Venezia affonda, e il Mose non c’è: 7 miliardi buttati per vedere San Marco allagata

di Francesco Cancellato

Il sistema di paratie per proteggere Venezia dall’acqua alta è stato pensato negli anni 80, iniziato nel 2003 e avrebbe dovuto essere pronto tre anni fa. Nel mezzo, 7 miliardi di spesa, maxi inchieste per corruzione e ritardi a non finire.

https://img-prod.tgcom24.mediaset.it/images/2019/11/13/224755295-b7f1ce0a-98ed-47de-981b-78068eda78cf.jpg

Eccolo qua, con la Basilica di San Marco allagata e due morti, il risultato della nostra inefficienza. La basilica di San Marco allagata per la quinta volta in tutta la sua storia. L’isola di Pellestrina sott’acqua, un incendio al Museo di Ca’ Pesaro sempre per colpa di maltempo e piena, causato, pare, da un corto circuito alla cabina elettrica, il consiglio comunale sospeso per allagamento e la richiesta di stato di crisi del sindaco Brugnaro. Cronache di ordinaria acqua alta, a Venezia, con la piena record di 187 cm del 12 novembre, e quella di 160 cm del 13.

Riavvolgiamo il nastro. L’opera è stata pensata negli anni ’80 per difendere la laguna di Venezia da piene superiori ai 110 centimetri, come quella di questi giornii. Nel 2003 – sedici anni fa, quasi diciassette – sono iniziati i lavori per la sua realizzazione. Il 12 ottobre 2014 furono sollevate per la prima volta quattro delle 78 paratie. Nel 2016, l’opera avrebbe dovuto essere completata.

In teoria, il Mose oggi dovrebbe essere pronto all’85%. In pratica, oggi siamo qui a raccontare una delle piene più devastanti degli ultimi decenni, con danni all’interno della basilica di San Marco, uno dei più importanti capolavori del nostro Paese, uno dei monumenti più visitati al mondo, che già qualcuno definisce ingentissimi.

In mezzo sono passati 7 miliardi di soldi pubblici, 35 arresti, 100 indagati eccellenti tra politici di primo piano e funzionari pubblici, per reati contestati quali creazione di fondi neri, tangenti e false fatturazioni, reati per i quali il presidente della regione Veneto, Giancarlo Galan – sostenuto da Lega e Forza Italia – ha patteggiato una condanna per corruzione continuata da 2 anni e 10 mesi, mentre all’allora ministro dell’ambiente e delle infrastrutture Altero Matteoli, governo Berlusconi è toccata una condanna di quattro anni.

Tutto ciò dovrebbe farci riflettere su quali siano i mali endemici del nostro Paese e di quali siano i disastri che procurano. Lo vediamo con Ilva, l’abbiamo visto con Alitalia, lo vediamo oggi con Venezia e il disastro Mose: una quantità industriale di soldi pubblici, presi in prestito alle generazioni future, per salvataggi e grandi opere che non risolvono nulla e, nel peggiore dei casi, ingrassano le tasche e i conti in banca del politico o dell’affarista di turno, ma che lasciano irrisolti i problemi, o peggio ancora, li aggravano.

Articolo di Francesco Cancellato

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.fanpage.it/attualita/venezia-affonda-e-il-mose-non-ce-7-miliardi-buttati-per-vedere-san-marco-allagata/

Libri e varie...
LA CORRUZIONE SPIEGATA AI RAGAZZI
Che hanno a cuore il futuro del loro paese
di Raffaella Cantone, Francesco Caringella

La Corruzione Spiegata ai Ragazzi

Che hanno a cuore il futuro del loro paese

di Raffaella Cantone, Francesco Caringella

Un libro, espressamente rivolto a ragazzi e giovani, perché quello della corruzione non è e non deve essere un tema riservato agli esperti, agli intellettuali, ai giuristi, ma va affrontato insieme ai cittadini del domani, le principali vittime di quello che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha definito un «furto di futuro».

La corruzione non è soltanto un reato contro la pubblica amministrazione, è molto di più e di peggio.

E' un problema culturale, una malattia sociale, un dramma economico, una ferita alla democrazia.

I soldi che finiscono nelle tasche dei corrotti vengono sottratti alla collettività, al bene pubblico, all'avvenire dei nostri figli, a ognuno di noi. Significano opere pubbliche infinite, ospedali inefficienti, ambiente violentato, cultura al collasso, cervelli in fuga, giustizia drogata, perdita di investimenti stranieri, immoralità della politica.

Di corruzione è quindi importante parlare a tutti i livelli, partendo dalle scuole, per insegnare che si può e si deve vivere senza lasciarsi tentare dalle sirene del facile guadagno, senza imboccare scorciatoie, con rigore, correttezza, rettitudine.

Perché la corruzione si sconfigge (anche) con la conoscenza.

Dunque è fondamentale poter entrare in un mondo difficile con le idee più chiare, con le giuste informazioni, il senso critico e l'apertura mentale che aiutano a scegliere.

«La corruzione è una malattia sociale ed è evidente che potranno salvarci solo i nostri ragazzi e le nostre ragazze, uomini e donne in erba che hanno un "cuore sano e pulito", non ancora contaminato dagli interessi, dalle abitudini, dall'aridità.

A loro vogliamo parlare spiegando il significato, le manifestazioni, le cause e gli effetti della corruzione, ma soprattutto i rimedi che, con il loro aiuto, debbono essere messi in campo.»

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *