato militare. L’autore ci spiega, inoltre, come il mercato controlli la ricerca, le pubblicazioni specializzate, la diffusione massiccia di notizie correlate alla salute e un’enorme quantità di ONG che lavorano in questo campo. Ciò si ripercuote sui discorsi, i concetti di salute e i modelli sanitari molto al di là di come essi si amministrano.

Le conseguenze di questo tipo di organizzazione “sanitaria” sono la disumanizzazione della salute e la medicalizzazione dell’esistenza con scopi utilitaristici.

Sembra proprio che abbiamo più “valore” come ammalati che come individui in salute.

È giunto il momento di farsi delle domande: c’è in ballo la nostra vita.

 

E il medico sostituì il sacerdote - Presentazione di "Il Potere Occulto dell'Industria della Sanità"

Nelle tribù, colui che conseguiva la padronanza della magia, della guarigione e della conoscenza della vita e della morte finiva con l'esercitare il controllo sulla comunità.

Chi può essere più potente di chi conosce - o ci convince di conoscere - l'origine della vita, gli elementi più reconditi del nostro corpo, il funzionamento dell'organismo e i segreti per conservare la salute o restituirla in caso di malattia?

Continua a leggere : > E il medico sostituì il sacerdote

Indice

Apertura
Presentazione: E il medico sostituì il sacerdote
Introduzione: Salute e globalizzazione

Prima parte – La disumanizzazione della salute
1. Crisi globale della salute
2. La scienza al servizio dell'imperialismo
3. La connessione multinazionali-istituzioni-Ong-media
4. Le pubblicazioni scientifiche come caso particolare di falsimedia
5. Industria chimica, salute, malattia e alimentazione

Seconda parte – Microecologia
6. Le prospettive macroecologica e microecologica: la visione globale
7. La Teoria dell'infezione
8. Supporto teorico per una trasformazione radicale: la Teoria della struttura dinamica

Terza parte – Azione e ribellione
9. L'infanzia: stato d'assedio
10. Dissidenza, censura, controllo: le nuove forme dell'epidemia emozionale
11. Disobbedendo
12. L'esempio del caso AIDS: i limiti della ribellione

Allegati
Bibliografia
Risorse da Internet
Ringraziamenti
Chiusura

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *