Gli “Eletti” sparsi per il mondo vi aiuteranno ad uscire dalla schiavitù del Sistema

di Giuliana Conforto
Pochi sono consapevoli dei tempi eccezionali che stiamo vivendo… pochi ma sufficienti per aiutare se stessi e l’intera umanità.
Sono quelli che i Vangeli e film come “Matrix” chiamano gli “Eletti”, ovvero quelli che cercano la verità. Gli eletti si sentono diversi fin dalla nascita, non si adeguano alla “realtà” di questo mondo, vorrebbero cambiarlo ma non sanno come fare.
Imboccare la via dell’evoluzione è per costoro un “cambiare”, che è in realtà diventare se stessi; è “Essere”, ovvero: riflettere nel mondo il proprio messaggio genetico in tutta la sua integrità.
L’incontro fatale con un professionista, che ristabilisce il contatto con il vero sé, è il passo necessario per chi cerca la “via”. È un evento che imprime una svolta all’esistenza del potenziale “eletto”; l’evidenza che tutto ciò che ha sempre saputo e sentito è vero, e non solo sogno o vaga fantascienza…

Vai all’articolo

IL PERCORSO DI RINASCITA SPIRITUALE DI UN'ALLIEVA VICINA A MAMANI, CURANDERO ANDINO!
Hernàn Huarache Mamani, Curandero e grande divulgatore della cultura andina, ci ha lasciato importanti insegnamenti. Tra questi, il legame intenso con Pachamama (la madre Terra), la sacralità dell'elemento femminile, la donna come maestra dell'amore, la capacità di dirigere l'energia e la connessione con le proprie radici.
Lisa Corrao, l'allieva a lui più vicina, ripercorre in questo nuovo libro il proprio percorso di rinascita spirituale grazie agli insegnamenti del maestro.
È un percorso di iniziazione al seguito degli insegnamenti di Mamani.
È un invito, rivolto a tutti coloro che cercano la guarigione emotiva, mentale e spirituale, ad avvicinarsi al patrimonio di sapienza antica che costituisce la preziosa eredità ricevuta da Mamani... ›››

Il ritorno dell’etere e dell’armonia

La niakea dorata

di Giuliana Conforto
Perché i venti di guerra crescono? Perché è in atto l’Apocalisse che non è la fine del mondo, ma la rivelazione del “potere” che ha ridotto l’umanità in schiavitù. E’ un “sapere” che ignora l’infinita energia oscura a disposizione di tutti: sgorga dal “vuoto”, opera nel nostro cervello e può essere ciò che sentiamo come coscienza.
Sebbene l’energia oscura componga circa il 70 per cento dell’universo e le cellule del nostro cervello la usino di continuo, gli scienziati non sanno cosa sia; sanno che sgorga dal “vuoto” e che provoca effetti quali l’espansione dell’universo osservabile. Le neuroscienze hanno dimostrato che la porzione più cospicua del cervello – la nostra materia bianca – usa energia oscura e pochi lo sanno. I media riportano i trionfi delle scienze, ma non i fatti che sfidano le sue presunte “certezze”…

Vai all’articolo