Vaccino Covid: “Centinaia di Bambini abortiti per creare una Linea cellulare”

John Henry Westen di Lifesitenews ha intervistato la ricercatrice Pamela Acker, autrice del libro “Vaccination: a catholic perspective” che riguarda la questione delle cellule di feto abortito con cui è stato lavorato il vaccino contro il Coronavirus, sia nel caso di Pfizer che nel caso di Moderna.

Liquido amniotico: cosa c'è da sapere | Dolcemamma

Come noto, si tratta della linea cellulare HEK-293, usata anche nel vaccino russo prodotto dall’Istituto Gamaleya (lo Sputnik), così come nelle ricerche per il vaccino portate avanti dalla Cina e dal Canada.

“Riguardo la linea cellulare HEK-293, una cosa che emerge negli articoli che ho guardato per le considerazioni morali del cas, è che la gente dice: Oh, non c’era documentazione sul fatto che fosse un aborto volontario, potrebbe essere stato un aborto spontaneo” dice la dottoressa Acker. “Ciò è abbastanza falso o ignora certi fatti, perché al fine di produrre una linea cellulare c’è un numero di cose molto difficili da fare”.

Partendo dal nome, va spiegato che “HEK sta per rene di embrione umano. 293 sta per il 293° esperimento”. Cioè, “il duecentonovantreesimo esperimento di questa particolare ricerca per sviluppare la linea cellulare”.

Per fare chiarezza, “non significa necessariamente che ci sono stati 293 aborti ma si da il caso che per fare 293 esperimenti hai bisogno di molto più che un aborto”, quindi, “parliamo probabilmente di centinaia di aborti”.

La filiera per l’approvigionamento di tali quantità di bimbi sacrificati, non può che partire dal sistema sanitario: “Questo è stato fatto con la collaborazione di qualche ospedale”.

Non stupisce l’avanzato esempio della Svezia che si è gettata con inesausta dedizione nel compito di uccidere bambini, per poter fare dei loro corpi materiale da ricerca scientifica o da consumo farmaceutico.

“C’era in realtà un gruppo in Svezia che era coinvolto nello sviluppo della linea cellulare WI-38. Essi regolarmente abortivano bambini per tentare di sviluppare linee cellulari fetali”.

Davvero si vuole far finta di nulla, e raccontare ancora la favoletta del “singolo aborto” remotamente effettuato decenni fa (il male va in prescrizione, scade come uno yogurt), quindi tanto lontano da noi e di cui oggi noi dovremmo beneficiare?

Come noto, questa è tristemente la posizione morale del vaticano di Bergoglio, percolata poi drammaticamente perfino nel cattolicesimo tradizionalista, con la nota dell’Abbé Arnaud Sélégny della Fraternità Sacerdotale San Pio X, le cui parole però, da informazioni in nostro possesso, non rappresenterebbero affatto ufficialmente la Fraternità sacerdotale San Pio X.

Rivisto da Conoscenzealconfine.it

Fonte: https://www.renovatio21.com/vaccino-centinaia-di-bambini-abortiti-per-creare-una-linea-cellulare/

LE VACCINAZIONI DI MASSA
Prevenzione, diagnosi e terapia dei danni
di Roberto Gava

Le Vaccinazioni di Massa

Prevenzione, diagnosi e terapia dei danni

di Roberto Gava

I genitori che si chiedono se è veramente utile vaccinare i propri figli hanno difficoltà nel trovare informazioni esaurienti e obiettive, perché molto spesso non ritengono soddisfacente la comunicazione offerta dai Servizi Vaccinali delle ASL.

Infatti, è prassi comune:

  • non informare che le vaccinazioni obbligatorie per Legge sono solo 4 (mentre si propone l'Esavalente che contiene 6 vaccini);
  • negare i rischi gravi e sottovalutare la frequenza delle reazioni avverse;
  • non dare notizia dell'esistenza di una Legge che riconosce un indennizzo ai danneggiati da vaccino;
  • non ricordare che nel Veneto le vaccinazioni pediatriche non sono più obbligatorie e in molte Regioni il rifiuto a vaccinare è depenalizzato.

Molti genitori e operatori sanitari si chiedono se le patologie allergiche, autoimmunitarie, neurologiche e comportamentali, che in questi ultimi anni sono in costante aumento, abbiano un nesso e un rapporto di causalità con la pratica delle vaccinazioni di massa.

Negli USA si stima che 1 bambino su 6 presenti difficoltà di apprendimento, 1 su 9 asma bronchiale, 1 su 10 ADHD (sindrome da deficit di attenzione con iperattività), 1 su 88 comportamenti autistici, 1 su 450 diabete mellito insulino-dipendente.

In Italia non abbiamo nemmeno dati ufficiali: i danni da vaccini sono sottostimati e addirittura negati, mentre sono in netta crescita le denunce dei genitori che attribuiscono le patologie invalidanti dei loro figli ai vaccini eseguiti nei primi due anni di vita. In controtendenza rispetto alle normative europee, nel nostro Paese permane l'obbligo vaccinale e l'offerta di nuovi vaccini è in costante aumento, nonostante la totale assenza di studi scientifici a lungo termine indipendenti dall'Industria Farmaceutica che dimostrino sia l'utilità sia l'innocuità di queste vaccinazioni nei Paesi industrializzati.

Scopo del libro è fornire una riflessione scientifica critica sulla pratica delle vaccinazioni di massa e diffondere un'informazione aggiornata e indipendente sul rapporto rischio-beneficio dei vaccini pediatrici, sulle indagini diagnostiche, su alcune tecniche terapeutiche dei danni vaccinali e sulle possibilità di un intervento medico-legale.

Chiudono il libro una decina di toccanti testimonianze di genitori che sono stati danneggiati dai vaccini nei loro figli.

...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *