La Strage delle donne rese schiave e uccise in Amazzonia, di cui nessuno parla

di Francesca Biagioli
In Amazzonia si sta compiendo una vera e propria strage, le cui vittime sono donne indigene, diventate schiave e poi uccise dalle lobby. Si parla di migliaia di vittime l’anno.
A denunciare la cosa è il Vaticano. Nessuno ne parla e gli stessi stati del Sud America interessati dal problema (Brasile, Bolivia, Perù, Equador, Venezuela, Colombia), fanno orecchie da mercante. Eppure, sarebbero migliaia le donne indios vittime di violenza, rese schiave e uccise in Amazzonia ogni anno.
A mettere nero su bianco la presenza di questa strage è l’Instrumentum laboris del Sinodo sull’Amazzonia, il documento preparatorio redatto dal Vaticano, in occasione dell’appuntamento previsto per l’autunno prossimo, in cui si parlerà proprio di questo territorio martoriato da moderni “conquistatori”.
Come si legge riguardo alle donne:“sono vulnerabili alle minacce provenienti dai settori agroindustriali e da quelli che sfruttano clandestinamente minerali, legname e altre risorse naturali. Sono anche vittime del narcotraffico, di mega progetti infrastrutturali come gli impianti idroelettrici e le autostrade internazionali e di attività illegali legate al modello di sviluppo estrattivista”

Vai all’articolo

Il "TRIADE COLOR TEST DINAMICO FLASH" per parlare alla propria Coscienza
(come mai nessuno ha fatto prima...)
Corrado Malanga, ricercatore sul rapporto tra scienza, coscienza e consapevolezza di Sè, ex ricercatore universitario, autore di numerosi libri di successo, dopo anni di ricerche mette a disposizione di chiunque una tecnica per acquisire consapevolezza di sé.
Nel libro bestseller "TCT La Coscienza Ritrovata" l'autore spiega come mettere in atto un progetto di integrazione personale, per rendersi conto del nostro stato di Creatori della realtà Virtuale.
Il metodo, chiamato Triade Color Test (TCT) Dinamico Flash, si basa sul sistema di suddivisione degli spazi ideato da Pulver e il test psicoanalitico dei colori di Luscher e le regole della cromodinamica quantistica... unificati in un'unica simulazione mentale che ognuno di noi può fare per comprendere realmente chi è.
Nel libro viene spiegato chiaramente come funziona.
Il test è una porta aperta per parlare alla propria coscienza, come mai nessuno ha fatto prima... ›››

La Sicilia ha tra le mani un affare miliardario: ma alle Lobby conviene?

La Sicilia ha tra le mani un affare miliardario. Si chiama “limonene” e si trova nelle bucce delle arance. Se ne può fare un pesticida efficientissimo ed ecologico… Ma alle lobby conviene?
Con le bucce di arance si possono fare un sacco di soldi. Lo sanno bene gli spagnoli che, zitti zitti, con il limonene – una sostanza contenuta nelle bucce di arance – producono pesticidi biologici che eliminano insetti e funghi dannosi per l’agricoltura senza inquinare l’ambiente. Un grande affare a nove zeri. E la Sicilia? Affrontiamo l’argomento con il chimico del CNR, Mario Pagliaro.
L’olio estratto dalla buccia delle arance, lo stesso che quando le sbucciamo emette quel gradevole profumo, sarebbe un potente pesticida naturale usato in tutto il mondo per la difesa delle colture.
Questo prodotto – il limonene, contenuto nella buccia degli agrumi e, in particolare, nelle bucce delle arance bionde – sta diventando più importante dell’arancia e del succo di arancia. Perché, già usato al posto dei pesticidi per combattere gli insetti e i funghi dannosi per l’agricoltura, ha anche trovato molti altri usi…

Vai all’articolo