Venezia affonda, e il Mose non c’è: 7 miliardi buttati per vedere San Marco allagata

di Francesco Cancellato

Il sistema di paratie per proteggere Venezia dall’acqua alta è stato pensato negli anni 80, iniziato nel 2003 e avrebbe dovuto essere pronto tre anni fa. Nel mezzo, 7 miliardi di spesa, maxi inchieste per corruzione e ritardi a non finire.

https://img-prod.tgcom24.mediaset.it/images/2019/11/13/224755295-b7f1ce0a-98ed-47de-981b-78068eda78cf.jpg

Eccolo qua, con la Basilica di San Marco allagata e due morti, il risultato della nostra inefficienza. La basilica di San Marco allagata per la quinta volta in tutta la sua storia. L’isola di Pellestrina sott’acqua, un incendio al Museo di Ca’ Pesaro sempre per colpa di maltempo e piena, causato, pare, da un corto circuito alla cabina elettrica, il consiglio comunale sospeso per allagamento e la richiesta di stato di crisi del sindaco Brugnaro. Cronache di ordinaria acqua alta, a Venezia, con la piena record di 187 cm del 12 novembre, e quella di 160 cm del 13.

Riavvolgiamo il nastro. L’opera è stata pensata negli anni ’80 per difendere la laguna di Venezia da piene superiori ai 110 centimetri, come quella di questi giornii. Nel 2003 – sedici anni fa, quasi diciassette – sono iniziati i lavori per la sua realizzazione. Il 12 ottobre 2014 furono sollevate per la prima volta quattro delle 78 paratie. Nel 2016, l’opera avrebbe dovuto essere completata.

In teoria, il Mose oggi dovrebbe essere pronto all’85%. In pratica, oggi siamo qui a raccontare una delle piene più devastanti degli ultimi decenni, con danni all’interno della basilica di San Marco, uno dei più importanti capolavori del nostro Paese, uno dei monumenti più visitati al mondo, che già qualcuno definisce ingentissimi.

In mezzo sono passati 7 miliardi di soldi pubblici, 35 arresti, 100 indagati eccellenti tra politici di primo piano e funzionari pubblici, per reati contestati quali creazione di fondi neri, tangenti e false fatturazioni, reati per i quali il presidente della regione Veneto, Giancarlo Galan – sostenuto da Lega e Forza Italia – ha patteggiato una condanna per corruzione continuata da 2 anni e 10 mesi, mentre all’allora ministro dell’ambiente e delle infrastrutture Altero Matteoli, governo Berlusconi è toccata una condanna di quattro anni.

Tutto ciò dovrebbe farci riflettere su quali siano i mali endemici del nostro Paese e di quali siano i disastri che procurano. Lo vediamo con Ilva, l’abbiamo visto con Alitalia, lo vediamo oggi con Venezia e il disastro Mose: una quantità industriale di soldi pubblici, presi in prestito alle generazioni future, per salvataggi e grandi opere che non risolvono nulla e, nel peggiore dei casi, ingrassano le tasche e i conti in banca del politico o dell’affarista di turno, ma che lasciano irrisolti i problemi, o peggio ancora, li aggravano.

Articolo di Francesco Cancellato

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.fanpage.it/attualita/venezia-affonda-e-il-mose-non-ce-7-miliardi-buttati-per-vedere-san-marco-allagata/

Libri e varie...
LA CORRUZIONE - UNA STORIA CULTURALE
Quattromila anni di tangenti tra storia, letteratura e cronaca!
di Carlo Alberto Brioschi

La Corruzione - Una Storia Culturale

Quattromila anni di tangenti tra storia, letteratura e cronaca!

di Carlo Alberto Brioschi

Quattromila anni di tangenti tra storia, letteratura e cronaca!

Una tangente non è mai solo una questione di costi e benefici; ogni comportamento, più o meno lecito, è influenzato dal luogo e dall’epoca, dalle leggi in vigore e dalle norme morali: in una parola dalla nostra stessa cultura. Anche per questo leggere una commedia di Aristofane, un dramma di Shakespeare o un romanzo di Balzac può aiutarci a indagare sulla corruzione nella storia almeno quanto cronache, studi e documenti.

A ben guardare, governanti e uomini d’affari accusati di malversazione nel corso del tempo sono altrettanti personaggi romanzeschi: dal latino Verre ai «barattieri» descritti da Dante, dal sovrintendente del Re Sole, Fouquet, al lobbista Jack Abramoff, dai venditori di cariche pubbliche nell’Italia spagnola ai gerarchi fascisti prezzolati, da Bonifacio VIII a Francis Bacon, dai boss della criminalità organizzata ai protagonisti dell’Iraqgate.

Questo libro ne ripercorre le storie e le mette a confronto spaziando dalle civiltà mesopotamiche, dove ungere le ruote era considerato lecito, alla Roma di Giulio Cesare, in cui il favore interessato era un costume condannato ma ampiamente diffuso, dall’Europa di Lutero, che denunciò la decadenza della Chiesa, all’irrisolta questione morale dei giorni nostri. Una cavalcata tra i secoli che intreccia politica e letteratura, storia dei fatti e delle idee, e che illumina l’origine e l’evoluzione della «cultura della mazzetta» attraverso saggi e satire, testimonianze, favole e film, dal Principe di Machiavelli al ­Pinocchio di Collodi: per ricostruire la trama del grande romanzo della corruzione e comprenderne le mutazioni e i devastanti effetti ma anche per ribadire la necessità di continuare a opporvi la più cocciuta resistenza.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *